giovedì 23 febbraio 2012

Sarah Scazzi. Il processo prosegue fra piccoli colpi di scena, tanti non ricordo e continue bugie


Qualcosa non torna nel modo di trasmettere al pubblico le informazioni su quanto avviene nelle aule del tribunale di Taranto. Ed è strano ci siano giornalisti che, cambiando a modo certe frasi, cambino così anche le carte e stravolgano il senso dei discorsi. E' strano perché non c'è un senso logico dato che ad oggi l'opinione pubblica nulla può più, dato che "il giudizio finale" spetterà ad una giuria terza e, se possibile, imparziale. Per quale motivo allora lo si fa? Per capire a cosa mi riferisco occorre tornare all'otto di febbraio, il giorno successivo alla terza udienza del processo, quando un giornalista, che ha il compito di riportare a chi lo legge quanto si dice in aula, sotto il titolo: "Concetta: Sabrina prese 2 diari di mia figlia Sarah", scrisse: "... aggiungendo infine un elemento nuovo. Sabrina avrebbe preso da casa Scazzi due diari di Sarah, sui quali la 15enne annotava tutto, e di quei diari si sono perse le tracce, o meglio lei non sa se poi sono stati consegnati agli inquirenti". Ed a questo punto c'è da dire che la casa di via Deledda è stata perquisita a fondo. Quindi, fossero stati presenti eventuali diari di Sarah, sarebbero in automatico entrati nella disponibilità dei Pm.

Ma lasciamo stare le perquisizioni e chiediamoci cosa il giornalista ha fatto intendere ai suoi lettori, perlomeno a quelli che non hanno avuto la voglia o la possibilità di leggersi i verbali della terza udienza del processo. E logico che, non avendo in sé le giuste specifiche, lo scritto faccia credere ad una Sabrina Misseri che portò via due diari di sua iniziativa. Chissà mai quali segreti custodivano, viene spontaneo pensare dopo aver letto l'articolo. Ma in realtà non c'è alcun segreto perché i diari non li ha portati via di sua iniziativa. In udienza Concetta Serrano, alla contestazione del Pm che le ricordava un verbale in cui aveva dichiarato essere stata la nipote a chiederle di visionare i diari, ha risposto: "Cioè, stavamo collaborando diciamo...". E nel proseguo dell'interrogatorio, a pagina 119 della trascrizione, si legge: "PM M. Buccoliero: Certo. Quindi lei (Sabrina Misseri) ha preso poi questi diari, che cosa ha fatto? / C. Serrano Spagnolo: Ha letto una pagina, due, pero dice Sabrina: - Qui c'è tanto da leggere zia, non fai in tempo a leggerli tutti - non bastava una serata. / PM M. Buccoliero: Sì. / C. Serrano Spagnolo: Va bene, allora te li porti a casa così vedi se c'è qualcosa di utile". Questo quanto uscito a processo e confermato dalla madre di Sarah, fra i non ricordo ed i tanti: la mia memoria non è buona, diverse volte nella stessa udienza. I diari li diede lei, nessuno li prese e quanto scritto dal giornalista risulta essere vero a metà e ambiguo.

Con questa premessa mi accingo a parlare dell'udienza di martedì 21 febbraio. E lo faccio citando ancora una volta lo stesso giornalista ed un titolo: "Testimone: "Sabrina mi disse come era vestita Sarah, ma come poteva saperlo?", che porta a pensare alla colpevolezza in quanto fa credere che la ragazza si sia tradita parlando di abiti che non poteva conoscere, dato che ha detto di non aver visto la cugina in quelle ore. Ma a leggere altri giornali si viene a sapere che l'amico non era a conoscenza in realtà di come fosse vestita Sarah, si viene a sapere che gli era stato riferito fosse "vestita da mare", non specificamente con il completo rosa e tutto il resto. Si viene informati anche di una contestazione del Pm, che citando un verbale ha ricordato al teste di aver dichiarato di sapere di una maglietta ed un pantaloncino, e dell'aggiustamento fatto dal ragazzo che avrebbe detto essere stata la zia a dirlo telefonicamente alla nipote. Ma lo ha detto perché ha sentito la Misseri parlare con la madre di Sarah al cellulare, lo ha detto perché è stata la stessa Misseri a dirglielo... o lo ha supposto di suo? Ora, per capire cosa in effetti sia uscito in udienza, ci toccherà di aspettare venga depositata la trascrizione. Visti i precedenti, infatti, risulta difficile dar credito al suddetto giornalista.

Come sempre più difficile risulta il credere al Petarra, a sua moglie ed anche alla moglie del suo compare. Nel verbale d'udienza del 14 febbraio, a pagina 88, si trova scritto: "PM De Luca: Ci può dire l'orario di lavoro che svolgeva? / Di Bari Giuseppina: Di solito dalle 2 alle..., si, tre ore facevamo solitamente". Nello stesso verbale si trova anche, a pagina 76: "PM M. Buccoliero: Senta, poco fa lei ha detto che con riferimento all'orario di lavoro era dalle 14.00 - 17.00, si ricorda se l'orario di lavoro era diverso per i mesi estivi e per i mesi invernali? Cambiava qualche cosa? / Trono Pamela: No, no, no, abbiamo sempre fatto quell'orario, no". Peccato che la sua amica abbia detto che in inverno iniziavano alla 14.30 perché alle 14.00 era troppo presto. Ma questo è forse irrilevante al fine della testimonianza, anche se è più facile sia l'orario estivo quello spostato in avanti, non l'invernale quando di prima sera è già buio. Ciò che è rilevante è che ieri è stato escusso il loro datore di lavoro, Giuseppe Olivieri. Questi sotto giuramento ha affermato che le donne lavoravano per lui un'ora a settimana, che avevano le chiavi ed esse stesse gestivano il loro ingresso negli uffici.

E qui capiamo che qualcuno è ricaduto nel solito vizietto, quello che non ha solo Michele Misseri ma pare essere esteso a mezza Avetrana. Ciò che nell'udienza del 14 febbraio è parso tassativo, andare al lavoro per le 14.00 e stare a pulire per tre ore, ora non solo è aleatorio ma pare anche inconcludente ai fini di una determinazione sicura dell'avvistamento di Sarah. E che la credibilità dei testimoni stia scricchiolando viene anche dalle dichiarazioni dei due uomini impegnati a pitturare la casa, uomini che hanno affermato di aver visto, a partire dalle sei di mattina per arrivare al momento in cui si è finito il lavoro, solo ed esclusivamente Sarah Scazzi. Come a dire che nelle sette ore passate dal Maresca su un marciapiedi di via Verdi, e nelle nove ore e mezza passatevi dal Petarra, nessun avetranese ha mai percorso a piedi o in bicicletta quella strada. Questo pur se hanno testimoniato di essere stati attenti in quanto, avendo l'impalcatura sul marciapiede, si rischiava di far del male a chi passava sotto.

E se inoltre si uniscono due testimonianze agli antipodi, una di Pamela Trono ed una di suo marito, arriviamo al paradosso estremo, quasi al ridicolo testimoniale. Lei sotto giuramento ha dichiarato che il dire a suo marito di controllare il figlio significava stargli vicino, perché non avendo ancora cinque anni temeva cadesse dal divano, dove si era addormentato, e si facesse male. Mentre lui ha detto che dopo aver incrociato la moglie che scendeva per andare al lavoro, ha controllato il figlio e vedendolo dormire è sceso stando fuori casa fino alle 15.30. Come dire, un controllo lampo che lo ha tranquillizzato per più di un'ora e mezza. Ma martedì non si è parlato solo degli orari di lavoro e degli abiti di Sarah, si è parlato anche di verande e cancelletti. Ricorderete tutti la frase mandata in onda da Lamberto Sposini, speriamo torni presto al suo posto, quella in cui si sente Mariangela Spagnoletti dire che Sabrina Misseri al suo arrivo era tranquilla. Riascoltiamola in 28 secondi.



Questo spezzone di filmato, poi sequestrato dalla procura assieme a tanti altri, è stato probabilmente ascoltato anche dai Pm, dato che a quanto pare martedì si sono affrettati a dire in aula che Mariangela Spagnoletti all'inizio era reticente. Ma in fondo la ragazza, reticente o meno inizialmente, è stata onesta ed ha detto quanto visto, o quanto ricorda di aver visto, e non si può dubitare della sua parola perché non ha alcun tornaconto nella questione. Si può dubitare delle sue sensazioni quando dice "era tranquilla o non era tranquilla", dato che lo stato d'animo può cambiare velocemente ed in soli cinque secondi passare da un estremo all'altro. E d'altronde cosa cambia sia anche vero che Sabrina Misseri si trovasse sulla strada quando lei è arrivata? In fondo le aveva mandato un messaggio diciassette minuti prima per dirle che stava per arrivare. E cosa cambia se pure fosse stata un poco agitata, in fondo Sarah le aveva inviato lo squillo di conferma da dieci minuti, e se mai aveva tardato così tanto tempo un minimo di preoccupazione doveva avercela. Quindi non c'è da fare il peso per capire se siano migliori i ricordi dell'una rispetto a quelli dell'altra. Chi può dire che quelli della Spagnoletti non siano veri? Nessuno. Per contro, se anche la Misseri fosse stata sulla strada, chi potrebbe mai dire che vi fosse arrivata dopo essere uscita dal garage e non dal portoncino? Lo si può ipotizzare perché ha dichiarato di trovarsi sulla veranda? E per quale motivo non può essersi confusa ed aver creduto, e credere, di essere stata ad attendere l'amica in veranda, come le altre volte in cui questa non arrivava dopo diciassette minuti? 

E' chiaro anche che la Misseri potrebbe aver mentito di proposito ed essere un'assassina, ma per dimostrarlo servono riscontri reali e veritieri, non mezze verità giornalistiche, non chiacchiere di paese, non sensazioni a pelle o valutazioni personali degli stati d'animo, non scontri offensivi di poco costo fra chi ha preconcetti, ma riscontri processuali in piena regola. Di certo non devono essere come quelli portati dal teste che parla di una sagoma sbiadita e di un'auto chiara poco dopo le due e cinque. Non ci si può basare sulle ombre esili ed impercettibili. Non ci si può basare su uno che dice: "un'auto mi ha 'tagliato la strada' facendomi quasi sbandare", e di questa non ricorda nulla. Perché, a meno che non andasse a 200 chilometri all'ora, una cosa del genere non risulta possibile. Come non ci si può basare sul Petarra che in aula ha detto più "non ricordo" di chi ha passato dieci anni in "coma". Petarra che a più di otto mesi dal fatto rilasciò un verbale spontaneo ai carabinieri per dire che Sarah l'aveva guardata fino alla via Kennedy. Verbale che ora si scopre non essere affatto spontaneo, nonostante vi sia scritto sopra: "Voglio rilasciare dichiarazioni spontanee", perché il teste in aula ha detto, ed è stato costretto a ribadire, di essere stato espressamente invitato ad andare in caserma da un ufficiale degli stessi carabinieri (per fare quelle dichiarazioni perché solo quelle vi sono sul verbale). E non ci si può basare neppure su quelle di chi si dichiara certo che il figlio quel 26 di agosto ha pranzato a casa della fidanzata, salvo non ricordarsi dove il figlio abbia pranzato il 30 agosto e rifugiarsi in un: "come faccio a ricordare dopo tutto questo tempo?".  Ed è tutto dire...


Speciale Annamaria Franzoni:
Annamaria Franzoni Cap 10 (la vera arma del delitto...)
Annamaria Franzoni Cap 11 (una condanna nata dalle chiacchiere di paese) 

100.000 firme da inviare al premier Mario Monti
Sarah Scazzi. Il giudice è un ex sostituto procuratore di Taranto
Il suicidio annunciato (video)
Serena Mollicone e le quindici tracce biologiche
Da Elisa Claps a Luca Mongelli
Torna alla home page






149 commenti:

Anonimo ha detto...

Sono un nuovo visitatore del tuo sito, mi piace molto come ti approcci alla verità reale o processuale,ed è per questo che vorrei chiederti dove posso trovare i verbali dei testi(tutti)
di questa intrigata vicenda.
Grazie in anticipo, perchè anch'io ho molti dubbi e perplessità su come vengono condotte le indagini, ma quello che mi sembra paradossale è l'opinione pubblica che senza conoscere vuole un colpevole a tutti i costi e a mio modesto parere Sabrina sposa perfettamente questo ruolo anche se , se non avesse chiamato tutti per cercare Sara oggi non avremmo saputo niente di questa ragazzina.

emax/massimo prati ha detto...

I verbali degli interrogatori li trovi a sinistra dell'articolo, sotto le tre striscie pubblicitarie. Ciao, Massimo

Manlio Tummolo ha detto...

Caro Massimo,
che dirti ? Come al solito hai il terribile "difetto" di centrare sempre i problemi, di analizzarli con estrema attenzione, di vederne i molteplici risvolti. Come vedi, cose che ti escluderebbero dal diventar magistrato e forse anche avvocato.
Approfitto della tua introduzione sui diari per approfondirne gli aspetti. Vediamo: qui si parla di diari, senza specificare se si intendono quaderni (dove si può scrivere ogni volta utilizzando tutto lo spazio necessario) oppure agende, dove lo spazio giornaliero è prefissato (vi sono anche agende dove sabato e domenica hanno spazi ridotti, tra l'altro). Comunque sia, tre o più diari corrispondono a più anni di vita. Non credo che Sarah avesse tre diari per ogni anno: non siamo più nell'800, quando si scriveva di tutto e di più sui propri diari. Quelli che potevano contare ai fini dell'indagine erano i diari 2009 e 2010, ovvero quelli riferibili alla frequentazione di questo Ivano o, almeno, della compagnia di Sabrina. Qualunque cosa vi fosse scritta, difficilmente poteva avere attinenza col delitto, se non come "prova" di una pluriennale gelosia di Sabrina verso di lei (ma allora perché se la sarebbe portata dietro financo l'ultimo giorno ?). Probabilmente, se quei diari esistono, sono in possesso, come suggerisci, della stessa Procura, ma, non essendo significativi per l'accusa, vengono tenuti nascosti. Oppure semplicemente non esistono.
Differisco da te solo sulla testimonianza della Spagnoletti, lei ed Ivano sono i "testimoni" maggiori dell'accusa, sebbene del tutto inefficaci, e non a caso hanno o hanno avuto un medesimo avvocato. Dovrebbe essere in tuo possesso il telegiornale RAI 1 delle 20 dei giorni dell'arresto di Sabrina, dove l'ineffabile signorina legge una sua intera relazione, non si sa bene se scritta da lei o a lei dettata, in cui dava quella versione largamente studiata a memoria e ribadita con quella "sicurezza" che fa sciogliere in esclamazioni entusiastiche i gazzettieri e gazzettinieri di destra e sinistra, visto che di testimonianze sempre uguali ne possono vantare pochine.

carla ha detto...

ciao massimo condivido tutto con quello che scrivi,quel video l'avevo visto ,in effetti ieri sera ero in cerca per poter postare.......in effetti dato che si parla di giustizia,non ritengo plausibile,che non si riconosca questi imbrogli......scusa massimo ho preso troppo a cuore questa causa perchè so personalmente come si muovono i molestatori e di quello che sta succedendo,di sicuro non è un stimolo di denunciare di chi viene abusato,perchè in questo caso si da un ulteriore motivazione a questi carnefici,di appropriarsi e spaventare la vittima.......
basterebbe pensarci il perchè è così difficile denunciare.....il che non è tanto di affrontare l'avversario, ma che tutto ti si può ritorcere contro e così sei doppiamente vittima.....e chi è artefice gioca tanto su questo,si certamente,con ricatto e minaccia.......se ne sono venuta fuori è stato solo per combinazione e ammettiamo anche per fortuna,senza negare una parte di volontà da parte mia.......per quel che ha potuto essere la mia esperienza,l'unica è stato,per venirne fuori,prenderlo contropiede un atteggiamento che da parte sua inaspettato e metterlo a faccia a faccia e non nego se l'ha fatto sotto........be!non dico che io avessi avuto da meno,importante non fare capire al avvessario......grazie aDIO tutto andò a buon fine.......e ti ritrovi un'altra persona,meglio naturalmente e non ignara diffronte a certe cose.....
ecco perchè ritengo che sabrina è un'altra vittima non solo da suo padre ,ma anche dalla giustizia,perchè si fa di tutto,per farla apparrire responsabile a tutti costi,se no come si spiega,che tengono nascoste certe prime dichiarazioni.......a proposito si parla tanto di sabrina per la sua storia amorosa e cosima che ci fa,non mi sembra che si parli molto della sua invidia ed è ovvio che fa da palo,per rafforzare il movente,a questo non ci si pensa?......saluti

Giacomo ha detto...

CONTINUA IL LINCIAGGIO MEDIATICO

Ciao Massimo. Complimenti per l'articolo.
Anch'io mi sono posto la stessa domanda sul perché del comportamento ostinatamente colpevolista dei media.
Non vorrei che tale comportamento servisse a mantenere l'humus necessario a far recepire come accettabile, anzi logica ed indispensabile, un'eventuale condanna delle imputate.
Tu stesso più volte hai detto, ed io lo condivido, che i giudici popolari, poiché vivono in mezzo alla gente, sono permeabili alle attese che vengono da un'opinione pubblica condizionata in senso colpevolista.
Mi auguro di no, ma non sono eccessivamente ottimista.

Noto soltanto che continua lo stillicidio di vere e proprie diffamazioni nei confronti delle imputate. L'ultimo in ordine di tempo prende spunto dal richiamo che la Presidente della Corte ha fatto alle imputate perché si agitavano troppo, manifestando troppo vivacemente il proprio dissenso su quanto andavano dicendo i testimoni, in particolare Mariangela Spagnoletti.
Queste vivaci e MUTE reazioni di dissenso vediame come vengono trattate da alcuni media.
Gazzetta del Mezzogiorno. Articolo a firma Tonio Tondo. Titolo "Mariangela l’accusa e Sabrina SBUFFA". Testo
"Sabrina si agita, scuote la testa, per significare di "no", che le cose non stanno come le racconta l’ex amica tanto da provocare un richiamo ufficiale da parte del Presidente della Corte".
Ovviamente nel corpo dell'articolo l'antipatica azione dello sbuffare, espressione di maleducata impazienza e sintomo di incoscienza e superficialità, è scomparsa.

Più asettico il resoconto del "Quotidiano di Puglia" che nella cronaca dell'udienza riporta:
"17.00. Durante l'esame di Mariangela da parte della difesa, il presidente della corte d'assise si rivolge alle imputate invitandole ad "astenersi da qualsiasi gesto di approvazione o disapprovazione in relazione alle parole del teste, soprattutto quando questo e' rivolto verso gli imputati".

Ma il top l'ha raggiunto una certa Santoro a chiusura della trasmissione Porta a Porta. Dopo che era stata esaltata per tutta la trasmissione la teste M. Spagnoletti come colei che non ha lasciato scampo all'imputata, un Vespa divertito dal paradosso di questa vicenda in cui il reo confesso è libero e le presunte colpevoli in carcere si dichiarano innocenti, ha dato la parola alla predetta giornalista, perché lanciasse la sua pietra finale contro Sabrina.
"Sì, la Presidente della Corte ha ripreso Sabrina, perché RIDEVA in faccia a Mariangela". E la giornalista ha aggiunto di suo: "Non era la prima volta, perché Sabrina già AVEVA RISO IN FACCIA alla MADRE di SARAH"
Naturalmente le risate sono inventate di sana pianta!

Oltretutto non si può escludere che tutto questo comportamento diffamatorio sia dovuto a meschina vendetta dello staff di "Porta a porta" perché le imputate hanno negato il consenso a trasmettere le loro immagini, anche sotto forma di disegni.

Giacomo

VITO da Catania ha detto...

x MAX.Bravo ,come al solito leggendo i verbali ci dai modo di avera delucidazioni su che cosa si dichiara in un processo è cosi possiamo avere le idee più chiare grazie . PS.Un tuo intervento aPORTA A PORTA da Bruno Vespa non sarebbe male, cosi rinfrescheresti la mente di qualquno, che non sapendo niente divaga in supposizioni a dir poco carnevalesche . Penso che il buon Vespa te nè sarebbe grato . Noto con piacere chè i tuoi discepoli.......LETTORI AUMENTANO DI GIORNO IN GIORNO bravo è tante grazie vito.

Teddy ha detto...

Grazie per questi articoli max.

Non conosco questo caso come tu e i vostri lettori ma finora mi sembra che le "prove" contro le Misseri proprio non ci sono. Trovo incredibile che:
i) c'è udienza solo una volta a settimana
ii) che i PM ad ogni teste fanno centinai di domande inutili prima di arrivare al dunque... per quale motivo?
Mi auguro che il Presidente del corte non è condizionato da tutto il contorno di questo processo, ma finora non ho abbastanza informazione per capire se lui è un tipo che può essere condizionato o meno. Che ne pensate?

Anonimo ha detto...

Grazie Massimo, il tuo articolo coglie nel segno come sempre.
Spesso mi chiedo perchè a un certo punto i media si coalizzino verso gli indagati dalle varie procure, sottacendo le varie incongruenze e lacune delle indagini, per questo soprattutto, ma anche per altri casi che vengono scelti e a cui viene dato risalto mediatico. Forse in ognuno di questi casi fa comodo e fa audiens pensare ad un movente di tipo sentimentale, che sia la gelosia, l'amante ecc. perchè in fondo alla gente questo interessa, tutto viene ascoltato come se fosse una fiction e gli ascolti salgono. Sono convinta del fatto che se la procura avesse continuato ad indicare in Michele Misseri l'autore del delitto, le televisioni se ne sarebbero disinteressate fin da subito, perchè avrebbero considerato il tema della violenza e della pedofilia troppo forte da affrontare. In ogni caso è veramente vergognoso il modo in cui spesso vengono trattati certi argomenti e temo che la giuria popolare potrà essere influenzata da quanto le televisioni e i giornali ci dicono in coro.
Spero per il bene della verità che gli accessi al tuo blog, già molto seguito, continuino ad aumentare e che le persone quanto meno si pongano degli interrogativi e lascino spazio al dubbio.
Ciao
Sandra

VITO da Catania ha detto...

X.MAX. Caro Massimo ,leggendo il tuo articolo ,che, come al solito mette in mostra tutte le menzogne dei testimoni. La foto che che ci fai vedere riguardo al tuo articolo è la statua della bocca della verità.Allora ti chiedo sè tanti Avetranesi mettessero la mano dentro la statua , penso che poche sarebbero le mani che ne uscirebbero intatte, è sarebbe una goduria per chi fabrica protesi della mano . Ma torniamo al tuo articolo, è leggendo la versione del Petarra è ovvio chè sia lui chè il suo amico mentono perchè è assurdo dire che in 7 o 10 ore passate in strada la sola persona chè vedono è Sarah ,come mente anche sua moglie ,dicendo di essere andata al lavoro alle 13,55 è solo per giustificare al datore di lavoro che lei è la sua commare ,anno iniziato a fare le pulizie del negozio alle 14 . In fine vedendo il video è ascoltando le parole di Mariangela a domanda del P.M ,dicendo che Sabrina era tranquilla, ci fà capire che dagli amici mi guardi DIO chè dai nemici mi guardo io .ciao Vito

norma ha detto...

I pm giustificano il cambio di versione di Mariangela (a proposito dello stato d'animo di Sabrina) dicendo che la teste all'inizio era reticente.Strano però che l'abbiano definita al contempo "testimone genuina ed attendibile" facendo molto affidamento sulla circostanza di Sabrina in strada piuttosto che in veranda,parole delle quali si sono fidati subito.Certo perchè,secondo loro,questa precisazione da parte di Mariangela in contrasto su quanto invece dichiara Sabrina,è indice della sua neutralità in quanto,nell'ambito dello stesso interrogatorio,le chiedono anche se avesse notato o meno Sabrina guardare verso il garage mentre si allontanavano in macchina.Mariangela risponde che non ha fatto caso a tutto questo,ma se avesse voluto "inguaiare" Sabrina,avrebbe benissimo potuto dire di si e quindi,dato che poi alla fine non lo ha fatto,tutto quello che ha poi dichiarato è vero...tranne se la cosa va a favore di Sabrina,perchè in quel caso da testimone "genuina ed attendibile",si trasforma in testimone "reticente"...Mah!

DAVID DEEE ha detto...

Grazie Massimo ! Come al solito la tua arguzia....ha colto nel segno ! Temo che ..il processo Scazzi sia solo IMBASTITO ..per far tranquilizzare ..l'opinione pubblica !!E DARGLI QUELLO CHE VOGLIONO ! Io ora mai commento solo sulla pagina .".Noi Siamo con Sabrina e Cosima Serrano" su Facebook .."Perche' e palese..che , in questo momento si sta compiendo una grande ingiustizia , nei confronti , della vera verita' !! Non esiste gente che ha visto veramente ..ma prove fabbricate per fare quadrare il cerchio !FABBRICATE PURE MALE AGGIUNGEREI !! MA TANTO LA GENTE SEGUE LE CAVOLATE CONTINUE RACCONTATE DALLA TV . E DALL'OPINIONISMO ..IDIOTA SPESSO IMBARAZZANTE , CHE CREA LA STUPIDA SENSAZIONE ..DI STARE RACCONTANDO LA VERITA' !..IO ALLA SBARRA ..METTEREI I DUE PM. E TUTTI I GIORNALISTI CHE HANNO MENTITO PER FARE ODIENS, LA BRUZZONE ..E GALOPPA .
ALLO STATO DEI FATTI ..CREDO CHE, MAI FARANNO UN SERVIZIO ECUO...SU QUELLO CHE E' CERTO !!!E NON LE CAVOLATE ...RACCONTATE DA QUARTO GRADO !!...E TEMO ..CHE SABRINA E COSIMA ...SARANNO CONDANNATE ..SOLO PER ESSERE STATE LORO STESSE ...E INNOCENTI !

Sirenetta galatica Francy ha detto...

Non vedo l'ora che Sarah abbia giustizia

Anonimo ha detto...

Perchè si vuole a tutti i costi la colpevolezza di Cosima e Sabrina? Immaginiamo cosa significherebbe accertare invece la responsabilità dello zio di Sarah; quale famiglia non sarebbe attraversata da un reticolo di dubbi, timori, sospetti reciproci tra parenti e consanguinei?
La "famiglia" intesa come focolare rassicurante verrebbe messa in discussione. Secondo me lo aveva capito anche Michele: "Mi dispiace per la mia famiglia...".
I media per esercitare il loro controllo sociale devono preservare alcuni modelli tradizionali.
Le "streghe" invece sono sempre esistite.

Ivan

carla ha detto...

ciao carissima sirenetta,sta sicuro che alla fine,sara giustizia avrà e non come ci si aspetta,come esseri miseri umani,perchè si è perso il buon senso,per strada ,parlo nel senso generale e non tutti......ormai la gente non ha il concetto della realtà e pensa di poter giocare con le vite dei altri ,ma non mette a conto,che può succedere chiunque essere preso a tiro,poi si puo dare colpa solo al fatto che si permette tutto ciò.....che ancora dal medioevo non ci si è svegliati .....e per non dire che si pensi di vivere ancora "via col vento "o"uccelli di rovo",non si è capito ancora che questo non è un film.....purtroppo le mazzate arrivano........no,no sirenetta senta a me,cerca di dare del tuo meglio nella tua vita meno casini ti troverai e la stessa cosa cercherò di fare pure io......come non si può negare che si debba fare conti con ingiustizie,proprio perchè si chiama ingiustizia te la cavi comunque,riflettici e capirai posso anche avere ragione.....be! ti abbraccio e passa una buonanotte...ora vado vedere quarto grado,baci t.v.b.

Sirenetta galatica Francy ha detto...

Ciao Carla. sono convinta pure io che Sarah avrà giustizia, ma quanto tempo dovrà passare ancora ? questo è quello che mi preoccupa.ho paura che la giustizia arrivi troppo tardi. vado a vedere anche io Quarto grado. Buonanotte.Baci T.V.B


Buonanotte anche a te Sarah , ti sento vicina . ti voglio bene

carla ha detto...

ho seguito quarto grado,intanto ,a riguardo del richiamo del giudice,come già fece presente massimo ,si parla di smorfie,il che ci potrebbe pure scappare,perchè come si fa a essere impassibile diffronte alle accuse ,se non fosse vere.perchè giudice specificò"approvazione"e "disaprovazione",che sabrina rideva questo è stato aggiunto,compreso da salvo sottile che disse:-che non c'è niente da ridere..-come al solito siaggiunge e si toglie e si induce a pensare la gente a un certo modo.....
poi un altro particolare,si è voluto puntualizzare sul abbigliamento,di come poteva sapere sabrina come era vestita sara? ma non hanno fatto caso a cosima ,il che si nota ,che nemmeno lei lo sapeva,scusate il movente della accusa,non era che l'abbia uccisa sara madre e figlia?
poi la baduta finale,che sabrina è un ottima attrice,anzi una dei migliori attrici,per non dire che le supera tutte per sembrare che potesse essere talmente reale......non so come non si fa vedere ancora la forzatura delle vicende......oppure chi esatamente sta depistando?......
e già scusate mi devo abituarmi a una nuova parola che va di moda adesso,per rimbecillirmi ulteriormente,ora esattamente non so come si scrive ,visto che l'inglese non lo so,"lo scheer",ma penso di aver capito il significato,che più stupidagine si dica,più s'incanta la gente e più"lo scheer" sale......è così che funziona giusto?.......buonanotte a tutti

Manlio Tummolo ha detto...

Cara Carla,
se smettessimo di guardarli, smetterebbero di dire le loro sciocchezze. E' un circolo vizioso, che soltanto noi possiamo drasticamente interrompere, non aspettandoci chissà quali verità rivelate dalle loro fauci belluine. Se nemmeno un regolarissimo processo, con tutti i crismi formali, ci può dare certezze, chissà che cosa potrebbero darci quegli immondi dibattiti.

Anonimo ha detto...

Risposta al primo commento


Grazie per avermi detto dove sono i verbali del processo ma, non mi riferivo a quelli, volevo leggere le deposizioni iniziali di tutti gli interessati alla vicenda cioè quelli delle prime convocazioni dai carabinieri.Grazie ancora

magica ha detto...

buongiorno a tutti
la giornalista di quarto grado ieri sera ha detto che la principale accusatrice di sabrina è la pisano'..
perchè sabrina si confesso' con questa immediatamente dopo la confessione del padre .. dicendole che lei (sabrina) non avrebbe mai confessato nonostante i lunghi interrogatori .. ma durante i primi interrogatori non contestarono l'omicidio a sabrina, anzi non sapevano nemmeno che fine avesse fatto la sarah .. quindi pechè sabrina avrebbe dovuto confessare un omocidio se non glielo avevano contestato?.. poi mi pare strano che sabrina si confessi con una vicina .. nemmeno il piu' sprovveduto lo farebbe ,,,
la giornalista comare di sottile afferma,, che un altro indizio grave a carico di sabrina è il rapimento della cugina assieme alla madre ,, (il famoso sogno del fioraio ) fu sempre la pisano' ad andare dagli inquirenti e dire del rapimento che vide il fioraio .. ma se questo signore disse che fu un sogno . non è che la pisano' venga indagata per falso indizio?
con il quale indizio la cosima si è beccata un po' di mesi in galera ? .. ma la pisano' la passera' liscia?

carla ha detto...

anomino senza nome ,ti sarebbe piaciuto vedere sabrina e cosima prostate e si tirrasse i capelli?.......poi quanto pare sotto ingiusta accusa si trovano loro e non te ,mariangela o pisanò ecc.....come ti sentresti te di essere accusata/o di un fatto non commesso? e stare al fresco.....la storia del fioraio non sta in piedi è innutile insistere......per me loro due sono innocenti fino a prova contraria......non è bello che ti si uccide la figlia,come non è bello essere preso a tiro a primo che ti capita sottomano,solo per far avvalorare una tesi.......a te ti farebbe piacere assumere la colpa così grave ,per colpa di un altro?......che ne sai tu cosa passa nella testa di sabrina,che stai lì a guardare solo l'aspetto delle cose.....a questo non ci pensi......ognuno soppravive a modo suo a certe ingiurie.....saluti


ciao magica sono contenta che ti sei decisa a farti sentire su questo giornale.....felice di vederti....

xmanlio,leggiti se non lo hai ancora fatto, l'articolo che ha postato di recente massimo,è molto significativo......ed ho postato un comento che vale alla tua risposta.....di sicuro non sarò io ne tu o altri che cambierà il mondo,con il nostro dire......comunque ritengo che qualcuno ne parli ,poi qualcosa succederà,come lo è stato x giuseppe culotta e non nego che i 21 anni di galera passati,che sia stato uno scherzo ,però se quel agente non avesse parlato chissà quanti altri avrebbe dovuto passare......saluti

ciao carissima sirenetta hai visto quarto grado,ieri sera?.....non nego al fatto che certi comportamenti non sono giustificabile,come dire le parolacci in qualunque situazione che si possa trovare non sono giustificabili......però,visto che altri si soffermano all'aspetto,è capibile la situazione,secondo me avrà fatto il sorrisetto ironico,di cose che di lei assurde che si dicano......poi ognuno agisce alla sua maniera......ci sarà quei che si disperano e quei che ride per non piangere,se fosse stata colpevole di sicuro non si sarebbe comportata così,vedrei piutosto un atteggiamento staccato dalla vicenda che non le appartiene e questo alla gente dà fastidio......perchè la gente è cattiva sente il bisogno di godere il male altrui.......ciao dopo t.v.b.

emax/massimo prati ha detto...

Vedo che gli pseudolegali con tanti nomi insistono nelle provocazioni.

Mi spiace di aver dovuto cancellare tutti i post della discussione di oggi, ma non era una discussione in effetti, era uno scontro inutile fatto di parole e nessun fatto concreto. Prego chiunque legga altri commenti del genere di non rispondere e lasciarli cadere nel vuoto perché come accendo il computer e li leggo li elimino.

Grazie.

darpi ha detto...

x max -il mio era solo una domanda che è successo?

lori ha detto...

ok, Massimo, per il futuro eviterò

ciao

lori

emax/massimo prati ha detto...

Niente di che darpi. C'è un certo personaggio che ha un Ip di Torino e dice di essere stato in aula a Taranto, ed è tutto dire, che oggi ha deciso di lasciare la sua alcova e venire a trovarci per fare meglio, dichiararsi super informato e sparare il nulla alzando la voce. Ciao.

DAVID DEEE ha detto...

Anonimo .cortesemente , e' inutile fare finta di nulla ! Va la' che rideresti anche te in faccia ai tuoi accusatori, se tutti cambiassero di punto in bianco e apposta per questo processo le loro dichiarazioni,e TU SAPESSI DI ESSERE INNOCENTE !
N 1 ..La badante e Concetta hanno detto tutt'altro di quello che hanno raccontato per un'anno nelle varie interviste !
n 2 Il fioraio, se ti ricordi, asserisce ..che quando vide ..l'inseguimento di Sarah da parte di Cosima e Sabrina ,...asserisce anche di essere stato visto in quel momento in faccia da Cosima ,cio' nonostante
Ne Cosima ne Sabrina ,andranno mai a minacciarlo ! Cosa che farebbe chiunque se sapesse di essere stato visto in quel momento !
N 3 Un'orario sicuro delle 14,30 ..confermato dall'sms di Sabrina , e' stato messo in discussione al punto di spostare il delitto di mezz' ora, per fare quadrare la sballata teoria degli inquirenti ! ...
I quali sempre per fare quadrare il cerchio, hanno giustificato il tutto come un depistaggio di Sabrina ...
Ma anche un bambino ritardato , capirebbe ,..che se Sabrina ..non sapeva a che ora, era stata vista uscire Sarah da casa sua , se non sapeva che cosa quel giorno del delitto, la Mamma e la Badante avessero notato ..nell'uscita di Sarah Scazzi , lei non avrebbe mai potuto sapere con certezza a che ora mandare i suoi Sms per depistare .
Altra cosa , se Sabrina avesse ucciso veramente Sarah cosa sarebbe stato piu' logico fare ?
N 1
Non hai la minima certezza se i tuoi genitori faranno si o no degli errori!!! Se saranno d'accordo ..per aiutarti !
N 2 E' piu' saggio ( visto che da tutti e' stata considerata pure un'abile depistatrice ) andare via con Mariangela ??Al mare ?? Sapendo di lasciare l'intero tuo avvenire nelle mani dei tuoi genitori,totalmente inesperti
O inventarti un'improvviso mal di pancia ,con Mariangela , magari legato al fatto che stavi in bagno , e stare in casa per assicurarsi ..che non venga tralasciato niente ?
Sarebbe stato piu' facile per tutti, ma dico per tutti ! Telefonare a zia Concetta da Casa Misseri per avvertirla che Sarah non era ancora arrivata, piuttosto che andare a vedere in faccia, la madre di colei , a cui hai appena ammazzato la figlia , rischiando cosi' di tradirti, visto che sei un'assassina alle prime armi !!
N3 Secondo te?? ..in casa nel mese di Agosto ..non e' un po' caldo per strozzare una persona e ucciderla con tutta quella forza senza nemmeno riportare graffi, ma nemmeno sudare ?..
Tu hai idea di cosa vuole dire strozzare ?..Tento' di dirlo , una volta in parte Meluzzi a Quarto Grado :- In sintesi ,perdita di liquidi dalla bocca da parte della vittima ,e spesso l'assassino dopo tutto quello stress vomita .!!..
Di conseguenza altro che agitata, avrebbe dovuto dichiarare Mariangela se l'assassina fosse stata veramente Sabrina !
Invece lei, la prima volta ..vedi il video sopra ..la dichiara
"TRanquilla" .

DAVID DEEE ha detto...

Di conseguenza altro che agitata, avrebbe dovuto dichiarare Mariangela se l'assassina fosse stata veramente Sabrina !
Invece lei, la prima volta ..vedi il video sopra ..la dichiara
"TRanquilla" ..e lo dice come , per chiedere agli inquirenti :-"Quale altro atteggiamento avrebbe dovuto tenere ?"" Perche' si da il caso che nel primo verbale, non sapeva nemmeno Mariangela, che Sabrina fosse stata considerata sospetta !! La famosa frase "l'hanno presa , l'hanno presa" in quel verbale , non viene detta per la prima volta da Sabrina, ma dalla Mamma di sarah Scazzi Concetta!...Poi ripetuta da Sabrina !Strano che i Pm..fin da subito non abbiano voluto riportare anche questa dichiarazione?
Ma ecco una possibile spiegazione del perche' la mamma Concetta ..voleva che Sarah uscisse solo con Sabrina e non con i suoi coetanei, avallate anche, da alcune interviste che Mamma Concetta, rilascia in cui teme , che Sarah,abbia visto qualcosa di greve e molto compromettente.
Perche' pensarlo se non fosse uno specchio di un suo timore ?
Ora, tenendo presente che la forza con cui e' stata strangolata Sarah, non e' compatibile con quella di una 22enne ..come Sabrina ...!!( lo hanno scritto gli esperti )
Tenendo presente, che per compiere un gesto tanto efferato, bisogna avere avuto dei trascorsi molto,
MOLTO VIOLENTI, dove Sabrina per intenderci aveva gia' mostrato aggressivita' compatibile !Cosa di cui non c'e' assolutamente traccia !! Al contrario di Michele Misseri , dichiarato dal Gip .nell'ordinanza dell' 8 ottobrte del 2010 :-
CAPACE DI GESTI ..D'IRA INCONTENIBILI E IMPROVVISI !!" ( AVEVA AGGREDITO NEI CAMPI COSIMA PER BEN DUE VOLTE ) A PARTIRE DA APRILE 2010.
E considerando inoltre , che la teoria della gelosia ..non puo' reggere,in quanto e' stata Sabrina stessa, a raccontare a Sarah il fatto che era stata rifiutata da Ivano ,ragazzo con cui e' risultato in questo processo, lei aveva avuto gia' dei rapporti sessuali e di conseguenza , non ci si puo' nemmeno attaccare alla scusa dell'onta ,per cui Sabrina era stata rifiutata e prendersela con Sarah ..per certe stupidaggini che lei stessa ,aveva l'abitudine di andare a raccontare ai suoi amici e parecchi !!
Tenendo presente inoltre che il Padre Michele Misseri, ha non solo descritto perfettamente il delitto come si e' svolto fin dalla prima confessione e anche il movente..ma
ha dichiarato l'esatta percezione ..del tempo dilatato che l'assassino percepisce mentre uccide ..una persona !:- Pm .".In quanto tempo ha strozzato Sarah signor Michele ?" risposta di Michele " cinque o sei minuti ".risposta del .Pm.:- " Eh ma cinque o sei minuti sono tanti signor Michele "...Giustissimo ..per una persona ..che assiste ad un'opera di strozzamento ..da parte di qualcuno ..,.dall'esterno . Ma per chi uccide veramente due minuti non passano mai ...due minuti in cui si devono continuare a tenere le braccia sempre in trazione ..perche' se allenti la presa ..la vittima potrebbe riprendere a respirare , possono veramente sembrare cinque o sei ...!
Ma non per un padre che diceva di stare dormendo in quel momento !!!

Sirenetta galatica Francy ha detto...

X Carla : ciao. purtroppo ieri non sono riuscita a vedere quarto grado perchè i fratelli si son impossessati della televisione. Cosa hanno detto in trasmissione ? forse dopo cena non ci sono. ci scriviamo domani. buonanotte T.V.B
buonanotte a tutti gli utenti

ciao magica

DAVID DEEE ha detto...

Tenendo presente che il signor Michele inoltre ..avrebbe cambiato piu' di sette volte ..la sua confessione ,fino ad apparire vittima innocente di un matriarcato molto forte nella sua famiglia , e che mentiva sempre con lo scopo di difendere la sua adorata figlia Sabrina ..
andiamo a vedere ...veramente ...che cosa asseriva il signor Michele .
N 1 .Tutti i colpevolisti di Sabrina e Cosima ..si attaccano quasi sempre alla stessa spiegazione ..Michele Misseri ha mentito , per proteggere la figlia !
Dichiarazione ..all'indomani del ritrovamento del telefonino ..di Sarah Scazzi
Michele Misseri ..:- " Lei ( Sabrina ) mi chiamava sempre e mi diceva.." Ma che hai combinato ? "e io lo spegnevo il cellulare ..e vedevo che era Sabrina ...Niente !..Io mi volevo fare la............( s i l e n z i o )
Mi dovevo prendere io la responsabilita' . Ho detto tanto io ormai sono arrivato a questa eta' ;
lei ha una vita davanti .
Belle parole, indubbiamente dette dopo ..ma prima ??
Peccato che nessuno .gli abbia chiesto ..che cosa stava per dire ...con quel LA ...
CHE COSA ???
n 2 ...siamo al 14 11 2010 ..resoconto giornalistico canale 5 :- La sera che lui ha confessato (Michele ) di avere ucciso la nipote ,Sabrina ..secondo la sua dichiarazione l'avrebbe chiamato al cellulare .. chiedendogli che cosa avesse combinato . Michele Misseri ..non dimentica neppure di riferire agli inquirenti , che sua figlia nelle ore successive al ritrovamento del cellulare di Sarah ,avesse manifestato preoccupazione ,tanto da sperare che il telefonino ..potesse risultare da quarantacinque giorni nel campo , dove lui aveva bruciato le stoffe i vestiti , altrimenti ..sarebbero stati guai sia per lui che per lei ! Michele Misseri ha anche """""sottolineato""" ,dei complimenti ricevuti da Sabrina , in quanto era stato troppo bravo a non lasciare piste !
l' Interrogatorio di Misseri ,venerdi' sara' di nuovo ripetuto ,stavolta davanti al Gip Rosati , con la formula dell'incidente probatorio .....
Ora ...vi sembrano le dichiarazioni ...di qualcuno che sta cercando di proteggere la figlia ??
N 3 Uno potrebbe ..anche pensare che all'inizio Michele avesse fatto quelle dichiarazioni ..con reticenza magari verso la fine di un lungo interrogatorio . No ! ...
Galoppa :- . Ti ha detto mai .." Ho paura che adesso mi scoprono ? ..Michele Misseri :- No ! Lei sa cosa diceva a me ? Papa' e' troppo bravo ! Non lascia Piste ..Ma non lascia Piste ( lo ripete due volte ) Ma il telefonino l'ho portato con me !
Questa e' la sera dell'incidente probatorio ...e Michele Misseri ..rilascia le seguenti dichiarazioni ..perche' vuole proprio bene a sua figlia Sabrina :-
RIPETO QUESTO VUOLE ESSERE UN PADRE CHE PROTEGGE LA FIGLIA ??
Michele :- Quando il cellulare ,hanno detto che l'hanno preso, che l'hanno portato a Roma no ? Che lo controllavano ha detto :- Mah !! speriamo che il cellulare risulti da quarantacinque giorni la' ha detto , se no siamo tutti fregati ! " Procuratore Agg. Argentino :- Quindi sabrina ..sapeva gia' che quel cellulare era quello di Sarah ?
Michele " Si ! ".
A parte ..che non mi sembra che Sabrina sia molto preoccupata ..con quel mah ! Ma andiamo avanti ..con le amorevoli dichiarazioni di Misseri sulla figlia che vuole proteggere continua .....

Manlio Tummolo ha detto...

Cara Carla, solo una nota di risposta alla Sua osservazione. Se fossimo veramente convinti che ciò che scriviamo qui o altrove, su questo o su altri casi, non servisse a nulla, probabilmente e sempre che fossimo coerenti, ci dedicheremmo ad altre attività più urgenti o, magari, remunerative. Se, viceversa, scriviamo qui, senza pensare di cambiare il mondo certo, lo facciamo con la convinzione che qualche utilità ne esca per chi ci legge o per la società nel suo complesso. Come il mare è fatto di gocce d'acqua, come l'infinito geometrico è fatto di punti, ogni nostra singola affermazione è un contributo all'azione dell'umanità intera, soprattutto se onestamente esposto.

darpi ha detto...

x max - ma allora c'è qualcosa che non torna qualcuno mi vuole fregare ...1) il mio ip è impossibile che sia di torino xchè in quella città non ci sono mai stato.2) ero in un altro forum e mi hanno detto anche li che sono qualcuno che non conosco ..3) men che meno ho detto che sono stato a taranto in quanto abito a pisa e siccome tre indizi fanno una prova credo che ci sia qualcuno che fa il furbo e vorrei proprio che rimettessi il mio pseudo post dove avrei scritto di taranto....farò le mie ricerche eventualmente informando la polizia postale non è possibile che da qualsiasi parte io scriva c'è qualcosa che non torna , ma penso non sia colpa tua ti farò sapere per ora continua così xchè almeno qui non snobbano che non è contro sabrina ....ciao

emax/massimo prati ha detto...

Darpi io non parlavo dei tuoi commenti, so bene che il tuo Ip è di Pisa, parlavo di altri commenti che ho dovuto eliminare. Non mi riferivo in alcun modo a te, non ne avrei avuto la ragione.

Ciao, Massimo

DAVID DEEE ha detto...

Sera dell'incidente Probatorio ...
Michele :- Dopo che ho finito di mangiare ,mi ha chiamato Sabrina ha detto :- "Papa' vieni in garage che e' successo una cosa un guaio .!
Quindi sono sceso ,c'era Sarah che stava a terra ,stava con le mani verso ..il portone e aveva la corda attorcigliata al collo !..
PM. " Ma era una corda ? o un'aLtro Oggetto ?
Michele :- No una corda era , solo troppo stretta perche' non poteva respirare ,solo che al togliere che ho fatto io , perche' aveva tanti nodi , a toglierla le ho fatto qualche cicatrice al collo .
Pm.:- "Quindi l'ha chiamata Sabrina e..."
Michele :- "Ha detto , Papa' e' successa una cosa, che stavamo giocando e...ed e' scivolata ed e' caduta Sarah ."
( poi Michele dice una frase proprio per proteggere la figlia .. ) ..Secondo me ..per fare vedere che e' stato un suicidio gli ha messo la corda ! ( frase perfetta ..per proteggerla dai sospetti )
Pm . :- Quello che stai dicendo , purtroppo contrasta , con tutto quello che noi abbiamo , se tu non vuoi parlare non succede niente "...
INTERVENTO INSPIEGABILE e improvviso della dott. Bruzzone ..( che avrebbe dovuto assistere in maniera imparziale ):-
" Adesso Michele, lo devi fare ..e' il momento giusto " ..
Michele :- " C'era una cinta! E'stata con la cinta !"Nel garage l'ho ,trovata ! Se poi e' successo da un'altra parte se l'hanno trascinata ..non lo so , pero' l'ho trovata in Garage .
Inquirenti :-L'ha trascinata .chi ?..Di...'la verita' Miche'?
Michele :- "Se l'e' tirata Sabrina in garage, dopo che stavo dormendo e' venuta Sabrina e ha detto , Papa' vieni un'attimo che e' successo qualche cosa ..e sono sceso dal portoncino e ho visto che Sarah era a terra ."
e ho detto :- Macche hai combinato ?..
Inquirente :- A terra dove ?
Michele :- Quando entri sul lato destro ...lei ha detto :- "Gia' comunque mi stava dando pure FASTIDIO!! "
( altra frase di estrema protezione di un padre ) e ho detto , e mo la responsabilita' me la prendo tutta io !
( Lui si che si ritaglia la parte dell'EROE )
Aveva le mani penzolanti ed era fredda !! ( a questo punto Luigi Strada e tanti altri ..hanno un sussulto perche' dopo appena cinque minuti ..non poteva essere fredda )...Allora ho messo un cartone sopra , ho tolto la cinta che aveva al collo, ho messo un cartone sopra , pure per la gente che passava ..
In quel momento e' andata (Sabrina), con Mariangela ... allora mi sono dato da fare per metterla nel cofano della macchina , l'ho coperta bene , ho messo una zappa sopra se serviva ..e in quel momento li,' ho aspettato che e' tornata con Mariangela ...e hanno detto :- "E' tornata Sarah ?"...e ho detto ..:-" No! Non ho visto nessuno ! "
Inquirenti :-" Dopo quanto esce Sabrina ..perche' stava arrivando Mariangela ? "
Michele :- "Una decina di minuti e' rimasta nel garage "
Inquisitore :- "Dieci Minuti sono tanti ! "
Michele :-" Lei stava attenta se passava qualcuno ...e io ho trovato il cartone per metterlo sopra ,
...............Il cellulare ha squillato che ..c'era ancora fuori Mariangela ...dopo due , tre minuti e' squillato .."
Pm .."Quando stava Sabrina ?..."
Michele .:-".No ! "
Bruzzone :- " No ! No! "..( a tutti e' parso che la Bruzzone , avesse a Michele, impartito la lezione sulle cose da dire, del resto come si spiegherebbero questi no! no ! se non come un """"non distacco """da quello che dovrebbe essere un comportamento professionale ?? )
Michele :- "No ! due o tre minuti da quando e' uscita fuori Sabrina ..."
Ora nell'incidente probatorio ..fanno tante altre domande ...che non sto a scrivere ..CONTINUA

DAVID DEEE ha detto...

Ma una cosa, degna di nota la voglio riportare !
Pm. "Nei giorni successivi ha chiesto a Sabrina , perche' aveva fatto questo a Sarah ??
Michele :- No! ..non gliel'ho mai chiesto ! Mia moglie non ha mai saputo niente di queste cose ! Sabrina sapeva che il cellulare di Sarah , ce l'avevo io ...e che quello che avevo trovato il 29 settembre era proprio quello di Sarah
( altra dichiarazione spontanea di Michele che metterebbe Sabrina nei guai...piu' del dovuto )
Ma la ciliegina sulla torta .arriva adesso !
Michele ..:- "Si lo so ...all'inizio volevo prendermi la responsabilita' tutta io ...!!! Ma ognuno paghi per quello che ha fatto !!" ....E QUESTO SAREBBE UN PADRE CHE CERCA DI PROTEGGERE LA FIGLIA ??? CON TUTTE QUESTE DICHIARAZIONI , SPONTANEE E GRATUITE ???.
Secondo le trasmissioni Tv anche dopo queste dichiarazioni SI !! Dove la vedono questa protezione ..non lo so ! Ma secondo la maggior parte ..Michele sta facendo di tutto per proteggere la figlia Sabrina !
..Ma torniamo ..velocemente a una delle prime dichiarazioni che ha fatto .
Pm : Perche' hai tirato fuori il telefono di Sarah dal fuoco ..??
Michele :- Perche' mi sentivo in colpa !! E' vero che la colpa me la stavo prendendo tutta io !! ..Pero' io stavo morendo !"
DI COSA DICO IO !!!??? DI PAURA ..?? DI RIMORSO ?? Sappiamo che il motivo per cui Michele si voleva costituire alla Polizia, era perche' .aveva cominciato a sognare Sarah , in fondo al Pozzo ! Che gli parlava !! e gli chiedeva di essere coperta ..perche' aveva freddo ! ...
Per quello che ne sapeva lui .,..i Carabinieri stavano indagando ..e forse potevano anche essere molto vicini a trovarlo !...Allora ??...Molto meglio non bruciarsi tutto col fuoco, cosi' magari ,..si puo' fare finta, nel caso , di averlo trovato ..per caso in un secondo tempo ! ...
Non solo ,.ma .infilarlo anche a casa di qualcuno a cui dare la colpa ,
..come del resto Michele ha fatto con la cintura e con la corda nascosta nella stessa macchina della moglie .!
Lo dice infatti il giorno del ritrovamento del telefonino ai giornalisti !
:- So che ci sara' qualcuno che dira' :- Ah! proprio lo zio lo doveva trovare !!!..Ma io non volevo !! e piange sapendo di mentire !
Come giustifica pero' , all'incidente probatorio questa iniziativa ??
Michele :- "Allora il telefono l'ho messo davanti alla Caserma dei Carabinieri, se trovavano il telefono dicevo io ..tutte le impronte mie stavano li sopra ...tutte stavano ! ...."
E' certo !! Le impronte di uno zio sprovveduto .e ignorante che secondo il suo pensiero gli inquirenti non sarebbero mai andati a sospettare , perche' nessun assassino e' cosi' idiota da andare a riconsegnare il telefonino ai Carabinieri !
Lo dice infatti lo stesso Misseri durante il primo interrogatorio che lo inchiodera' dopo 9 ore, alle sue responsabilita' di maniaco . ...
Michele Misseri ..:- " Lei ( Sabrina ) dopo il ritrovamento del cellulare mi chiamava sempre e mi diceva.." Ma che hai combinato ? "e io lo spegnevo il cellulare ..e vedevo che era Sabrina ...Niente !..Io mi volevo fare la............( s i l e n z i o ) Voi che dite ?? che cosa mai stava per dire Michele ?...... L'ALIBI ??? FORSE ??

carla ha detto...

ringrazio davide dee,per ulteriori delucitazione,peccato che abbiamo a che fare con chi non ha interesse di vedere e chissà per quale fine?!......saluti

xmanlio,condivido di quello che dici e mi scuso se ho interpetato male il tuo post....avevo inteso di dover fare il silenzio,di lasciar le cose a suo testino....comunque con l'ultimo post si è capito meglio e sono daccordo con te,anche perchè ,questo fatto si dimostra,che c'è un problema di fondo,che si sta adulterando la giustizia alla grande,al di là dei fatti successi.....saluti

ciao sirenetta buonanotte ne riparliamo domani se ti trovo.....t.v.b.

e buonanotte a tutti e grazie emax per la corretezza che usi su questo giornale,anche se a qualcuno non piace,ritengo che la libertà consiste nel rispetto reciproco e il buon senso dell'ordine.......e non vada confusa con libertagine,in cui uno si possa permettere di fare anche del male,noto che sia proprio questo che è difficile a capire,cioè che ci sia un po' di confusione......grazie ancora massimo e buonanotte

darpi ha detto...

x max scusa avevo capito male! ciao

Daniele ha detto...

@DAVID DEEE,

la penso grosso modo come lei.

Qualche mese fa lessi anche io il testo dell'incidente probatorio e credo che dalle dichiarazioni di Michele Misseri sia intuibile anche il vero motivo per il quale non incenerì il cellulare.

Adesso non riporto le sue parole esatte, (forse lo farò domani o in un altro momento...), comunque mi pare di capire che durante la fase di occultamento, depositò quasi tutti gli effetti personali di Sarah all'interno del cofano insieme al suo corpo esanime, fecero eccezione soltanto i sandali, dimenticati a suo dire all'interno del garage, e il cellulare nonchè la batteria dello stesso, che ripose nel vano del cruscotto alla sua destra.

Giunto al pozzo vi ha occultato il cadavere privato dei vestiti, poi è montato in auto, ha cercato un mucchietto di sterpaglie, vi ha inserito in mezzo tutti gli effetti personali di Sarah prelevati dal cofano (vestiti e zainetto) e ha appiccato fuoco.

Dice di essere salito in auto per andarsene e di essersi accorto soltanto allora di aver dimenticato il cellulare all'interno del vano del cruscotto.

Io immagino sia salito in auto per andarsene quanto più rapidamente, dato che doveva crearsi l'alibi recandosi dal cognato per la raccolta dei fagiolini. Immagino anche che in piena estate non possa aver lasciato il fuoco vivo incontrollato, rischiando un incendio e tutte le conseguenze del caso.

Penso dunque possa aver gettato il cellulare tra la brace ormai quasi spenta, per poi recuperarlo non a fronte di un improvviso pentimento (incompatibile con tutti i depistaggi successivi), bensì resosi conto che il fuoco era insufficiente per la completa combustione e comunque, ormai si era fatto tardi, non c'era più tempo per distruggerlo senza lasciare traccia e sarebbe stato molto più rapido nasconderlo.

La storiella del pentimento a parer mio è ben poco credibile, anche se lui ci tiene molto a sostenerla.

Trovo più logico e lineare possa in seguito essersi servito del cellulare (di cui non aveva avuto modo di sbarazzarsi) per depistare le indagini, e tutta la sua pantomima a parer mio non può che confermare questa ipotesi (indagini che certamente puntavano già verso la sua famiglia, dato che avevano anche i cellulari intercettati).



Saluto tutti

DAVID DEEE ha detto...

A @ DANIELE ..
ESATTO ! Non fa una piega .
il telefonino ,lo ha lasciato perche' oramai..era tardi e secondo me ha pensato che gli potrebbe essere stato utile tenerlo .
Magari proprio ..per dimostrare la sua innocenza e l'estraneita' hai fatti .
E allora mi chiedo , come mai nonostante questa fosse una plausibilissima spiegazione , non e' stata vagliata anche dagli inquirenti allo stesso modo ?
Che potere ha avuto Michele Misseri sui due PM?..Per fargli dimenticare che esistevano altre possibili spiegazioni ? Sabrina..non aveva alcun motivo di uccidere Sarah , Men che meno la Mamma Cosima ...POSSIBILE CHE L'ITALIA INTERA SI SIA BEVUTA LA FAVOLINA DELLA GELOSIA ?? POSSIBILE CHE NESSUNA TRASMISSIONE TELEVISIVA RIVELI CHE MARIANGELA ..HA CAMBIATO VERSIONE ED E' STATA INVECE DICHIARATA COSTANTE ?..POSSIBILE CHE UNA BALLA COSI' FORTE ..TENGA IN GALERA DELLE INNOCENTI ..PER PIU' DI UN'ANNO ? SENZA CHE NESSUNO POSSA FARE NIENTE ,PER FERMARE QUESTO SCEMPIO ALLA VERA GIUSTIZIA ??!POSSIBILE CHE A SARAH SCAZZI ..DOPO TUTTO QUELLO CHE HA SOFFERTO . GLI SI PORTI COSI' POCO RISPETTO, DA CERCARE DI CONDANNARE A TUTTI I COSTI LE PERSONE SBAGLIATE ?

Giacomo ha detto...

PERLE DA "QUARTO GRADO" 24/2

Ad inizio di trasmissione parla Sottile:
"Stasera prima di tutto voglio farvi sentire che cosa è accaduto al processo Scazzi. Ascoltate!"
"Cosa sarà mai accaduto?", si chiede l'allarmato spettatore. Senonché parte il servizio e parla la Presidente della Corte:

"Invito i Difensori ad evitare che le imputate facciano gesti di approvazione o disapprovazione durante l'esame dei testimoni."

E Sottile chiosa:
"La Presidente della Corte ha dunque bacchettato Sabrina e Cosima (ma quest'ultima non era stata descritta come una sfinge impassibile? N.d.r.), perché durante la deposizione fanno smorfie e RIDONO (???) e in questa storia ovviamente non c'è nulla da ridere. Ha fatto bene a nostro avviso il Tribunale".

In realtà la Corte di tutto ha parlato, tranne che di risate e in pratica ha richiamato le imputate ad evitare di compiere gesti che possano influenzare, anche involontariamente, i testimoni. Tutto qui.

Invece il messaggio distorto che i media colpevolisti vogliono far passare è questo: le due acclarate assassine sono delle "impunite" e sghignazzano in faccia a tutti. La Corte le ha ammonite ad essere compunte in attesa del giusto castigo.

Naturalmente quando Claudio Scazzi dal banco dei testimoni diede a freddo un pugno in faccia a Sabrina con quel becero e volgare: "Sabrì, ma che c..zo hai fatto?", anticipando oltretutto un giudizio di colpevolezza del tutto arbitrario, non fu bacchettato, anzi i giornalisti fecero a gara per andare quasi a complimentarsi con lui per la sua bravata, di cui non si sognò mai di scusarsi.

In particolare non mi pare che Sottile usò parole di rimprovero.

Giacomo

lori ha detto...

Giacomo, è esattamente quello che ho pensato io ; ero rimasta molto stupita nel prendere atto che nessuno avesse invitato Claudio a contenere le sue esternazioni..ma,ormai lo abbiamo capito..le donne Misseri sono brutte, sporche e cattive, a prescindere

lori

Manlio Tummolo ha detto...

Quella del pugno non la sapevo: è un modo di dire o era reale ? E l'avvocato di Sabrina nulla ha detto ? nulla ha fatto ? Se Claudio Scazzi si è limitato a dirle quella frase o ha fatto un gesto di sola minaccia è un conto, e può ancora essere compreso, ma un pugno è fuori da ogni ammissibilità, e l'autore del gesto davanti a tutti poi è legalmente perseguibile ! Potete chiarirmi questo punto ?

Sirenetta galatica Francy ha detto...

X Carla : ciao. cosa è successo a Quarto grado ? t.v.b

Andrea ha detto...

PER GIACOMO: ti riporto testualmente le parole sentite in trasmissione delle dal Presidente della Corte... puoi vederle pure tu sul sito Mediaset... "Chiedo scusa..vorrei...invito i difensori e anche direttamente a evitare che..diciamo..le imputate facciano gesti di approvazione o disapprovazione durante l'esame dei testimoni..io finora mi sono astenuta dal farlo rilevare, però accade da molte udienze... vi prego di non sottolineare con approvazioni, disapprovazioni, gesti o altri movimenti o frasi le depisizioni della teste specie quando la teste guarda i banchi di difesa" TI SEMBRA POCO??? Certo che è stata una bacchettata!! Tutti in aula devono tenere un comportamento dignitoso...e Sabrina ha anche riso in faccia a Concetta, nell'udienza precedente..

emax/massimo prati ha detto...

Tanto per capirci, qui possono commentare tutti quelli che si esprimono in maniera educata, siano innocentisti o colpevolisti, gli altri, chi usa un linguaggio volgare e chi crea provocazioni, sono pregati di tornare su Intopic o sui vari profili facebook in cui il linguaggio è alla loro portata.

carla ha detto...

ciao carissima sirenetta ,l'ha spiegato bene giacomo,cosa sia successo ,ma c'è sempre chi aggiunge ,per appesantire la posizione di sabrina e cosima e per influenzare la gente,in modo che si indignano......a volte si induce le persone a pensare a un certo modo,senza vedere l'altra faccia della medaglia......senza prendere la considerazione che possono essere innocenti e la violenza che si possa subbire ....e poi si parla in nome della giustizia e non vedono che stanno facendo lo stesso errore.......i giornalisti faranno loro mestiere,ma bisogna vedere con quali fini?!.....non si puo dire che non sappiano su cosa giocare in questo caso,sia su sentimenti amorosi,sia sulla cattiveria dlla gente.....per fortuna non tutti sono così.....infatti quei pochi che parlano in modo imparziali cioè mettono i 2 punti di vista vengono silurati.....
c'è un particolare che disse l'avenire a domenica in a riguardo alla provocazione di adriano celentano,che amise che l' uso di gioco di parole le conosce molto meglio di celentano......da qui capisci in che mani siamo....
vedi il buon DIO ci ha dato il ben del inteletto ,basta usarla.....certo non sarà facile perchè siamo bombardati da destra e sinistra......e già questo è il mondo è fatto per distrarci...... eppure c'è modo di uscirne,intanto c'è la coscienza epoi c'è vangelo e comandamenti,anche se c'è chi sottovaluta.fai conto che rappresenti i segnali stradali...specifico che non va confuso per come si comporta i preti ,perchè come tutti esseri umani siamo soggetti di sbagliare.....ciao a dopo baci t.v.b.

emax/massimo prati ha detto...

Il primo era scritto in maniera diversa rispetto al secondo che hai inviato, infatti il secondo è rimasto. Massimo

emax/massimo prati ha detto...

Nel secondo c'era la parola "tranquillo" che era di troppo.

Sirenetta galatica Francy ha detto...

X Carla : quasi nessuno prende in considerazione che il colpevole possa essere Michele. chissà perche' vogliono a tutti i costi mettere in cella Sabrina e sua madre. forse molta gente e' attratta dalla gelosia come movente. Per me il colpevole e' Michele, ne sono sempre più convinta. buonanotte T.V.B

buonanotte a tutti gli utenti.

Buonanotte Sarah T.V.B

Mando la buonanotte pure a te, Yara, anche perche' oggi e' l'anniversario del ritrovamento del tuo corpo. Spero che anche tu abbia giustizia presto. T.V.B

Giacomo ha detto...

@Manlio Tummolo.
Era un pugno metaforico. Ho paragonato quella frase ad un pugno, per indicarne la violenza.

Giacomo

Andrea ha detto...

1 Per il signor Manlio Tummolo: Claudio in aula non ha picchiato nessuno... il pugno di cui si parlava nel post preceedente era metaforico...2 per il signor David Dee: Mariangela, sia in aula, sia nel filmato ha detto le stesse cose, cioè che Sabrina appena lei è arrivata era tranquilla e che si è agitata dopo averle chiesto se aveva visto Sarah,..credo che basterà leggere le trascrizioni dei verbali dell'udienza per vedere che non c'è contraddizione

Giacomo ha detto...

Andrea.
Le risate sono un'invenzione giornalistica.
Ma come fai a credere a certe cose?
Si capisce dove hai appreso la storia della risata in faccia a Concetta. Dalla Santoro a Porta a porta. La Santoro è una bugiarda conosceva la stessa notizia che abbiamo riportato noi. Però siccome in se la notizia er abbastanza asettica, la Santoro l'ha "colorita" con la fandonia della risata.
Andrea, ma come fai a credere ai giornalisti che mentono?
Sicuramente la Santoro e i giornalisti come lei sanno bene che c'è gente disposta a creder loro quando dicono le cose più infami su Sabrina e Cosima.
Se ci rifletti, la storia delle risate non regge.
Se fosse vera le due imputate sarebbero da ricovero.
Io non credo che Sabrina abbia più riso da quando l'hanno arrestata, dopo che il padre un po' è stato indotto e molto ci ha messo del suo ad accusarla. Sì, ha accusato Sabrina sapendola innocente. Questa è la drammatica verità.

Giacomo

carla ha detto...

ciao massimo,la tua attenzione, purtroppo ci sono veramente pochi,presta la serenità a noi utenti.....grazie
ciao sirenetta,a riguardo gioco di parole,ad esempio si dice che sabrina ha riso in faccia a concetta.....sarà stato : il riso o il sorriso?- come potrai costatare hanno 2 significati diversi......
secondo me, il possibile parlane la prima versione di michele ,cioè il primo movente,che sia un argomento ancora molto nascosto,il che la gente ha ancora difficoltà di trattare,anche se a volte la tv ne fa la pubblictà sulla violenza delle donne per sensibilizzare,ma vedo ancora che si tende a mettere da parte......be!passa una serena notte....t.v.b.a domani p.s. continuo però a pensare che qualcosa d'imprevidibile possa accadere,il che non è la prima volta.....
buonanotte a tutti...saluti

Anonimo ha detto...

Mi sembra ovvio che questo processo sia imbastito di regole relative che valgono per chi si e per chi no; esattamente come è stato finora nei confronti di quelle persone che sono imputate in un processo "farsa" in cui ognuno ha cambiato le originarie testimonianze con il beneplacito di chi aveva interesse nell'arrivare dove voleva arrivare, altrimenti non si nega la deposizione del PG a "chiarimento" della deposizione di Patarra, anche se la procedura lo consente. Avrebbe portato una freccia all'arco della correttezza dell'operato di Buccoliero e Argentino che hanno preferito attaccarsi a quel paracadute della procedura, alla faccia di una parte civile che dovrebbe preoccuparsi della verità!Dalla lettura attenta delle deposizioni continuo a non vedere neppure gli indizi, figuriamoci le prove! L'avvocato Russo non aveva ostacolatol'indagine"inventandosi" una Mariangela interessata ad Ivano? Quel che dicono Concetta e Claudio allora non è vero? Questo naturalmente non può interessare i "giornalisti" che preferiscono le "risate in faccia" inesistenti. Quasi tutti i testimoni hanno detto cose diverse senza essere sfiorati da quel sospetto, così acuto riservato alle odierne imputate. Ne esce fuori il ritratto di chi sta curando il proprio senso di autostima affievolito, finalmente si sono sentiti importanti per qualcosa e lo hanno fatto volentieri, perchè sono giusti ? perchè dicevano quel che serviva al raggiungimento della verità forse? Nessuno accenna al dubbio che la moglie del Patarra potrebbe "non essere" andata al lavoro, lo si fa passare come un tentativo del datore di lavoro di evitare rogne fiscali preferendo quelle penali, le stesse cui ha ambito il fioraio quando disse che non aveva visto niente e che era un sogno ? Possibile che non ci si voglia render conto che nonostante la stranezza ha sostenitori ovunque, la logica dovrebbe far almeno riflettere!!! Sono proprio strani sti avetranesi!!!
Quel che vedo finora sono testimoni che si sono arrabbattati una deposizione a base di "non ricordo" che li tenga sul ciglio, giusto per non cadere da una parte o dall'altra! Non si sa mai....e sul resto mi taccio.

Manuela Foggia

Manlio Tummolo ha detto...

Grazie per la precisazione sia di Giacomo che di Andrea; le parole di Giacomo non erano state proprio chiarissime. Naturalmente non giustifico Claudio Scazzi, tuttavia in qualità di fratello, un certo sdegno o irritazione sono comprensibili, anche se erroneamente indirizzati. Non altrettanto si può dire per i vari Organi di informazione o per i magistrati, dai quali ci si aspetterebbe maggiore imparzialità.
Rinvìo intanto alla lettura di un articolo de "La Gazzetta del Mezzogiorno" web di oggi, su un convegno per i molti scomparsi pugliesi, sicuramente non tutti attribuibili alle azioni di Misseri & Famiglia. E' un chiaro segnale che la criminalità organizzata sul luogo ha un certo potere, e i ritrovati, vivi o morti che siano, non sono molti in proporzione. Lo dico soprattutto per il cortese Daniele dell'altra discussione (articolo precedente di Massimo Prati).
Riguardo alla Corte, non vedo perché pretenda impassibilità assoluta da due donne chiuse in carcere da oltre un anno (Sabrina) e quasi un anno (Cosima). Facevano chiasso ? Ridevano a squarciagola ? Non mi pare. Tra l'altro la Corte vergognosamente voleva chiuderle tra le sbarre, e si meriterebbe ben altro. L'osservazione della presidente null'altro appare che un modo per far sapere ai non presenti le espressioni di chi non vuole farsi fotografare o filmare. Resto fermissimo nella mia convinzione che Taranto non è un luogo adatto al processo.

Giacomo ha detto...

Andrea.
Anzi Sabrina non ride più da quando ha saputo che Sarah era stata uccisa e che l'aveva uccisa il padre, cioè dal 6 ottobre 2010.

Giacomo

Giacomo ha detto...

Andrea.
Ma se Mariangela ha detto che Sabrina era tranquilla e s'è agitata quando ha saputo che Mariangela non aveva incontrato Sarah, dov'è il comportamento strano di Sabrina? In che modo Mariangela avrebbe "inguaiato Sabrina se possibile più di quanto lo sia già", secondo il modo in cui si è espressa la decorativa "candeliera" di Sottile?

Giacomo

Anonimo ha detto...

Qualcuno cortesemente potrebbe interpretarmi cosa significa se Sabrina ha detto l"hanno presa"!
alle 14,45 se erano passati pochi minuti diventa indizio di colpevolezza e se fossero stati 30-40 minuti? si da per certo qualcosa che matematicamente è incerto :sapere cosa avesse detto Sara alla madre, badante e padre, certa che nessuno di loro avrebbe avuto idea dell'ora precisa dell'uscita di Sara, ma sopratutto come Sabrina avrebbe potuto interpretare questa certezza, da inviarsi messaggi, sicura di non poter essere smentita. Sabrina sapeva di 3 persone, tra cui la Pantir, piuttosto attenta e bastava poco;(per esempio, il telegiornale che non ancora terminava, era appena terminato o non ancora iniziava...etc.) e perchè la stessa madre, che nel fratempo aveva mangiato, pulito e sonnecchiato non ha fatto riferimenti del tipo "è partita da un bel po" oppure "doveva già essere a casa tua..." o "ma come non è ancora arrivata?" Quando Sabrina, fuggendo via con Mariangela ha detto "rifacciamo la stessa strada, magari la incrociamo per strada", perchè la madre non ricorda di essersi meravigliata che la figlia fosse ancora per strada,in quel deserto pomeriggio, dopo 40 minuti e la fretta con cui era uscita? Si preferisce ritenere strano che Sabrina, avesse detto "mamma non è a casa", potrebbe darsi fosse una scusa, per non dire "senza che la disturbiamo" essendo risaputo e arciprovato l' irritabilità materna (non voleva si suonasse al citofono), magari non le sembrava ancora il caso, sbagliando forse, di farla incavolare se stava dormendo ?. D'altra parte, non mi sembra che Concetta avesse espresso che intendesse andare a casa dei Misseri con il marito o sbaglio?

Manuela Foggia

Anonimo ha detto...

A Massimo e gli altri lettori del blog volevo segnalare questo link de La vita in diretta del 21/2/12: http://www.rai.tv/dl/replaytv/replaytv.html#ch=1&day=2012-02-21&v=110431&vd=2012-02-21&vc=1. Intorno al minutaggio 1.31.20 c'è un altro brano di verbale audio interrogatorio di Mariangela di ottobre 2010 dove dice di non aver mai sentito Sabrina dire che Sarah si vende per due coccole ne lamentarsi della presenza di Sarah per via di Ivano ma soprattutto dice che in macchina sua, la sera prima della scomparsa, la povera Sarah era tranquilla e normale, anche quando le ha accompagnate, non l'ha mai vista piangere a causa del presunto litigio. Ora aspettiamo i verbali dell'udienza ma stando al giornalista de La vita in diretta sembra che le dichiarazioni siano difformi ed è innegabile che se così dovesse essere c'è un'altra ennesima cosa che non torna.
Stefano

carla ha detto...

buon giorno,ho sempre detto che ai atti c'è nè per tutti,sia per colpevolisti che per innoncentisti,se vogliamo metterla così .....c'è solo da scoprire dove sta la menzogna......speriamo che la difesa ci sappia fare il suo mestiere visto che se ne sente parlare poco..... saluti

Anonimo ha detto...

grazie Stefano per il link del 21/02, ma come anche tu avrai notato, mica si poteva arrivare al processo senza dare una esaudiente "giustificazione" a quelle poco comode dichiarazioni? Voilà Mariangela era reticente!!. Resta però da chiarire perchè lo fosse "a tratti", visto che ha continuato a dire 'strada' e non 'veranda' contraddicendo animatamente Sabrina, facendole capire che avrebbe detto quel che aveva visto senza "se" e senza "ma" anche nel periodo della reticenza.
Mi verrebbe da fare una piccola riflessione: Gli imputati di questo processo , a far caso sono "TUTTI" quelli che hanno continuato nella stessa versione, sono i reticenti "non pentiti" e pertanto indagati.
Partendo da Michele Misseri che avendo cambiato più di tutti fà da bandiera a tutti gli altri. Qualsiasi cosa avessero detto in un primo momento, sono stati tutti affrancati dalla redenzione del loro portabandiera, in nome della "verità".
I coerenti ostinati, invece, sono stati puniti dall' ago dell'equa bilancia che è accidentalmente caduto. Mah!!!!
Vuoi vedere che a Taranto la coerenza è reato penale!?

Manuela Foggia

Sirenetta galatica Francy ha detto...

X Carla : tanta gente sta cercando un sacco di scuse x andare contro Sabrina. non mi sembra che ci sia nulla che inchiodi la cugina di Sarah. credo che molta gente abbia tanti pregiudizi su Sabrina e ciò mi da fastidio. spero che possa lasciare presto il carcere, se e' innocente come credo, perche' immagino che starà soffrendo. a dopo baci t.v.b



Sarah domani c'e' una nuova udienza del processo, si fa un passo avanti verso la verità.per me il colpevole e' tuo zio Michele e spero che Sabrina venga presto liberata se e' innocente, ma prima di tutto voglio che a te ti si porti rispetto. sai, alcune persone che mi conoscono mi hanno detto che di lineamenti e di colorito del volto ti assomiglio molto. non so se dargli ragione o torto, ma di una cosa sono sicura: sarai sepre nel mio cuore.....per sempre.
tra qualche mese sarà il tuo compleanno e spero che tu , come regalo, possa ricevere la giustizia che meriti. vedrai che arriverà. ti voglio bene.

Andrea ha detto...

Per Giacomo
Gentile signor Giacomo, ho l'abitudine di parlare non per sentito dire dalla tv, ma perchè ho visto oppure perchè me l'ha riferito persona fidatissima. In questo caso (risate di Sabrina in aula verso Concetta ed anche Mariangela, gesti in direzione di Mariangela mentre testimoniava e smorfie varie), lo riferisco perchè mi è stato detto da mia sorella che è stata per le due udienze in questione in aula ed è entrata in sala stampa, dove possono entrare non solo i giornalisti, ma chiunque, visto che non c'è alcun controllo. In sala stampa Sabrina e Cosima sono visibili in volto, perchè riprese dalle telecamere di Un giorno in pretura... Non ho motivo di dubitare di quello che mi ha riferito mia sorella, sia perchè so che è sincera, sia perchè è una convinta, anzi convintissima innocentista... sentirla che era rimasta scioccata da ciò che aveva visto, ha lasciato basito anche me. Tra l'altro, se le imputate fossero state composte, il Presidente della Corte non avrebbe avuto motivo di rimproverarle.

Andrea ha detto...

Per Giacomo
Gentile signor Giacomo, le rispondo alla sua seconda osservazione, quella su Mariangela che vede Sabrina agitata. Se fosse come dice lei, è ovvio, non ci sarebbe nulla di strano.... la cosa che però è stata sottolineata da Mariangela e anche da Concetta, è che l'agitazione di Sabrina era esagerata per la situazione...in fondo Sarah avrebbe potuto essersi fermata a parlare con un'amica... quindi l'anomalia sta in questo: agitazione eccessiva rispetto alla situazione..

lori ha detto...

la cosa strana, invece, è che non si preoccupi Concetta..se Sara, secondo lei, è uscita alle 13.45, come mai alle 14.45 non si stupisce del fatto che la figlia non sia ancora arrivata a casa misseri che dista solo pochi minuti da casa Scazzi? ma se avevano appuntamento con Mariangela che doveva portarle al mare, perchè fermarsi a parlare con un'amica e tutto quel tempo?

lori

Anonimo ha detto...

"Agitazione eccessiva"...
Tutto è relativo.
Se l'agitazione di Sabrina fosse stata davvero così oltremisura, Mariangela non avrebbe potuto fare a meno di notarlo e riferirlo già nella prima deposizione. A meno di ipotizzare che abbia scientemente taciuto, ma questa volontà di coprire Sabrina non emerge.

Che Sabrina e Cosima possano avere riso, e se anche fosse? NON ERANO AL FUNERALE DI SARAH, ma sul banco delle imputate da innocenti (come potrebbero benissimo essere) per cui IL RISO E' UNA FORMA DI AUTODIFESA.

Ivan

Manlio Tummolo ha detto...

Udite, udite: su "Il Nuovo Quotidiano di Puglia", penultimo articolo sul caso, la Spettabile Redazione invita i suoi forumisti ad essere più sobri e a non fare dibattiti con espressioni offensive. Bellissimo intento: peccato che, nel medesimo articolo, nel titolo o sottitolo, si dice che Mariangela ribadisce non la sua "versione", ma le sue "accuse". Ora quali accuse può fare Mariangela a Sabrina ? Di averla vista in strada, invece che sulla veranda ? ma è un "reato" attendere in strada ? Era poi "agitata". Ma è un reato essere "agitati" ? Di quali "accuse" vanno ciarlando i titolatori dello spettabile quotidiano, visto che si tratta soltanto di differenti versioni, perfettamente compatibili e del tutto ininfluenti sulla sostanza di un delitto. Già a suo tempo nel mio saggio "L'Affare Misseri" dimostrai che le due versioni erano del tutto compatibili: Sabrina vede arrivare la macchina di Mariangela dalla veranda, la saluta credendo di essere stata vista, e scende poi in strada; Mariangela intenta nella manovra vede l' "amica" solo quando è in strada, e non nella veranda. In nessun caso l'ha vista strozzare la cugina, per cui parlare di "accuse" non ha senso. Il "Nuovo Quotidiano di Puglia" cerca ora di correggere il tiro, ma col giornale fratello aveva ripetutamente aggredito la persona delle due donne, per cui l'invito ora a moderare i toni è solo frutto di farisaismo gesuitico.
Domani sapremo se una macchina simile (!!!) a quella di Cosima fosse passata o non fosse passata in quel tratto di strada. Se uno "simile" a me era passato per quella strada a quell'ora, sono forse io l'assassino che cercano ? Ecco i toni "moderati" di questi quotidiani, che poi si meravigliano degli accapigliamenti tra forumisti.

Anonimo ha detto...

Manuela condivido tutto quello che dici, in particolare l'assurdità secondo la quale con lo squillo delle 14.28 Sabrina avrebbe a posteriori "fatto fesse" ben 3 persone sugli orari senza nemmeno averci prima partlato e rischiando così di essere immediatamente sospettata qualora uno solo tra madre padre o badante della povera Sarah avesse potuto ricondurre l'uscita della ragazza ad un orario certo anticipandola di parecchio rispetto allo squillo. Per non parlare dell'inutilità della cosa visto che comunque Sarah sempre lì doveva andare, dunque che razza di alibi sarebbe? Se davvero fosse stata colpevole averebe agito d'istinto spegnendo subito il cellulare di Sarah e facendo oltretutto la cosa più giusta, altro che questo contorto e arzigogolato piano di mandare ben 2 messaggi al cell di Sarah per poi farsi lo squillo da sola (tra l'altro sicuramente lei non poteva sapere che le moderne tecnologie arrivano al massimo a localizzare solo la cella di aggancio del cellulare dunque farsi lo squillo da casa sua per quanto ne poteva sapere avrebbe potuto portare ad una localizzazione precisa del telefono presso la sua abitazione con guai immediati, nessuno avrebbe fatto una cosa del genere).
Per quanto riguarda il "l'hanno presa" allego il link di questo tg del 01/09/2010 dove al minuto 1.34 si sente Concetta dire che è stata lei sin dal primo momento a pensare "l'hanno presa":
http://www.youtube.com/watch?v=bkZgf5vPuas.
Ci sono 3 assurdità assolute nella ricostruzione accusatoria, oltre all'assurdità dello squillo (1) che non aveva senso per Sabrina farsi date le motivazioni sopracitate, la pretesa che sarah abbia mentito alla madre fingendo di aver ricevuto un messaggio per scampare lavori domestici (2) quando le sarebbe bastato, come faceva sempre, rifugiarsi in camera sua, e in ultimo (3) c'è la mancanza di uno squillo prima di quello delle 14.28, squillo tramite il quale Sarah avrebbe annunciato il suo arrivo a casa Misseri in un orario antecedente, visto che, come ha testimoniato il fratello Caludio, la povera bambina aveva la categorica e tassativa abitudine di non suonare mai il campanello nel primo pomeriggio. 3 assurdità gia prese singolarmente, sommate insieme poi, rendono l'inverosimiglianza della ricostruzione praticamente assoluta.
Stefano

Manlio Tummolo ha detto...

Siamo sempre alla storiella di Bologna, del padre e del figlio che girano con un asinello: allora, se Sabrina e Cosima ridono o sorridono sono colpevoli, perché si beffano della Corte e della SS. Inquisizione. Se sono serie, sono indifferenti alla sorte della vittima e della sua famiglia, delle vere "sfingi". Quando piangono lo fanno per ipocrisia, è evidente. Per questo dovevano stare nascoste nella gabbia delle tigri e delle streghe.

Anonimo ha detto...

Se il Comune di Avetrana si costituisce parte civile per il danno di immagine ricaduto sulla cittadina tarantina a seguito di questa brutta storia, penso che lo stesso comune debba istituire un premio da riservare a quel "Don Chisciotte" del signor Buccolieri Giovanni meglio conosciuto come fioraio che ha eroicamente tentato, di restaurare un personalissimo senso della giustizia, un cazzaro che ha avuto il senso civico di "tornare indietro" scegliendo di coinvolgere la propria famiglia, sedendosi lui per primo sul banco degli imputati e pagando personalmente per le fesserie che aveva detto, proprio come fanno gli eroi che si erano smarriti e sono tornati sulla retta via, ancora intrisi di debolezze ma forti nei propositi di fondo, sicuro che una fesseria si può dire ma quando devi accusare una persona bisogna esser seri!
Il comune di Avetrana dovrebbe ringraziare questa voce fuori dal coro, quest'uomo generoso che ha ridato la dignità a quei beceri compaesani che festeggiavano l'arresto di Cosima, che ha scelto, di lottare, scegliendo la strada meno popolare.
Complimenti signor Buccolieri, per aver avuto la forza e il coraggio di tornare indietro dalle fesserie che ingenuamente la avevano orientato a dire.
Manuela Foggia.

carla ha detto...

giusto manuela,come esseri umani siamo facili ai suggestione ed non è una novità.....poi la cosa più difficile ad ammetterlo a noi stessi,perchè vai a toccare il tuo io,e io non può sbagliare,ci si puo sentire stupiti......invece se ci riconosciamo che siamo a soggetti di sbagliare è tutto di guadagnato,perchè hai l'occassione di vedere oltre ed è un ulteriore forza che si aquisisce e non sei in balia dei altri.......
vorrei pensare che tanta gente ,in questo caso ad avetrana,sia lasciata condizionare dalle suggestione,solo il perchè si dimostra delle modifiche che si ha dato alle testimonianze,e non vorrei pensare ad altro che sa molto da macrabo.......
è chiaro che si continui a girarci intorno a quei pochi minuti,per farci stare dentro l'omicidio da parte di sabrina......
non so se ci si rende conto che le modalità che se ne parli sono 3:-1facendo cavalluccio,ed è l'accusa del padre....-2un litigio andata male,questo è il pensiero del pubblico e non tutti per fortuna.....-3che una la teneva e l'altra la strozzava,per motivi di gelosia e invidia,questo dall'accusa.......e tutto ciò in pochi minuti,in cui si sta studiando in quale frangente......
quando ,so di ripetermi ,vedo più lineare il fatto che sara passa da lì ,senza suonare il campanello ,per non disturbare,come di abitudine cosima a quell'ora riposa,che possa essere benissimo attirato dal carage aperto e l'incontro con michele......
poi ora mi viene in mente,in una intervista,cosima cennava del primo messaggio da parte di sara,che conferma di andare al mare ,intanto che cosima era al letto......il che non se nè più parlato,bisogna vedere a che ora sia stato?......poi se non mi sbaglio che l'ultima chiamata a sara da parte di sabrina è stato davanti a mariangela,mentre andavano da concetta,in cui si interuppe durante questo tragitto,probabile la caduta del telefonino....anche perchè poco prima risulta,dalla sua amica stefania che si messaggiavano con sara e mi sembra che era intorno 14.20.......
ora non mi dite che la suggestione,che non sia un maestra dell'inganno,guardate in questo,ci si viene indirizzati a una direzione e si trascura certi particolari o si tengono nascosti......
ripeto visto che non sappiamo nulla dalla difesa ,che siano accorti che vagliano ognicosa,che sappiano cosa fanno...
il non fare cose oneste ritengo ,che sia una mancanza di rispetto verso sara e non solo sara non avrà giustizia in questo modo e così all'ingiustizia si aggiunge altra ingiustizia......saluti

ciao ,carissima sirenetta,fai bene ad esprimere ognivolta il tuo pensiero a sara,perchè la tua fanciullezza lo permette,che purtroppo,che tanti crescendo hanno perso quel sentimento genuino ,anzi ci ridono sopra e sottovalutando,questo sentimento e invece non si rende conto che è un alimento della nostra anima,che permette di vedere le cose sotto a un 'altro occhio.......considerando questo sentimento,come una cosa inegenua o da stupiti,ritengo una ignoranza ,perchè nasce da una mancanza di fiducia,riflettici....con questo non vuol dire che si debba bere tutto quello che ti viene detto,che ognicaso va fatto una cernita......ma la fiducia non ci deve mancare nella vita ,se no vivi male.....ciao ti abbraccio t.v.b.

Andrea ha detto...

Gentilissimi utenti,
riguardo alle risate di Sabrina in aula, faccio una mia osservazione.Se io fossi un'aula di Tribunale, accusato dell'omicidio di una mia parente, tutto farei, tranne che ridere. Io ovviamente non c'ero, ma, come ho già scritto in un altro post, mia sorella, che è innocentista convintissima, era presente all'udienza ed ha potuto guardare quello che accadeva. Beh, la cosa che mi ha fortemente stupito e mi ha dato da pensare è stato il vedere mia sorella, così convinta dell'innocenza di Sabrina e Cosima, sconvolta da quanto aveva visto. Cerco di riferirvi testualmente le sue parole: Sabrina aveva sul viso un sorriso beffardo e provocatorio e gesticolava nei confronti di Mariangela. Mi dispiace doverr essere io a dirlo, ma è una una cosa che non si fa, ha fatto bene il Presidente della Corte a riprenderla, ha davvero esagerato". Ora, l'aggettivo beffardo tutto fa presupporre, tranne che un atteggiamento di timore. Sinceramente non so se Sabrina e Cosima sono colpevoli o innocenti, ma vi garantisco che vedere mia sorella così colpita dall'atteggiamento in aula, mi ha lasciato di stucco!! E mia sorella mi ha anche detto che il Presidente della Corte non è una persona che fa parzialità o è prevenuta... anzi...oltre a ribardirmi che il rimprovero ci stava tutto, e che anche lei lo avrebbe fatto, se fosse stata un giudice...

Andrea ha detto...

Gentile Iori,
Concetta era preoccupata, eccome!! Tanto che si è subito messa in giro per cercare la figlia. Tenga conto, poi, che da quando Sarah era uscita a quando Sabrina e Mariangela arrivano a casa, un pò di tempo è passato...Sabrina invece appariva agitatissima solo per qualche minuto di ritardo... poi è chiaro, spetta alla Corte giudicare questio dati, le mie sono solo considerazioni su quello che ho letto negli atti e su ciò che ha sentito mia sorella in udienza..

Anonimo ha detto...

Credo che la verità non si saprà mai .
L’unica cosa certa è che i testimoni sono veramente tanti per un delitto che all’inizio non vedeva nessuno al corrente dei spostamenti di Sara, gli unici che si sono fatti avanti oggi sono dietro le sbarre e i fidanzatini sono considerati testi inaffidabili. La telefonata della badante non è mai stata presa in considerazione , lo stomaco di Sara lascia numerosi punti di domanda,l'uscita da casa di Sara è un rebus, ma la certezza che le chiacchiere di paese fanno da base per un delitto è veramente riprovevole. Adesso si saprà che le amiche di Sara erano tutte al corrente della paura della stessa verso la cugina e spunterà un’altra domanda : Perché Sara continuava a frequentare Sabrina visto che ne aveva paura?...Credo in tutta sincerità che ormai chi incontra per ultimo una persona che poi viene trovata cadavere ci passerà dei guai anche se non c’entra.

darpi ha detto...

x andrea- forse le risate saranno state isteriche visto che è più di un anno che sabrina è in galera e a parere suo innocente anch'io dopo avere pianto x un 'anno mi verrebbe da ridere a sentire cosa dicono i suoi ex amici e non scordarti che la cara mariangela in prima iastanza aveva detto che sabrina al suo arrivo era tranquillissima... certo che ci sta in questo processo che abbiano ragione i p.m. ma x ora sembra che tutti i testimoni hanno cambiato le versioni e non è una bella cosa se dobbiamo decidere in base ai solo indizi...non credi?

magica ha detto...

buongiorno,,
certo che il comportamento di sabrina non è stato corretto .pero' bisogna vedere se veramente è successo in quel modo .abbiamo sentito moltissiame volte di atteggiamenti di sabrina che si sono rivelati
menzogneri .. poi se il presidente della corte è stato davvero imparziale avrebbe dovuto riprendere anche claudio scazzi che si rivolse all'imputata con fare beffardo .

emax/massimo prati ha detto...

Caro Andrea, io ho lasciato passare i commenti su tua sorella che ha visto le immgini delle Misseri ridere, ma c'è un ma in quanto scrivi. Ed è che le telecamere, ho chiamato un giornalista che me lo ha confermato, neppure quelle di "Un giorno in pretura", possono inquadrare mai i 5 imputati. Mai significa in nessun momento del processo, perché non hanno firmato le liberatorie e perché il giudice lo ha vietato. Quindi le riprese che fa il programma di Rai 3 riguardano solo i testimoni che le permettono, a richiesta anticipata del giudice, oppure chi fa le domande ed i giudici della Corte.

Quindi, a che gioco stai giocando?

Massimo

carla ha detto...

caro andrea,di quello che lei sta dicendo,amettendo che sia vero che si tratti di sua sorella che ha visto, la suggestione ci sta tutta,come al solito ci si sofferma alla apparenza e comenti che circonda come cornice......
ammettiamo come dici tu, beffardagine di sabrina,intanto si tratta un giudizio dall'esterno,il richiamo del giudice che ho dedotto dal servizio parla di disaprovazione e approvazione che essa manifesta,in cui possa influenzare il teste,del resto ritengo che sia un giudizio personale che ognuno intende interpetare.......ritornando al beffardaggine ,vorrei vedere se una sta in galera oramai più di un anno ,magari da innocente ,e,beffarda dalla gente e sopratutto da chi gli era la più vicina come persona,gli si gira contro, che dovrebbe fare? a continuare a tirarsi i capelli?per appagare la soddisfazione della gente che gode alle disgrazie altrui?.....
poi penso che in un anno i sentimenti possono mutare che dalla disperazione,che ognuno agisce alla sua maniera,puo diventare un sentimento di rigetto della accusa che le se attribuisce...anche se ritengo il beffardaggine, se fosse vero,non sta bene in nessuna condizione,che non rende la dignità alla persona,ma ognuno agisce per l'educazione conosce......
in sabrina vedrei che è più facile,che diffronte a un muro troppo grande da demolire,che la ironia ci puo stare e che un modo di difesa e soppravvivenza......
non capisco perchè se la prenda tanto con lei ,che probabile innocente,e non se la prendi tanto con possibile colpevole michele che il movente che si tratti non è una cosa da sottovalutare e da mettere in parte......e come dice anomino sopra,se veramente sara aveva paura di sabrina,il che una amica dichiara,come mai è così prontamente di andare al mare con lei?....poi le sembra normale che si faccia emergere solo quello che è contro sabrina?nostante che le prove non ci sono,se si sta trattando dei indizi ,in cui probabile gelosia e invidia che si consuma in pochi minuti?!........
ammettiamo ,invece che siamo attirato dal sentimentalismi,in cui si rende cieco tutto il resto....saluti

Andrea ha detto...

Mi scusi signor Massimo se mi permetto,ma le hanno dato un'informazione sbagliata. Le telecamere della trasmissione Un giorno in pretura riprendono tutta l'udienza integralmente, comprese Sabrina e Cosima. Sarà in fase di montaggio dei filmati, a fine processo, che si procederà alla schermatura, se così si può dire, dei volti di Sabrina e Cosima...Tra l'altro, se lei ha seguito qualche volta la trasmissione (provi a cercare le vecchie puntate sulla pagina Replay del sito della Rai) vedra' che non mento.Coloro che dicono che negano il consenso alla ripresa, non è che non vengono ripresi, vengono semplicemente schermati con un bollino sul volto, quando le puntate vanno in onda. Le posso garantire che l'informazione che le hanno dato è errata...in sala stampa, quando Sabrina e Cosima vengono inquadrate, sono visibili a chiunque guardi la diretta sulla tv che c'è lì... e non c'è controllo, la sala è riservata alla stampa, ma può entrarci chiunque. Non so se offendermi perchè lei ha dubitato delle mie parole.... io riferisco solo ciò che vedo e sento oppure ciò che mi dice gente fidata e di mia sorella non ho alcun motivo di dubitare...

carla ha detto...

ciao massimo sempre prontamente attento.....saluti
ciao magica e darpi come si vede si è alla stessa intesa.....buon pomeriggio....

Andrea ha detto...

Gentile signora Carla,
è chiaro che io non posso essere nella mente di Sabrina e sapere il motivo esatto per cui ha riso. Perchè del fatto che abbia riso non ho motivo di dubitare, vista la fonte.Ho solo detto che io, al suo posto, mi sarei ben guardato dal ridere, vista la situazione.Ma è chiaro che ognuno reagisce in modo diverso alle situazioni. Quindi a mio modesto pare ritengo che, almeno, dobbiamo dare il 50 e 50 di interpretazione a questa risata... Un'unica cosa aggiungo: se è stata ripresa dalla Corte, non sarà stato proprio un comportamento corretto... in quanto a chi chiedeva come mai Claudio non sia stato ripreso per un atteggiamento altrettanto scorretto, da quel che ho letto ovunque e sentito, è stato talmente rapido, che nessuno si è accorto di quello che ha fatto... D'altra parte non credo proprio che avvocati come Coppi e Marseglia avrebbero taciuto se se ne fossero accorti...

Andrea ha detto...

Gentile signor Massimo,giusto per correttezza d'informazione e perchè mi spiace di essere tacciato di dire bugie, ho telefonato a mia sorella... Sabrina e Cosima sono sedute, per loro espressa volontà, vicino ai loro avvocati e questo lo sappiamo...in aula ci sono due telecamere della Rai, una in fondo alla sala per intenderci,l'altra affianco al bancone della Corte... ho fatto pure un controllo, riguardandomi il filmato trasmesso nell'ultima puntata di Quarto Grado...dal tempo 1,51 e 50 in quella ripresa si vede la telecamera affianco al bancone della Corte!! Ora, quella telecamera inquadra anche gli avvocati di Sabrina e Cosima e, inevitabilmente, anche loro due...è chiaro che Sabrina e Cosima non sono visibili in sala stampa ogni momento, ma sono visibili quando vengono inquadrate...Ps mia sorella mi spegava che l'acustica in aula è pessima ed è per questo che si è spostata nella sala stampa...

norma ha detto...

Questa è bella:il pm contesta uno dei suoi testimoni,il Massari,perchè riferisce di aver visto Cosima alle 14,35,cosa che va quindi a cozzare con la versione del fioraio e con la Sabrina depistatrice che alle 14,25 aveva già ucciso.Forse Massari non aveva ripassato bene la lezione,bisogna capirlo perchè si sarà sicuramente confuso tra i vari orari che ha cambiato nel tempo,e poi ha così paura di Cosima che ha avuto il coraggio di dire di aver visto proprio la sua macchina quel pomeriggio solo un anno dopo,quando cioè era noto il fatto che almeno uno dei Misseri era coinvolto nell'omicidio...Ma lui aveva paura solo della terribile Cosima così come la povera Sarah aveva paura della terribile Sabrina,con la quale però usava passare tutto il suo tempo mentre veniva trattata (a detta di tutti gli altri testimoni) in maniera protettiva come una sorella minore.

darpi ha detto...

x max- come vedi ogni dichiarazione propone diverse soluzioni sia da una parte come dall'altra stupisce che ci sia gente che da risolto il caso al 1000% ein tutti i forum divampano le polemiche ,si può dire di tutto meno che i fatti siano certi..ciao

Andrea ha detto...

Rispondo all'ultimo intervento, facendo una precisazione... sempre per evitare imprecisioni, ho prima richiesto a chi era presente...i giornalisti sono a volte in aula, altre volte in sala stampa, si spostano dall'una all'altra... ora, in aula è chiaro che Sabrina e Cosima non possono essere guardate in faccia, perchè i giornalisti si trovano alle loro spalle... ma dalla sala stampa è possibile vedere l'inquadratura frontale... quando Mariangela ha testimoniato parlando con il Pm era perpendicolare rispetto a Sabrina, ma quando ha dovuto rispondere alle domande dei difensori, si è dovuta per forza girare verso di loro, quindi si è trovata esattamente di faccia a Sabrina, che era seduta vicino ai suoi difensori... nel momento in cui la telecamera ha inquadrato i difensori che parlavano, ha inquadrato anche Sabrina... sarebbe stato impossibile, tra l'altro, riprendere gli uni,senza riprendere anche lei...le immagini vengono trasmesse integralmente in sala stampa... quindi Sabrina era visibile...D'altra parte, leggendo i verbali, si può vedere che lo stesso avvocato Marseglia (difensore di Sabrina), quando il Presidente ha ripreso Sabrina, ha risposto che... aveva ragione!! In sintesi, ha ammesso che la sua assistita teneva comportamenti non adeguati ad un'aula di giustizia.

emax/massimo prati ha detto...

E no Andrea. Ha risposto che aveva ragione ma lui parlando di fisiognomica si riferiva a tutti i presenti nell'aula, non solo alle sue assistite, lo ha specificato molto bene, tanto che il presidente ha capito ed ha taciuto.

Non giochiamo con le parole. Nel verbale non si parla di sorrisi ironici o addirittura risate. E quanto detto la Marseglia, non contestato da nessuno (quindi tutti avevano la coda di paglia se no sai che caos in aula) non lo si può modificare mozzando alcune frasi.

Massimo

Andrea ha detto...

Ps Lei stessa ha scritto, nel riportare le integrali parole del verbale, che la presidente Trunfio ha detto che i gesti di approvazione, disapprovazione, ecc, accadevano da varie udienze e che lei si era astenuta di dirlo prima...Marseglia dice avremo modo di rivedere il filmato e anche di rivedere le espressioni...il che è la conferma che Sabrina è ripresa dalle telecamere... altrimenti come si farebbero a rivedere le sue espressioni, se fosse inquadrata dalla vita in giù??

Andrea ha detto...

Scusi Massimo se mi permetto, ma un fatto resta inconfutabile... mia sorella era in sala stampa, Sabrina è stata inquadrata in faccia e fino a poco prima di essere stata rimproverata dal Presidente, gesticolava, faceva sì e no con la testa, faceva commenti e rideva in faccia a Mariangela mentre la testimone parlava. Ora ognuno è chiaramente libero di crederci o no, questo è evidente siamo in democrazia. Io credo a mia sorella, perchè ha visto con i suoi occhi e non riportato parole altrui e perchè so che mia sorella non ha motivo di mentirmi, sia perchè è mia sorella, sia perchè è una convinta innocentista, che però ha onestamente presso atto di un dato oggettivo.... ora è chiaro che nè io nè mia sorella possiamo stare nella mente di Sabrina e capire il perchè di questo comportamento, ma resta il fatto che in aula tutti devono stare composti.

Andrea ha detto...

Comunque mi era sembrato di capire che questo fosse un blog per lo scambio di opinioni sul caso ed è chiaro che io esprimo opinioni oppure, come in questo caso, riporto un fatto di cui una persona di cui mi fido è stata diretta testimone. Ve ne ho fatti partecipi, proprio perchè la fonte è attendibile, ma è chiaro che ognuno è poi libero di credervi o no. Ovviamente il mio intento non è quello di convincere nessuno, anche perchè la sede deputata alle decisioni è il Tribunale. Ciò che mi conforta, quindi, è questo, unito all'ottima nomea dei componenti della Corte (parlo dei magistrati). Ps adesso devo andare, quindi se non vi risponderò non sarà nè per scorrettezza, nè per sottrarmi ad eventuali appunti. Buon proseguimento.

DAVID DEEE ha detto...

Ma in sostanza ..Visto che Sabrina Misseri dovrebbe essere colpevole .
Dove sono le prove che l'accusano ?
Quelle di un padre che a detta di tutti dovrebbe volere proteggere la figlia e non manca puntualmente di fargli dire cattiverie come "Ho ucciso Sarah ma tanto mi dava fastidio ! ,e Secondo me gli ha messo la corda , per fare vedere che e' stato un suicidio ??? "?.".Lei sa cosa diceva lei a me ? Papa' e' bravo non lascia tracce ! ".Queste sarebbero le frasi dette da Michele nel preciso intento di proteggere la figlia Sabrina ?..All'incidente probatorio lui addirittura si tira' fuori dal delitto . Dopo aver cambiato confessione per piu' di tre volte .CONFESSIONI SEMPRE DIVERSE .
Pensate che veramente nella vita di tutti i giorni non si senta una frase come :-"Si vende si vende pure la Madre lo dice che si vende !"?? ..dichiarazione che nel Pub ..era quasi passata inosservata dagli altri compagni inizialmente . Pensate che Anna Pisano' avesse visto qualcosa di importante la mattina dell'omicidio ? Vi ricordo che le testimonianze riferiscono che Anna quella Mattina stette solo 20 minuti a casa Misseri , ma che Sarah, e' tornata a casa sua contenta .Se a questo aggiungiamo che Sabrina appena entrata in Macchina della Spagnoletti , era " TRANQUILLA " e che ha cominciato a dire la famosa frase :- "L'hanno presa , l'hanno presa" ..solo dopo a casa di Concetta tra l'altro dopo che Concetta stessa aveva pronunciato quella frase . COSA RIMANE ??? )I presunti sogni di un Fioraio ? Un misterioso furgone che si scontra con protagonista Cosima...e tutto in quella Mattina ? No ! rimangono solo le NUMEROSISSIME VERITA' DI UNA PERSONA CHE IN MENO DI UN MESE E' RIUSCITO A TRASFORMARSI DAL :-MOSTRO DI AVETRANA A VITTIMA DEL MATRIARCATO MANNARO DELLE DONNE MISSERI .MATRIARCATO INVENTATO DALLO STESSO AVVOCATO GALOPPA, E A CUI IN TANTISSIMI HANNO VOLUTO CREDERE A SCATOLA CHIUSA .Non ci sono prove vere, solo convinzioni errate delle persone . MA IL PUNTO E' !! Perche' nessuno ha mai voluto notare che e' sempre esisitita parallelamente la strada del MOSTRO di Avetrana ?? Che ha ucciso sua nipote perche' voleva violentarla ? Perche'ci si dimentica di quello che inizialmente ha affermato ? Il vilipendio di cadavere ? SIAMO SICURI CHE LA SUA PRIMA CONFESSIONE NON E' CREDIBILE ? DOVE STAREBBERO I PUNTI IN CUI SI SAREBBE INVENTATO LE COSE ?? LUI LO HA SEMPRE DETTO !:-" NON SO PERCHE' !! MA NON SI POTEVA SAPERE IN PAESE " Non e' forse un motivo piu' forte di una Gelosia per una quindicenne ?

DAVID DEEE ha detto...

Il punto e' ! Sappiamo che esiste probabilissima anche questa pista ..dello Zio colpevole !! Ricordatevi che Sarah ha avuto il tempo di digerire un Cordon Bleu ! Come e' possibile, che una persona che ha detto e dichiarato di avere fatto quello che aveva fatto ! Che portava dei graffi sul braccio simili a quelle di unghiate, che ha detto di avere toccato la nipote uccisa in garage e di averla sentita "FREDDA"! Di avere portato la nipote sotto un'albero di averla scesa ..spogliata e violentata poi rivestita , rispogliata di nuovo e calata, nuda a testa in giu' in un pozzo con la testa nell'acqua e che poi per ricoprire il pozzo gli ha gettato dei pietroni pesantissimi sopra ? Come' possibile che quest'uomo che in pieno incidente probatorio ..dietro un suggerimento della Bruzzone ..cambia perfino l'arma del delitto da una corda a una cintura ? Sia stato prosciolto ? Senza nemmeno fare un'esame psichiatrico ..nonostante che per il Gip NELL'ORDINANZA DEL'8 OTTOBRE 2010 era STATO capace di " ATTI DI IRA INCONTROLLABILI E IMPROVVISI, PUR MANTENENDO PIENA LUCIDITA' "? NON SOLO, MA PER BEN DUE VOLTE AVEVA AGGREDITO COSIMA NEI CAMPI , TANTO CHE LEI CI ANDAVA SOLO SE IN PRESENZA DELLE FIGLIE ? PERCHE' NESSUNO HA VOLUTO APPROFONDIRE QUESTA STRADA DI INDIZI ???

carla ha detto...

davide condivido.......non sò perchè non si voglia approfondire,se è per questione di odiens o per altro ,che su questo argomento c'è ne sarebbe da dire.......dirrei basta col il tenenere nascosto o mettere a tacere chi molesta o usi violenza in tal senso......uno non si inventa una cosa del genere tanto per dire se non è a conoscenza......si dice che dietro ad ogni petecolezzo c'è una fonte di verità,ma in questo caso non lo si vuole pensare ,perchè??? è più facile che si va dietro alle stupidagine........e poi non lamentatevi ,perchè esista delle morti per tale violenza ...e che si dica fate denuncia ,ma quando si va fare denuncia,ti viene risposto:-se non ti trvano sul fatto compiuto,non intervengono....-un bel modo di affrontare le cose ,non vi pare?.....alla fine si arriva al arte di aranciarsi,sperando che me la cavo......come lo è stato per me,che mi ritengo una dei pochi fortunati.......saluti
p.s.se di insulto si vuol parlare,vedrei questo un vero insulto per quelle vittime di tale violenza e per chi c'è ancora dentro......

emax/massimo prati ha detto...

E' chiaro Andrea che tu sei libero di portare le tue opinioni e quanto sai, ci mancherebbe, ed è chiaro che tutti ci auguriamo ci siano giudici seri e preparati. Ma nel contempo è altrettanto chiaro che chi non condivide la tua idea dia un riscontro del motivo per cui non la pensa come te. E nel verbale è lampante che, a quanto dice il legale della Misseri, non contrastato da nessuno, tutti, e non solo la sua assistita, hanno tenuto comportamenti non regolari. E questo non serve che qualcuno lo veda, basta leggere.

Presidente C. Trunfio: Chiedo scusa, invito i difensori anche direttamente a evitare che diciamo le imputate facciano gesti di approvazione o disapprovazione durante l'esame dei testimoni, finora mi sono astenuta dal farlo rilevare, però accade da molte udienze.

Avv. N Marseglia (difesa Sabrina Misseri): Fa benissimo presidente.

Presidente C. Tronfio: Quindi vi prego di non sottolineare con approvazioni, disapprovazioni, gesti o altri movimenti o frasi le deposizioni della testimone, specie quando la teste guarda i banchi della Difesa. Ho ritenuto di non farlo questo intervento anche per consentire...

Avv. N. Marseglia (avvocato Sabrina Misseri): Presidente ha fatto bene, sfonda una porta aperta...

Presidente C. Trunfio: Anche perché...

Avv. N. Marseglia (avvocato Sabrina Misseri): Per me è motivo di sofferenza che dura dalla prima udienza e la fisiognomica di questa aula grazie a Dio viene ripresa dalle telecamere, quindi avremo modo di rivedere tutte le espressioni che sono state fatte. Non ho altre domande.

Questo è scritto e non da adito ad equivoci. Poi se la Misseri ha riso in udienza e nel verbale non figura per una dimenticanza o perché non si è ritenuto di scriverlo, peggio per lei perché ai giudici, sia togati che popolari, certi atteggiamenti non piacciono proprio.

Massimo

Manlio Tummolo ha detto...

Ma, se anche avesse sghignazzato a squarciagola, signor Andrea, è forse prova di un assassinio ? Uno può anche ridere per pura amarezza, visto e sentito il grado di "amicizia" che la signorina Mariangela Spagnoletti aveva dimostrato nei suoi confronti. Quanto alla presidente della Corte, dal testo citato da Massimo si vede assai bene che era imbarazzata e sapeva di non dire le cose come avrebbe dovuto, se l'imputata si fosse comportata scorrettamente. In quei casi i giudici intervengono brevemente con diffida oppure ordine secco (del tipo "Se l'imputato continua, sarà espulso dall'aula"), e non con un predicozzo balbettante e manifestamente imbarazzato.
Stante poi il "Quotidiano di Puglia" di ieri, la Corte ha rigettato la richiesta di sequestro preventivo per la casa di proprietà dei Misseri, correttamente perché in sede penale solo al termine dei tre gradi di giudizio può essere esercitato.

Sirenetta galatica Francy ha detto...

X Carla : sì, la buonanotte a Sarah la do sempre perche', non so il motivo, ma la sento più vicina, come se le stessi parlando. per me e' diventato un' abitudine dare, dentro di me, la buonanotte a Sarah e anche Yara,anche affacciandomi alla finestra .mi sembra un uno dei modi per continuare a farle vivere. mi piace lasciare sempre un pensiero per Sarah.oggi c'e' stata una nuova udienza del processo e mi sembra di aver capito che abbia parlato Donato Massari , cioe' il padre di Francesca (l'amica di Sarah). Questo e' a favore di Sabrina : Francesca avrebbe detto che Sarah era innamorata di un suo compagno di classe e che Sarah NON le aveva mai parlato di Ivano. a questo punto mi sembra ovvio che Ivano per Sarah era un idolo, ma niente di più. credo che,probabilmente, se Sarah fosse stata innamorata di Ivano lo avrebbe detto alla sua amica, dato che le amiche sono sempre le prime a sapere queste cose.almeno, io se dovessi prendermi una cotta x qualcuno ,le mie amiche sarebbero le prime a saperlo. quello che ha detto Francesca riguardo Ivano ed il compagno di classe e' , secondo me, molto a favore di Sabrina.la verità, però, mi sembra ancora in alto mare.
Buonanotte baci T.V.B


Buonanotte Sarah. sarai sempre bellissima. T.V.B

carla ha detto...

ciao carissima sirenetta,peccato però che questo fatto che dici tu,i giornali non esaltano e invece ,mettono più in evidenza che francesca dichiara che sara temeva sabrina......cioè si continua a mettere il coltello nella piaga,mi domando poi che gusto ci trovano? e poi parlano di giustizia? che poi sono i primi che fanno del male e non se ne rendono conto.......ma almeno fossero in grado di dire come avrebbe potuto uccidere sabrina in che francente o condizioni che fossimo in grado tutti a comprendere,quando è potuto succedere?!.....
non si rendono conto di quello che dicono,non basta dire che uno è assassino se non mi sai dire quando e come venne il fatto....allora tutti possiamo essere possibile assassini,basta inventarsi una storia...è chiaro che si dica cose senza senno,basta che faccia notizia........sirenetta che ti devo ,intanto aspettiamo e vediamo cosa succede........a proposito sai cosa sono i giucchi?....diciamo che di giucchi non mancono in questo mondo.....baci e buonanotte t.v.b.

Mimosa ha detto...

Brava signora Carla che ha recuperato quella frase : «una la teneva, l’altra la ammazzava». Quando la sentti per la prima volta volevo commentarla, ma non sono mai riuscita a trovare la fonte, doveva essere una qualche ultima ordinanza.
Starà tutto qui il processo alla fin fine: “chi” delle due imputate teneva Sarah? e “chi” la ammazzava?
Il magistrato che ha stilato questa frase ha praticamente assegnato ai collegi di difesa il match ball.
E’ il PM deve dimostrare “chi” ha fatto “cosa” e finora tutte le escussioni dei testi non fanno altro che girare intorno agli orari e idem faranno per altre decine di udienze.
Ma alla fine i Giudici, per emettere una sentenza e assegnare la pena in base a precisi articoli e commi del codice penale, dovranno sapere CHI materialmente, personalmente e rispettivamente è omicida o complice.
Altrimenti la sentenza sarebbe “verso ignoti”.
C’è la possibilità che si replichi la faccenda dei coniugi Babawi, spesso richiamati in questa vicenda, ora, secondo me, tanto più.
Che ne dici Manlio?

Mimosa

Manlio Tummolo ha detto...

Non posso che confermare, cara Mimosa. La responsabilità penale è individuale e a ciascuno spetta la pena per l'atto da sé commesso. Quanto alla frase, credo che sia il titolo di un giornale, probabilmente in cui si rielabora e si sintetizza quanto supposto e detto dai SS. inquisitori. Basta leggere oggi le solite relazioni, in cui i testimoni non appaiono mai nella controinterrogazione, ma solo per la parte di conferma delle tesi inquisitoriali. E' il modo in cui larghissima parte dei mezzi di informazione intende la "completezza e pluralità" delle informazioni. Chi legge e beve quello che scrivono i giornali, crede che Sarah avesse una terribile paura della cugina e che la macchina vista "era" quella di Cosima, e non simile a quella di Cosima, che il furgone blu era bianco o forse il bianco era blu (blu e bianco dànno azzurro). Un'altra sente la voce di un uomo urlare e si spaventa: insomma chi urlava, Cosima con voce da uomo ? I contro-interrogatori vengono accuratamente ignorati.

Andrea ha detto...

Gentile signor Tummolo... la corte non può essere corretta solo in alcuni casi...e le garantisco che non lo è solo quando rigetta la richiesta di sequestro dei beni dei Misseri...La dottoressa Trunfio è notoriamente moderata, perchè non vuole certamente arrivare a decisioni estreme, tant'è che, come ha detto nel suo intevento, altre volte aveva visto Sabrina comportarsi così e non era intervenuta...lo ha fatto quando la situazione si è protratta.. d'altra parte, se fosse stata secca e brusca verso Sabrina, subito gli innocentisti sarebbero insorti gridando allo scandalo... Signor Massimo: l'avvocato difensore ha spostato l'attenzione sull'aula, ma a me pare che il pubblico non c'entri nulla in un processo..gli eventuali sorrisi del pubblico o di altri, non entrano in dibattimento.. il comportamento degli imputati sì. Notte.

Mimosa ha detto...

Signor Andrea
non solo gli imputati e i testimoni (compreso il pubblico, si badi bene) sono tenuti al "rispetto della Corte" pena ammonizioni, espulsione dall'aula, incriminazione per vilipendio alla Corte eccetera, ma similmente tutti i legali, pertanto è ovvio che Marseglia ha dovuto dare ragione al Presidente ... è la prassi ... in aula di giustizia il Presidente è come il comandante di una nave: "un gradino al di sotto di Dio".
Però si è visto in queste udienze che solo il PM ha assoluta libertà di parola e può interrompere il Presidente a suo piacimento senza essere rimproverato …

emax/massimo prati ha detto...

E' un pensiero tuo Andrea, lecito e legittimo al 100% che però io non condivido.

Massimo

carla ha detto...

certo,anche la pena di morte è omicidio legalizzato......uno puo pensare che centra?.....centra,centra,che ci sono leggi e leggi.....poi dipende dal uso che se ne fà.....e se uno vuole capire capisce,se no continui pure a fare l'orrecchio da mercante......perchè come non si fa a vedere,chi è che fa più ghiasso tra l'accusa e la difesa?!...è possibile che la intelligenza umana che non ci arrivi?......saluti e buonanotte a tutti

Andrea ha detto...

Gentile signora Mimosa,i pareri discordanti sono positivi, perchè animano ladiscussione.
Leggendo i verbali potrà rendersi conto che il Presidente della Corte ha più volte rimproverato i Pm. Quindi, non c'è alcun atteggiamento parziale. Tra l'altro, il Presidente sarà pure colui che conduce il processo, ma sempre leggendo i verbali, potrà accorgersi che da parte degli avvocati difensori non c'è affatto un atteggiamento reverenziale verso il Presidente... l'avvocato Marseglia, se ha dovuto obiettare qualcosa l'ha fatto, come è giusto che sia... l'avvocato Borgogno addirittura ha insistito su passaggi che non gli erano consentiti, continuando a parlare anche quando il Presidente gli diceva che non poteva farlo...e non glielo diceva per simpatia ed antipatia. Se legge potrà vedere. Non mi pare quindi che la difesa sia in alcun atteggiamento reverenziale. Pertanto, e aggiungo, anche perchè mia sorella ha visto la scena, l'avvocato Marseglia non ha dato ragione alla Presidente per timore reverenziale, ma perchè oggettivamente Sabrina non si stava conmportando bene. D'altronde è chiaro che TUTTI in aula devono avere un atteggfiamento consono, ci mancherebbe, pubblico compreso... ma se questo non è stato rimproverato, un motivo ci sarà... mi deve inoltre spiegare l'avvocato come potrebbe vedere le facce del pubblico, considerato che è il primo della fila ed ha tutti gli altri alle sue spalle! Sinceramente, la cosa che più mi conforta in questo processo è proprio il collegio giudicante... forse lei non è di Taranto e quindi capisco che non possa conoscere la nomea di questi giudici. Più di qualcuno ha esclamato che meglio di così non si sarebbe potuti capitare, proprio per l'imparzialità e il fatto che non subiscono condizionamenti. Personalmente attendo l'esito del processo per esprimere un giudizio sulla vicenda. Ed accetterò il giudizio della Corte, qualsiasi esso sia, leggendo con attenzione le motivazioni.

carla ha detto...

e aggiungo,come non si fa a capire che la gelosia di sabrina messo assieme alla invidia di cosima è per dare più colorito all' omicidio?......però guarda caso ci si focalizza sulla gelosia,che alla invidia......in effetti mi domando cosa ci fa cosima in galera,ormai quasi da un anno?
è possibile che non ci si rende conto,che si sta giocando,sul punto debole della gente,di quello che accomuna e che non ci si sente presi in giro,che stanno giocando con lori sentimenti?.....
perchè chi dice il diverso deve fare paura?.....e non si pensa che ogni cosa che ci fa paura c'è un perchè? senza considerare che la paura ti sottomette e ti fa abbassare la testa,è questo che si vuole?........comunque sono dell'idea che la paura va affrontata...è vero che non tutti siamo in grado di farlo,ma il non farsi aiutare è contraproducente.....
non c'è di peggio di avere paura della paura stessa.....esiste libero arbidio,non c'è nulla e nessuno che ti aiuta se non siamo noi stessi che ci aiutiamo,in cui se ci troviamo in difficoltà non è colpa di altri è solo colpa nostra......il che non va confuso con i ostacoli che possiamo incrociare,sta a noi di superarle.....
è vero che chi dice il diverso viene considerato un "eretico",a questo punto dirrei che questa parola non mi dovrebbe più spaventare,anzi lo considero un complimento,perchè mi attira l'attenzione e posso sospettare che forse sono sul posto giusto.....
buonagiornata a tutti

carla ha detto...

è giusto che si rispetti.....posso avere rispetto di mia madre e di mio padre anche se non li ho più.....dico se uno dei due fossero un assassino/a o drogati posso pure non condvidere,senza mancare di rispetto,certo la cosa sarebbe difficile a gestire,non ne avrei dubbi,come pure si potrebbe seguire le stesse orme,ma con questo non vuol dire che li sto rispettando,anzi non è altro che condurli al catafascio.......
ritengo il rispetto non è rispetto se non è condotto in modo sano.....sta sicuro nel vero rispetto, c'è un rispetto reciproco e non si rispecchia nella cattiveria.......saluti

Manlio Tummolo ha detto...

Egregio Signor Andrea,
è solarmente evidente che Lei ritiene la Corte un gruppo di esseri perfetti che non possono errare. Eppure di errori ne hanno commessi fin dall'inizio con quella schifosa gabbia in cui hanno fatto rinchiudere nella prima udienza le due donne, e rigettando in quella stessa udienza la richiesta degli avvocati di liberarle. Poi evidentemente sono arrivati ordini dall'altro e si sono adeguati. Già un fatto simile avrebbe dovuto condurre alla loro immediata destituzione per eccesso di potere. Quanto alle imputate, che cosa hanno fatto di scorretto ? Gesti, rimostraneze ? Non mi pare che abbiano fatto nulla di cui essere punite o richiamate, tanto è vero che il tono del richiamo è evidentemente assai imbarazzato. Le farò un esempio personale: in un processo in cui ero imputato di aver sollevato per gli avambracci un violatore di domicilio gettandolo contro la porta (per questo atto di terribile violenza, ancorché materialmente impossibile, vista la mia statura e la stazza del violatore di domicilio, fui poi condannato ad una multa ma qui sorvolo), ascoltavo con un sorrisetto l'orazione dell'avvocato del violatore di domicilio. Questi spaventato o impressionato, o semplicemente per intimidazione psicologica, mi disse "Guardi il giudice, guardi il giudice !". Un processo, signor mio, non è il Giudizio Universale, non abbiamo Dio davanti a noi, ma solo povera gente, vestita con un mantello di seta nera fornito di fronzoli dorati, che spesso non sa neppure che pesci pigliare, che hanno il ruolo di sentenziare, senza spesso sapere su che cosa. Se le imputate avessero agito scorrettamente, sarebbero state espulse dall'aula dopo una prima diffida.

Anonimo ha detto...

http://www.lastampa.it/_web/CMSTP/tmplrubriche/giornalisti/grubrica.asp?ID_blog=251&ID_articolo=115

qui si parla dell'udienza di ieri!

Marianna

carla ha detto...

ho letto la stampa,pazzesco,come non si fa vedere delle serie di errori che si sta facendo in questo processo......ma che stamo tutti accecati?......è meglio che mi procuri un collirio anti....se no c'è rischio di contaggio.....
cioè ,specifico,oppure sarà colpa dei alcuni giornali ,che entra da un orecchio e ne esce un altra dall'altra orecchio......e c'è chi applaude.....
una cosa è certa che sarà un processo unico della storia,speriamo.....saluti

Anonimo ha detto...

Strano che nessun organo di stampa o trasmissione televisiva riporti questo passaggio delle dichiarazioni della M. Spagnoletti in riferimento al litigio tra Sarah e Sabrina.
Dal verbale dell'udienza del 21-02-2012:
AVV. BORGOGNO - Ma io questo voglio dire, quando uno parla di
litigata ci sono, proprio vorrei che lei ci spiegasse bene, cioè litigata io intendo io dico una cosa a uno e
l'altro mi risponde e si arrabbia.
DICH. Mariangela SPAGNOLETTI - Litigata nel senso a
rimproverare, che ha detto queste parole a Sara.
AVV. BORGOGNO - Quindi cerchiamo di essere chiari, non è una
litigata.
DICH. Mariangela SPAGNOLETTI - No.
AVV. BORGOGNO - Non è una litigata, è una cosa che Sabrina ha
detto a Sara.
DICH. Mariangela SPAGNOLETTI - Sì.
AVV. BORGOGNO - E Sara non ha risposto.
DICH. Mariangela SPAGNOLETTI - No.

ricky

Anonimo ha detto...

Signor Andrea, sua sorella ha fatto caso al richiamo che è stato costretto a fare l'avvocato Marseglia e NON il presidente, durante la deposizione di Claudio Scazzi. Eppure fu un passo assai animato, quando Marseglia minaccia di andare al terzo piano per evidenti forzature che vengono dalla seconda fila, ne nacque una polemica con Gentile.............
Ribadiamo anche questo richiamo, tramite sua sorella,come lamentela espressa dalla difesa, se vogliamo restare nella completezza e sembrare asettici.
Manuela Foggia

Daniele ha detto...

@DAVID DEEE
rispondo al commento del 26 febbraio 2012 13:34:00:

Ho l'impressione che siano tanti i potenziali indizi a carico di Michele Misseri e non capisco proprio per quale concreto motivo sia stato tolto di scena.

L'unico potere di Michele è quello di farsi sottovalutare. Purtroppo c'è chi associa la scarsa padronanza della lingua italiana alla stupidità e all'incapacità di architettare qualsivoglia piano, anche il più banale.

Penso che la gelosia possa essere un movente plausibile, purtroppo si uccide anche per molto meno, ma credo al contempo che tale movente debba essere dimostrato e non soltanto insinuato in base a particolari che accomunano la stragrande maggioranza delle persone:

due cugine a cui piaceva lo stesso ragazzo... a questo punto chiunque sarebbe un potenziale sospettato.

Saluti







@Manlio Tummolo,

la ringrazio,
ho risposto sotto l'altro articolo.

Non metto in dubbio che la criminalità organizzata sia presente e attiva nel territorio, tuttavia non tutti gli omicidi possono essere attribuiti ad essa e in questo caso, credo che gli indizi a carico dei Misseri siano troppi per poterne escludere il loro coinvolgimento.
Si tratta a mio avviso di un depistaggio un po' troppo intricato per essere vero, tuttavia ripeto che mi limito soltanto a ipotizzare e non conoscendo la realtà dei fatti, non escluderei nessuna ipotesi.

Saluti












Leggendo il testo dell'interrogatorio del Petarra, mi pare di capire che non siano stati acquisiti i primi verbali, in cui dichiarò di avere visto Sarah svoltare per via Umberto1 alle 12:45, contrariamente alle sue ultime versioni che la vedono svoltare per viale Kennedy alle 13:50 circa.

Non solo, mi pare non sia stato chiarito neanche il perchè di questo cambio di direzione. Evidentemente non interessa! è tutto limpido e attendibile purché muova contro Sabrina e Cosima.

Personalmente le vedo spacciate.

Andrea ha detto...

Gentile signora Manuela,
mia sorella era presente solo alla deposizione di Concetta e poi, nella penultima udienza, alla testimonianza di Mariangela (non può stare in aula ore ed ore) e ovviamente mi ha riferito di ciò che ha visto.
Gentile signor Tummolo,
i magistrati non sono certo esseri perfetti e infallibili... sono esseri umani.Ma, come in tutte le professioni, ci sono magistrati preparati e magistrati no. Come ci sono avvocati preparati e non, insegnanti, contadini, ecc ecc. In questo specifico caso non nutro fiducia nella corte solo perchè rappresenta la legge... io ho fiducia in QUESTA corte. D'altra parte credo che basterebbe informarsi per poter esprimere un giudizio. E le garantisco che a Taranto non c'è nessuno che dubiti delle qualità professionali della Presidente di questo processo. Coerentemente al mio modo di fare, dunque, non parlo a priori, ma per dato appurato. Ecco perchè sono certo che questa Corte giudicherà con scrupolo e competenza e difatti ho anticipato che condividerò qualsiasi sentenza emetterà. Riguardo al fatto che Sabrina e la signora Cosima fossero in gabbia, credo che non sia dipeso da un capriccio della Corte, ma da una precisa procedura uguale per tutti. Tanto che, alla richiesta degli avvocati, le signore sono state fatte accomodare affianco ai propri avvocati. E' stato fatto non appena è stato richiesto.Non secoli dopo. E il fatto che lei scriva che Sabrina e la signora Cosima siano state "liberate" dalla Corte per chissà quale ordine dall'alto, mi da' conferma del fatto che lei non è di Taranto. La Presidente della Corte di Taranto applica solo la legge... non esegue ordini altrui. E' notoriamente integerrima. Poi è chiaro, lei può crederci o no, anche se mi farebbe piacere se avesse un pò di fiducia in chi è del posto. Anzi, le aggiungo un particolare: non ho mai sentito nessuno parlar male della dottoressa Trunfio. Tutti ne lodano la grande preparazione e professionalità e un motivo forse ci sarà...Riguardo al fatto che Sabrina non sia stata allontanata dall'aula...beh, non deve imputarsi al fatto che non abbia fatto poi chissà che...La Presidente non è semplicemente voluta arrivare a decisioni estreme.. e quindi ha garbatamente invitato gli avvocati difensori a riportarla ad un comportamento più consono..ha anche precisato che la cosa avveniva da tempo. D'altra parte, credo che se l'avesse messa alla porta, come ha detto lei, probabilmente qualcuno avrebbe gridato allo scandalo e si sarebbe rivolto alla Suprema Corte dei diritti umani... in media stat virtus..

carla ha detto...

ma scusate,non facevano prima a chiedere ai diretti interessati cioè alle imputate,cosa sia successo quel giorno?invece che grovigliare sempre di più la mattassa,con queste supposizioni,per non dir di peggio...... saluti

Manlio Tummolo ha detto...

Egregio Signor Andrea,
forse anche in fatto di procedure si fida assolutamente di Sua sorella ? Guardi bene che la legge prevede, a parte casi di pericolosità accertata, l'assoluta libertà degli imputati, che non devono arrivare né legati, né ammanettati, né ingabbiati (artt. 64 comma 1; 294 comma 4; 388 comma 2 del CPP). Al contrario di Lei, ritengo Taranto sede del tutto inidonea a questo processo.
Quanto alla professionalità, nulla toglie, per chi conosce la storia dei processi, che si possa essere assai "professionali" e, nondimeno, agire illegittimamente. Si può essere buoni insegnanti, medici, avvocati, impiegati, e nondimeno in taluni casi, manifestare azioni non corrispondenti a tale professionalità per le più svariate ragioni. L'onestà è una cosa, la professionalità è altro: e non sempre coesistono.

Per Daniele: è evidente che siamo su posizioni diverse riguardo alla reale natura di questo delitto che, avvenendo in ambiente soggetto a controlli della criminalità organizzata, non si manifesta se non in "cooperazione" con questa. Se così non fosse o se non fosse avvenuto con modalità differenti da quelle ritenute valide da tutti, l'uomo sarebbe sparito anche lui in un pozzo, per la semplicissima ragione che rompe un determinato equilibrio, attirando l'interesse della forza pubblica, della stampa e degli Organi inquirenti (rompendo così la "pax criminalis" del luogo).

Manlio Tummolo ha detto...

PS: Sempre al sig Andrea. Non ho mai detto di essere di Taranto. Sono di Trieste, anche se attualmente abito in una piccola frazione presso Udine. Con ciò Le dico che, siano Taranto, Trieste, Torino o Napoli, oppure Timbuctù o Istanbul, New York o Mosca, la mia valutazione dei giudici, oltre che da negative esperienze dirette (mie e di miei conoscenti), ed indirette di cronaca corrente, si fonda sulla STORIA, ovvero una Giudice ben altrimenti severa, complessa e profonda. La Sua apologia dei giudici tarantini, non convalidata da nome e cognome che identifichino lo scrivente e di cui evidentemente non Si assume la responsabilità, è perfettamente inutile: ripeto, il fatto della gabbia già squalifica in partenza la Corte e il suo presidente, e l'uscita è stata ammessa non "subito", ma solo alla seconda udienza. LA LEGGE PARLA CHIARO e chi pretende di interpretarla a proprio uso e consumo rischia, o presto o tardi, di dover finire in quella stessa gabbia, ma per ben più fondati motivi. Portare aiuto ai potenti non è certo segno di coraggio o di necessità. Quello che valgono, lo vedremo alla motivazione della sentenza e nei gradi successvi.

Giacomo ha detto...

Dichiarazione del pm all’inizio della penultima udienza, quella della Spagnoletti.
"Il Pubblico Ministero si oppone all'acquisizione del DVD prodotto dalla Difesa nell’udienza precedente con le interviste a Nardelli e Giangrande [quella, per intendersi, in cui la Nardelli in un’intervista a "Chi l’ha visto" il cui logo compare in bella evidenza, dichiara che aveva avvistato la povera Sarah a metà strada e le era caduto l’occhio sull’orologio del cruscotto che le stava davanti e aveva visto che erano le 14,30, n.d.r] perché in realtà quel DVD non è altro che il montaggio di una serie di servizi televisivi. Questo montaggio noi non sappiamo da dove viene, chi l’ha fatto e soprattutto non possiamo essere certi della sua genuinità . Ora, se deve essere acquisito, deve essere acquisito senza il consenso del Pubblico Ministero e quindi come documento; il documento dobbiamo sapere chi è che lo ha formato, quando lo ha formato, e invece questo no, in quel DVD non c'è alcuna certezza. Ci possono essere state sovrapposizioni di voci, sovrapposizioni di vite; noi vorremmo avere l'originale di quelle interviste per sapere da dove sono state prese. Sappiamo soltanto dalla difesa che è stata una estrapolazione da You Tube e You Tube sappiamo benissimo cosa può contenere [difatti You Tube contiene tra l’altro un agghiacciante montaggio, partorito da una mente malata, in cui la figura di Sabrina si trasforma in un mostro, ndr]. Per cui il Pubblico Ministero si oppone, chiaramente, a questa acquisizione, per noi è un documento anonimo. Via e-mail è arrivato il giorno prima dell'udienza allo studio della difesa, per quello che ci ha detto la difesa di Sabrina Misseri, per cui c'è NETTA opposizione a questa acquisizione".

Il Pm continua, opponendosi anche al video dell’arresto di Cosima tra la folla esultante in cui spiccava il Petarra: quello per intendersi che ha dichiarato che ha visto Sarah alle 13,45 e la moglie l’ha confermato perché a quell’ora doveva assolutamente correre al lavoro; salvo poi essere smentita dal datore di lavoro, che ha dichiarato che la moglie di Petarra poteva andare al lavoro quando le pareva, perché aveva le chiavi.
All’opposizione si è associata la parte civile.

La Difesa ha detto che avrebbe prodotto le attestazioni di autenticità sul DVD nell’udienza successiva, cioè quella di ieri 28 febbraio e suppongo che le abbia prodotte e che la Corte abbia acquisito il DVD.

A mio parere l’opposizione del pm equivale a cercare di mantenere con le mani il castello che sta per crollare.

Ecco allora gli amici media colpevolisti che corrono in soccorso: e quindi dalli addosso a Sabrina e a Cosima, l’ex sfinge, che ora si rotolano sui banchi della Difesa in preda ad incontenibili e sfrenati cachinni, in una specie di sabba.

Come diceva Totò, "Ma mi faccia il piacere!"

Giacomo

Daniele ha detto...

@Manlio Tummolo,

probabile che abbia ragione lei, ma credo che far fuori Michele Misseri, Sabrina o chi altro possa aver compiuto il delitto, avrebbe sortito un effetto contrario a quello voluto, avrebbe attirato maggiormente l'attenzione e convogliato i sospetti, non più verso l'assassino ormai deceduto, bensì verso ignoti, compresi ovviamente gli autori del secondo delitto.


Si, le mia oppinione in merito è un po'distante dalla sua, mi sembra evidente, tuttavia ripeto che la mia è basata su quanto fino ad ora io personalmente ho letto, non conosco i percorso logico che ha fatto lei per giungere a una determinata ipotesi, dunque la rispetto e non la escluderei, così come non escluderei quella che vede colpevoli le due donne, anche se mi appare carica di mistero.

Saluti

Manlio Tummolo ha detto...

Caro Giacomo,
il ruolo legale di un pubblico ministero è quello di svolgere indagini imparzialmente; invece, come da Lei ben documentato, egli si comporta spesso (non solo in qusto processo intendo), come se fosse un avvocato di parte civile. Ora, se è comprensibile che un avvocato si opponga all'accettazione della documentazione per tutelare l'interesse del proprio patrocinato, non è assolutamente accettabile che altrettanto faccia un pubblico ministero che rappresenta la legge e il pubblico interesse di conoscere la verità o anche di ammettere che la verità non si possa conoscere. Ciò che Lei cita, è dimostrazione della irregolarità dominante a Taranto, come del resto in altre sedi.

Caro Daniele, il percorso logico da me seguito è esposto nei commenti sui vari e ormai innumerevoli articoli di questo blog. Del resto, Le ho risposto sinteticamente anche qui. E' inutile che io mi ripeta all'infinito. Ovviamente le mie sono ipotesi, come del resto ipotesi sono quelle degli altri. Si sa che è più facile seguire quelle dominanti nella pubblica opinione piuttosto che quelle di singoli o di ristrette minoranze.
E' tuttavia grave che queste maggioranze non si chiedano o non cerchino di rispondersi perché un "reo confesso" sia libero di muoversi, a parte gli obblighi quotidiani di firma, e due persone su cui non vi è alcuna prova concreta restino chiuse in carcere: qualcosa che non quadra dovrebbe apparire come tale a tutti, e invece...
Quanto alla criminalità, questa non ha fretta: non conosce prescrizioni e può ben darsi che regoli i suoi conti quando ormai l'interesse pubblico si sia smorzato. Ma è tutto da ipotizzare per il futuro.

Andrea ha detto...

Gentile signor Tummolo,
come immaginavo, lei non è del posto e mi sembra di intendere dalle sue parole, se sbaglio mi corregga, che lei è prevenuto sui giudici a priori. Ora, dire e pensare che siano TUTTI corrotti ed incompetenti mi sembra un pò azzardato... gli incompetenti, disonesti e corrotti ci sono in tutte le categorie, così come ci sono gli onesti, incorruttibili e preparati... e comunque, giusto per specificare, perchè forse mi sono espresso male, io mi riferivo a QUESTI giudici. E specifico: non solo sono professionalmente preparati, che è già una buona base di partenza, ma sono anche e soprattutto ONESTI e INCORRUTTIBILI! Non per nulla sono STIMATISSIMI a Taranto e non, e non solo nell'ambiente, ma proprio dalla gente!! Ora, se ci fosse qualche falla nell'attività professionale di questi magistrati, sicuramente si saprebbe...anzi, credo che sarebbe emersa proprio in occasione di questo processo, visto che tutti i protagonisti sono stati passati ai raggi X... invece TUTTI e ribadisco TUTTI coloro che li conoscono (per conoscere non intendo dire che necessariamente vi abbiano avuto a che fare), ne parlano bene... ovviamente lei è libero di pensare il contrario, o di affermare che la gente parla bene di questi magistrati per chissà quale occulto motivo...personalmente sono pragmatico e quindi abituato a ragionare non per preconcetti, ma su dati di fatto. E che il processo sia in ottime mani è un dato di fatto. A presto.

Andrea ha detto...

Sulla documentazione non concordo... è logico che in un Tribunale non si possa accettare un filmato di cui non si conoscono le origini.. non so se avete presente cosa circola su Youtube...mi riferisco ai video in generale.. e non è sicuramente tutto materiale "onesto"... senza contare che qui si parla di montaggio... termine che indica una MANIPOLAZIONE dei video in questione... della serie che, per assurdo, uno potrebbe prendere un pezzo là, un pezzo qua e far diventare le cose ben altro.. infine... se la difesa non ha nulla da nascondere come credo, non avrà nessun problema a produrre informazioni sulle fonti di quei filmati e sulla loro struttura originaria..anzi, credo che sarà ben felice di farlo, per dimostrare che le cose stanno proprio come dice..

magica ha detto...

andrea .. naturalmente quegli inquirenti sono infallibili..
una persona sta in carcere da mesi un base ad un sogno .

Manlio Tummolo ha detto...

Veramente, egregio signor Andrea, non ho detto che TUTTI SONO CORROTTI. Non faccio mai generalizzazioni. Dico che la storia, la cronaca e l'esperienza individuale insegnano che agiscono spesso sulla base di pregiudizi o per altri più o meno reconditi motivi. Un punto fermo è che essi, in prevalenza, dànno ragione a colui che essi ritengono il più forte tra due litiganti. Non continui a propagandare Taranto: la serietà e l'onestà non hanno bisogno di slogans, esaltazioni, apologie. Si verificano da sé, se vi sono. Odio dover ribadire le stesse cose di per sé evidenti. Abbiamo visto bene come lavori il Tribunale tarantino nell'anno corrente. C'è forse stato a Taranto un referendum sulla qualità dei propri giudici ? Non credo. Dunque, non può ritenere di rappresentare il parere di un'intera provincia. E, riguardo ai siti, c'è pure AGORA' dove si dice "Taranto: il Foro dell'Ingiustizia". Lei sta formulando un municipalismo giudiziario alquanto assurdo, visto che i giudici non sono necessariamente del luogo, di stirpe tarantina. Dover sentire sempre carosello sui giudici è eccessivo e noioso. Se Le piacciono, se li tenga, secondo il noto principio "de gustibus non est disputandum". Ma appunto per questo non è detto che i Suoi gusti siano da tutti condivisi!

Sirenetta galatica Francy ha detto...

X Carla : ciao. scusami se ieri non ti ho risposto. ho saputo anche io che i giornali hanno messo in evidenza che Sarah avesse paura di Sabrina. mi chiedo come mai quasi nessuno prende in considerazione il fatto che possa essere Michele il colpevole. cosa sono i giucchi ? baci T.V.B

carla ha detto...

ciao mia carissima sirenetta,scusa ieri ho dovuto andare fare la terapia ed ho giustamente lasciato a volo un pensiero per lucio dalla....
intanto,come si domanda pure massimo,che in tribunale se per caso ci sono diversi autoparlanti,il che quanto pare che ogni giornale dica cose diverse....il concetto è questo,si è detto che un anno prima,c'è stato un episodio,che per il ritardo che avvrebbe fatto sara,sabrina si sarebbe arrabbiata,ma che temeva quella sgridata in quella circostanza.....ma hanno confusa un po' le cose,e,l'hanno fatto passare come una cosa recente prima della morte,poi l'hanno messo sotto forma come un fatto minaccioso.....quando il fatto si dimostra tutt'altro,che sara dipendesse da sabrina è chiaro ed è anche comprensibile,come anche è ovvio se sara ritardava sabrina se ne sarebbe preocupata e di conseguenza si sarebbe arrabiata,ma ci vuole tanto ad arrivarci?......
i giucchi sono quei esseri che credono di sapere e nel momento che dovranno dare la prova o i esami ,non ti sanno rispondere.....
buonagiornata a stasera ....t.b.v.

magica ha detto...

buongiorno a tutti,,
ciao a carla .
carla tu pensi che quei giornlisti a proposito di quella frase " ho paura di sabrina" non abbiano capito il senso ed il contesto nel quale fu detta?.. lo hanno capito .. quei giornlisti vogliono essere zelanti con chi indaga e incolpa. chissa' perchè? secondo me per un tornaconto , xchè non si sa mai.. potrebbero aver bisogno in futuro ..
mi pare strano che non capiscano il vero ..
a porta a porta settimane addierto una criminologa disse che sabrina si trovava davanti al garage ( non fuori del cancello) e appena vide l'amica esclamo' l'hanno presa .. quante falsita' si dicono .. ma cosa credono che siamo allocchi? le notizie si sanno per averle lette e risentite per parecchio tempo .. è inutile dire falsita' .. per rincarare le dosi ..

carla ha detto...

ciao magica,ci sono troppe cose,che non quadra in questa facenda,e non so cosa pensare....non so sè da considerare che sia troppo scettica,se tutto ciò sia dovuto farina di proprio sacco,se la responsabilità è dovuto ai soli dei giornalisti o della procura o di tutti e due,che non sia dovuto al sistema,in cui non siamo a conoscenza,per come si sta svolgendo le cose,sembrano perfino siano gestiti come le marionette.....
per fortuna che non tutti siamo arlocchi,ma si vede che qualcuno, a quanto pare, piace esserlo,per qualche motivo suo......
ci sono dei errori così evidenti,ma si preferisce non vederle.....mah! il mondo è bello ,perchè è vario,c'è il buono e il cattivo,il alto e il basso ,il grasso e magro,il bello e il brutto ecc. da che mondo e mondo,insomma c'è ne per tutti,ognuno la sua scelta..... sono contenta che hai ripreso a scrivere visto che c'è questa opportunità e in modo più civile....baci ciao e buonaserata a dopo cena se ti vedo

Sirenetta galatica Francy ha detto...

Ciao Carla. Come e' andata la terapia ? Spero sia andato tutto bene. Concordo molto con te e Magica. Mi viene un dubbio : se Sarah aveva paura di Sabrina come si racconta , come mai, nonostante tutto, continuava ad andare a casa sua ? e perche' Sarah non annota questa paura sul suo diario ? lei annota solo le litigate a causa di Ivano, ma non scrive di aver paura di lei. credo che prima o poi Sabrina uscirà dal carcere. baci T.V.B

carla ha detto...

ciao sirenetta,si è andata tutto bene grazie,tra poco inizia quarto grado,vediamo che altro viene fuori....... se non ti vedo ti auguro una buona e serena notte ciao t.v.b.

Sirenetta galatica Francy ha detto...

Son contenta che sia andato tutto bene. Vado a vedere anche io un pezzettino di Quarto grado. Buonanotte T.V.B

Sirenetta galatica Francy ha detto...

X Carla : sono contenta che sia andato tutto bene. Vado a vedere anche io un pezzettino di Quarto grado. Buonanotte T.V.B

Daniele ha detto...

@Manlio Tummolo,

credo che lei sia stato chiarissimo, la ringrazio ancora e non pretendo che mi esponga per filo e per segno il suo percorso logico, che comunque è strettamente legato a fattori soggettivi e potrei non comprenderlo anche avendo sotto gl'occhi gli stessi identici dati di cui lei è a conoscenza.

Credo che uno stesso fatto possa essere visto da angolazioni differenti, traendone conseguentemente conclusioni differenti.

Siccome ho la piena consapevolezza che il mio punto di vista non sia assoluto, tendo a rispettare e a non escludere categoricamente le ipotesi degl'altri, anche quando mi appaiono molto distanti dalle mie.

In ogni caso, benchè io trovi poco probabile l'eventualità di un colpevole al di fuori dei Misseri, concordo pienamente con lei quando afferma in sostanza che questa vicenda presenta aspetti alquanto anomali: un reo confesso in libertà e due donne tra le sbarre con a carico di tutto tranne che prove, additate da molti quasi fosse scontata la loro colpevolezza.

Saluti

Manlio Tummolo ha detto...

Se vogliamo essere logici in merito all'atteggiamento dei SS. Inquisitori, dobbiamo arrivare alla conclusione che essi ritengano Michele Misseri del tutto innocente; che l'accusa di occultamento o "soppressione" del corpo (del resto tentata ma non avvenuta) serva solo come pressione sulle due donne, per il motivo semplicissimo che si occulta, ma allora si è complici attivi (o autori o coautori del delitto), mentre non si occulta solo per far piacere all'assassino, fosse pure un parente strettissimo e a maggior ragione visto che l'ucciso è a sua volta parente stretto (per lui un affine, in termine giuridici). Il tutto è aggravato dal fatto che indagate sono un'intera famiglia e parte del parentado prossimo, non semplici estranei, per cui i legami di solidarietà nel delitto potrebbero essere molto forti. Ho già più volte sostenuto, senza che si possano presentare obiezioni consistenti, che il comportamento dei magistrati svela la loro reale convinzione, ovvero che quella famiglia non è responsabile del delitto, ma viene coinvolta in questo per ragioni che solo essi possono spiegare, mentre noi possiamo (e dobbiamo) cercare di ipotizzare nelle forme più ragionevoli possibile.
Mi domando, ad es., se domani o un altro qualunque giorno, liberate le due donne, Michele Misseri ritrattasse tutte le confessioni, spiegando di averle fatte per costrizione di volta in volta, che cosa resterebbe di tutto l'impianto accusatorio ? Personalmente credo nulla, perché non vi sono riscontri obiettivi nella localizzazione e cronologizzazione del delitto, né alcuna tra le infinite tstimonianze precedenti o del corrente processo rivelano alcunché sul delitto stesso. In sostanza, tutto si fonda sulle inattendibili versioni di un inattendibile contadino, di cui uno prende la prima, l'altro la seconda, ecc. Se vi sembra una storia solida...

carla ha detto...

certo è chiaro il concetto manlio,renderebbe de mo il sospetto,solo per il fatto che si esclude completamente michele dal omicidio e poi dal fatto che ci sia tutta questa contraddizione e che si voglia mettere in piedi la storia della gelosia e invidia a tutti costi.... anche se c'è chi non vuole vederle,solo per appagare il gusto di puntare il dito o di condannare qualcuno......saluti

Andrea ha detto...

Gentile signor Tummolo,dapprima
una considerazione: quanto astio nelle sue parole verso i giudici!!!E questo, mi permetta, mi sa di "prevenzione"...Vorrei comunque precisare che, parlando di giudici tarantini, non intendevo riferirmi al loro essere autoctoni o meno, ma semplicemente al fatto che operano qui da tantissimi anni e che quindi sono conosciuti, nell'ambiente e non...tra l'altro, una seconda precisazione. Quando affermo che sono stimati e che la loro professionalità è nota, non riporto un parere personale che, se così fosse,diventerebbe ininfluente, ma una nomea diffusa in tutta la città e non solo... ora non credo che questo possa essere un preconcetto, e converrà che è assurdo pensare che tutti coloro che stimano questi giudici siano pazzi, incompetenti o conniventi o quant'altro...se così tanta gente stima "questi" giudici, non vedo perchè mai si debba pensare che sia per chissà quale arcano motivo...a volte le spiegazioni più semplici sono le pioù logiche... e la più semplice spiegazione su ciò che si dice di questi magistrati, è che.... sia vero!! Riguardo all'associazione a cui lei fa riferimento e che ha denigrato l'operato dei giudici del Foro tarantino... beh...innanzitutto i magistrati Trunfio, Buccoliero, Argentino, Sebastio, Rosati, Misserini, innanzitutto non sono TUTTO il Foro tarantino....ma sono "questi" diudici di cui parlavo sopra...in secondo luogo, mi consenta di diffidare di chi, come il signore che sta a capo di quella associazione, ce l'ha con i magistrati a prescindere, solo per non essere ripetutamente riuscito a superare un concorso....se la prenda con la sua preparazione più che con gli altri!!

Andrea ha detto...

Gentile signor Tummolo,dapprima
una considerazione: quanto astio nelle sue parole verso i giudici!!!E questo, mi permetta, mi sa di "prevenzione"...Vorrei comunque precisare che, parlando di giudici tarantini, non intendevo riferirmi al loro essere autoctoni o meno, ma semplicemente al fatto che operano qui da tantissimi anni e che quindi sono conosciuti, nell'ambiente e non...tra l'altro, una seconda precisazione. Quando affermo che sono stimati e che la loro professionalità è nota, non riporto un parere personale che, se così fosse,diventerebbe ininfluente, ma una nomea diffusa in tutta la città e non solo... ora non credo che questo possa essere un preconcetto, e converrà che è assurdo pensare che tutti coloro che stimano questi giudici siano pazzi, incompetenti o conniventi o quant'altro...se così tanta gente stima "questi" giudici, non vedo perchè mai si debba pensare che sia per chissà quale arcano motivo...a volte le spiegazioni più semplici sono le pioù logiche... e la più semplice spiegazione su ciò che si dice di questi magistrati, è che.... sia vero!! Riguardo all'associazione a cui lei fa riferimento e che ha denigrato l'operato dei giudici del Foro tarantino... beh...innanzitutto i magistrati Trunfio, Buccoliero, Argentino, Sebastio, Rosati, Misserini, innanzitutto non sono TUTTO il Foro tarantino....ma sono "questi" diudici di cui parlavo sopra...in secondo luogo, mi consenta di diffidare di chi, come il signore che sta a capo di quella associazione, ce l'ha con i magistrati a prescindere, solo per non essere ripetutamente riuscito a superare un concorso....se la prenda con la sua preparazione più che con gli altri!!

Manlio Tummolo ha detto...

Signor Andrea, mi scusi, ma Lei sta annoiando, nel senso che infastidisce le persone con le Sue declamazioni ripetitive ed apologetiche. Dunque: "prevenzione" può anche significare anticipare, per evitarle, le conseguenze negative di qualcosa, il che è positivo. Lei pretende di conoscere le opinioni di circa 400.000 abitanti della Provincia e di circa 200.000 del Comune di Taranto, compresi evidentemente anche i delinquenti locali. Mi sembra francamente esagerato. Se avete fatto un referendum, mi dica pure la data di questo. I giudici per ora in Italia non sono elettivi, ma di carriera e vaganti in varie sedi. Le ho pure citato un sito web che descrive in maniera tutt'altro che entusiasta il Tribunale tarantino ("il foro dell'ingiustizia"). Non riuscire all'esame della Magistratura o di avvocato può essere, oggi come oggi, un titolo d'onore. Si vede benissimo che Lei ha mentalità autoritaria e reazionaria, esaltatrice di ogni potere esistente. E, di passaggio, i magistrati inquirenti non sono giudici, ma appunto solo magistrati inquirenti. Come questi ultimi abbiano lavorato nel concreto, fa semplicemente nausea, sulla base dei loro stessi atti, di cui non uno è apprezzabile. Ho cognizione diretta di come studiano i giuristi. Le mie prevenzioni, come detto e ribadito, sono fondate su: esperienza e studio personale, cronaca, storia. Se non Le basta, ripeto: si tenga i Suoi giudici i suoi procuratori, con l'affettuoso augurio di non dover mai aver a che fare con essi, neppure come parte lesa, e con ciò chiudo con Lei ogni discussione, perché - come ho detto - dover ripetere all'infinito le stesse cose mi infastidisce. Abbiamo avuto qui una sequela di apologisti dell'abuso giudiziario, sempre gli stessi con nick-names diversi, e ripetono sempre le stesse cose, se non le stesse frasi. Chi vuol capire capisca, chi no si arrangi. Se è veramente "pragmatico" come sostiene e non un predicatore di terz'ordine, non pretenda di convertire nessuno alle Sue rispettabilissime ma non condivise posizioni.

magica ha detto...

signor andrea .. quoto in pieno manlio tummolo .
veramente dico la verita' non me ne intendo di procuratori o magistrati .. per fortuna non ho avuto il piacere di intrattenermi con loro per cause o varie dispute ,
ma .. ho avuto la possibilita' di sentire interrogatori . e sono rimasta interdetta ..
mah ( mi pare non sia in questo caso ) ho appreso perfino di torture le pare poco? saluti ,,

Paola ha detto...

Magica...Torture??? ahahahahah Mi perdoni, ma non so chi le abbia raccontato una simile fesseria!!! E mi meraviglio che lei abbia potuto crederci, non siamo mica nel Medioevo! Ma si rende conto di cosa sarebbe successo se veramente qualcuno fosse stato torturato?? ahahah mi perdoni, ma questa cosa mi fa davvero ridere!!
SIGNOR TUMMOLO... sono sempre stato molto educato nell'esprimere il mio parere, soprattutto quando discordava dal suo o da quello di altri utenti... anche perchè il mio intento non è quello di convincere nessuno... si discute per scambiare opinioni...ma mi sa che non tutti lo fanno per questo scopo!!la sua affermazione "mi sta annoiando" riferita a me e tante altre parole davvero poco gentili che lei mi ha rivolto nel post, mi lasciano quantomeno interdetto...anche se non dovrebbero stupirmi, perchè di maleducati è pieno il mondo...per non parlare di arroganti, presuntuosi e saccenti...Non credo che abbiamo più nulla da dirci... lo scambio di opinioni, sebbene discordanti, mi sta benissimo, la cafonaggine e la maleducazione no!! Ps Gentile signor Prati, io sono stato redarguito da lei per molto meno...

emax/massimo prati ha detto...

Già, signor Paola, tu sei stato redarguito per molto meno... tutto sta a sapere sotto quale nome scrivevi in quel momento. Non è facile capire l'ibrido, quando un uomo scrive in forma femminile o quando una donna scrive in forma maschile. In quelle occasioni c'è da chiedersi quale sia il vero sesso di chi commenta... sotto quale veste lo fa e soprattutto perché lo fa.

Massimo

Andrea ha detto...

mi scusi signor Massimo....Paola è mia moglie...era qui con me mentre scrivevo e parlavamo...tutto qui...se vuole crederci ben venga, altrimenti non so che dirle... tanto è vero che il post è al maschile.. ribadisco, è libero di crederci o no, non so che dirle... d'altra parte non vedo che sarebbe cambiato, se io fossi stata donna a dirlo..e comunque resta il fatto che il signor Tummolo è stato offensivo..posso aver dissentito da lui o da altri utenti, ma credo di aver sempre precisato che la mia era solo un'opinione personale e che comunque attendevo l'esito della corte, accettandolo con le sue motivazioni, qualunque fosse stato...

emax/massimo prati ha detto...

Io Andrea credo sempre a tutto e a tutti, non ho quindi alcun problema a credere che tua sorella fosse in tribunale, che tua moglie si chiami Paola e che firmi un tuo commento, che tu ti possa chiamare in realtà Marco o Walter o in altri modi anonimi... credo a tutto e mi sta bene il crederlo, non mi sta bene chi si accapiglia in un blog, questo lo hai capito ed a me tanto basta.

Massimo

Manlio Tummolo ha detto...

Caro Massimo,
come ben sai, io scrivo in un certo modo quando, senza mai tener conto delle mie risposte, mi si ripetono, anche se in forme molto farisaiche, le stesse cose. Qui non si trattava di opinioni discutibili, ma di dire con tanto "pragmatismo" che i signori magistrati di Taranto, e in special modo coloro che mandano avanti il processo Scazzi-Misseri, sono Esseri Perfetti ed Infallibili, malgrado io abbia spiegato anche in termini di legge perché siano esattamente il contrario. Che l'intera città e provincia di Taranto concordino sulla Perfezione di tali Esseri, compresi evidentemente pure i delinquenti locali. Inoltre, che chi esprime diverse opinioni, lo fa solo perché non ha passato l'esame di magistrato o di avvocato (cfr. Agorà: Taranto, il Foro dell'Ingiustizia). Ovviamente, questo, a parere dei soliti intervenienti proteiformi - come da te ben sottolineato - non è offensivo verso nessuno.

carla ha detto...

ciao massimo condivido con te in pieno,ho avuto l'occassione di conoscere il personaggio.....e penso che tenti di intimorire magica è ovvio......saluti
x magica non mollare oppure non ti curare......vai avanti per la tua strada ciao smak

magica ha detto...

buonasera a tutti ..
ciao carla non capisco il tuo ultimo post ,, perchè dovrei temere qualcuno? forse paola o che per lei ?.. assolutamente .. non siamo in quel sito dove abbiamo avuto quella brutta esperienza .. con tutte quelle offese e insinuazioni . non avrei mai voluto averlo frequentato .


per paola ...
ho specificato che le torture non sono avvenute nel caso scazzi ,, anche se le torture sono anche psicologiche ,, mi pare che stare in carcere prima di un verdetto sicuro di colpevolezza non sia cosa di poca importanza ,, anche perchè con quali presupposti? reiterazione del reato? pericolo di fuga?.. se non è abuso di potere questo .. allora è come una tortura ma psicologica ..


paola!
ultimamente è stato liberato un carcerato dopo anni .. gli avevano estorto una confessione con la tortura .. ma era innocente .. far bere acqua salata attaverso un imbuto è ed altre atrocita' .le sembra poco?. poi anche la signora di gravina l'avevano minacciata di farle fare un volo dalla finestra.. cosa sono queste? e sono casi di pochi anni anni fa .. opera dei primi indagatori . non della magistratura ..
comunque il medio evo l'ho perecepito nel caso di cui si discute ..

magica ha detto...

paola!!!!
sei come quei giornalisti che capiscono ma fanno finta di non capire?..
ahahaah .. la dedico a..te ..ridolini ..
... non ho mai scritto che ci furono torture nel caso scazzi .. ci mancherebbe .

Sirenetta galatica Francy ha detto...

bravo massimo, concordo

carla ha detto...

ciao sirenetta sei forte,spero che nel corso della tua vita riesca mantenere questo temperamento.....e non ti vergognare se in te esiste la bambinetta.....adolescenza vuol dire essere tra bambini e adulti....se puoi cerca di non negare la bambina che c'è in te....ti servirà per la tua crescita.....anche di lucio dalla si dice ,nonstante avesse 69 anni che riservava il bambino in lui....bè!ancora buonanotte t.v.b.

x magica ,se non è tortura quella di mettere in galera delle persone che sono possibili innocenti,e, non solo,con quella di aver perso tutto,quello che era il proprio nido....quando ,per come ritengo che è michele il colpevole,che a galera ci doveva stare michele e le donne potevano stare nella loro casa....e non si può dire tranquille,perchè è gia un peso che grava sulle spalle sapendo il padre e marito assassino....
non pesnsi che se loro escono da galera sono costretti di andare da emma serrano,che dovranno partire da zero,di certo non troveranno una bella situazione......sfido chiunque chi accetterebbe una cosa del genere.....ti vien più facile a pensare che almeno in galera si ha un tetto e un pasto,però non hai la libertà e la dignità.....se non è tortura questo?! ciao notte

Anonimo ha detto...

ciao a tutti. vedo che la storia continua; o complimenti, smak, tvb e smancerie varie, oppure tacciati di essere ripetitivi...apostrofati...e cancellati.
Caro Massimo, ma quando la leggiamo una "cazziata" al prof. Tummolo per le continue " garbate" offese nei confronti di chi espone educatamente le proprie opinioni anche ribadendole?.
Saluti a tutti da Morano Calabro.

Manlio Tummolo ha detto...

Errare è umano, perseverare nel male è diabolico oppure semplicemente segno di faziosità. Qualcuno dei sostenitori della SS. Inquisizione dovrebbe aver capito, ormai da circa un anno, che respingo sia gli attacchi personali diretti, sia quelle subdole giravolte che credono di potermi prendere per "ingenuo" (eufemismo). Considerata la mia età e tenendo conto del genere dei miei studi, l'ingenuità sarebbe un difetto assoluto. Rimproverare chi ride in Tribunale, e poi scrivere "ahahahahahah" a chi presenta una qualche osservazione è, perlomeno, segno di incoerenza (per la tortura non occorre arrivare al Medioevo, basta pensare a certe persone finite negli ultimi anni all'altro mondo in carcere o per strada ad opera di tutori dell'Ordine). Quanto ai rapporti con Massimo Prati, essi sono sempre stati di lealtà e rispetto reciproci assoluti. Anche quando abbiamo avuto divergenze sulle varie situazioni ipotizzate, ci siamo confrontati, portando ciascuno i nostri argomenti, senza irrisioni, senza offese, senza pretendere di convertirci reciprocamente, tenendo conto delle nostre diverse esperienze. Occorre imparare a discutere nel rispetto verso l'altro senza inutili orpelli formali, ma anche tenendo conto che ciò che conta è l'argomentazione, la dimostrazione con i fatti o col processo logico, mentre gli slogans, le ripetizioni ossessive di affermazioni, la pubblicità del tipo "Con XX più bianco non si può", e simile paccottiglia, non servono a nulla, annoiano e basta. Non è un caso infatti che quegli stessi personaggi con cui sono costretto a chiarire in modo definitivo le mie posizioni sono gli stessi che poi si trovano anche con altri in discussione "animata". In questo consiste la differenza.

Anonimo ha detto...

Il solo fatto che si manchi di senso critico verso quegli amministratori della giustizia che emanano un mandato ufficiale di carcerazione verso una persona che "ha agito solitario" , descrivendone tempi , modi e aspetti psicologici non proprio degni di libertà, che rimescolano la "solitarieta" arrestando una parente più che prossima come complice prima e mandante di reato penale dopo, che poi ne incarcerano un'altra ancora sulla base di un sogno confermato per "sentito dire" e mai dall'interessato e che infine liberano il brutale solitario come una comparsa, mai chiarendone i presupposti oggettivi.....rimane un dato di fatto e la dice lunga su chi queste riflessioni evita quantomeno di farle.
Manuela Foggia

Anonimo ha detto...

x max- questi due nomi che hai fatto mi ricordano che ho avuto già un diverbio con un walter/marco su un'altro sito che si divertiva a far credere di avere un profilo su fb che risulta no esistente , poi ho capito che deve essere un ragazzino che un po fuori di testa che si fa bello con le inconsapevoli utenti del forum quindi lascialo perdere non merita attenzione ...ciao