domenica 1 febbraio 2015

Veronica Panarello. Parla l'avvocato Francesco Villardita e smonta ogni accusa svelando gli altarini della procura di Ragusa...



La differenza fra avere l'informazione dai media nazionali che scrivono per linea editoriale, che bloccano i discorsi quando portano dove non devono portare, che si affidano alle procure in maniera esponenziale anche in fase di indagini preliminari, e una vera informazione che nasce parlando in maniera amichevole e privata, è immensa. Lo dimostra questo video di "Sestarete" registrato fra amici in un bar. Anche il dottor Villardita dall'alto della sua esperienza non le manda a dire e ci spiega i motivi per cui difende Veronica Panarello e accusa chi ha portato avanti le indagini, chi ha periziato dopo l'autopsia e chi sentenzia motivando in maniera assurda le sue decisioni.

149 commenti:

Bruno ha detto...

Si il video è molto interessante e l'avvocato Villardita convincente nei ragionamenti. La Panariello spero esca dal carcere quanto prima.

Dudu' ha detto...

Ciao,grazie Massimo . Dal video si colgono i curiosi presupposti che da testimone passa ad indagata in poco meno di mezz'ora,chissà qual'è l'indizio emerso che l'ha determinato...interessante le ipost asi 'chiare' riscontrate alle 21.30 della Sera,tenendo conto che alle 17.30 (?) circa verrà tolto il corpicino dal canale del mulino(4 ore dopo). E se dall'indagine se ne è tratto un orario che la scienza stessa tende a escludere stando cosi' le cose offertici ,mi sto' chiedendo se son stati valutati scientificamente tutti i potenziali indizi trovati(e secondo me potrebbero esserci) sulla corpo che potrebbero indicare una strada piuttosto che un'altra.Ancora non escludo la pista della pedofilia.
Sulle fasciette messe dopo lo strozzatomento mi verrebbe da farne un'altra lettura da quella data dai media.Noi sappiamo che esiste una reazione fisica immediata allo strozzamento ,che è lo squotimento che il corpo produce per reazione,potrebbe essere che l'omicida davanti al dibattimento del corpicino abbia avuto la reazione di legare le mani per farlo star fermo?ciaoDudu'

Dudu' ha detto...

Le 17.30 lo ipotizzo. Non ho trovato dati dichiarati.
Scusate gli errori nel testo postato.Dudu'

emax/massimo prati ha detto...

Dudu', Villardita sull'orario della morte dice molto di più.

Dice che il patologo è arrivato subito (alle 17.00) ma che gli hanno fatto visionare il cadavere (forse mancavano i procuratori o forse non c'erano i pompieri a far luce, quindi non è potuto scendere subito nel canalone) solo alle 21.30.

Da quell'orario va calcolata l'ora della morte e il dottor Ricci, di Catanzaro, gli dice che già dopo otto ore un corpo di quelle dimensioni deve avere ipostasi cadaveriche complete. Invece, a detta del patologo, non era completa. Quindi, in ipotesi, la morte potrebbe essere avvenuta anche all'una del pomeriggio.

Ma dice ancora di più. Ci dice che in sede preliminare non sono state rilevate le macchie blu. Si chiama "cianosi del viso" ed è sempre presente in caso di strangolamento (come sono presenti le echimosi congiuntivali). Per cui, dice Villardita, è sicuro che sia stato strangolato?

Ciao, Massimo

anna ha detto...

L ora del delitto fra le 9 e 10 fa crollare l alibi del cacciatore e'stato visto alle 11

Può averlo ucciso e dopo pranzo lo ha portato lui stesso al canalone

Dudu' ha detto...

Non avevo inteso che il patologico lo visiona alle 21.30!!! Ritiro quanto su scritto.Pur vero che dice assenza macchie cianotiche,non ho conoscenze per riuscire comprendere la portata di questa informazione. Ma com'è possibile un errore così eclatante???? Quindi i ragazzi che testimoniarono di aver visto l'auto bianca al mulino... potrebbe esserci un reale riscontro...non possono dirci che non hanno trovato nessuna traccia sul corpicino,la mattina dove l'ha trascorsa Lorys? a casa di qualcuno...quel qualcuno con cui aveva da giocare con le fascette?in tre hanno periziato sul corpicino!com'è possibile?cos'è? Un sistema per far girare l'economia?Grazie per avermi"tradotto" il video.ciaoDudu'

Anonimo ha detto...

Per Massimo,
come si concilia la questione del "rigor mortis", che dovrebbe avvenire dopo 10-12 ore dal decesso, con la mancanza della "cianosi del viso"? Se fosse morto alle 13, alle 21.30 non poteva ancora esserci il rigor mortis. Oppure è possibile?

Per Anna
immagino che il fatto di essere stato al mercato di Vittoria verso le 11 non sia l'unico alibi per Fidone. Penso che abbiano verificato tra l'altro (da quello che mi è sembrato di capire) anche le riprese delle macchine verso il Mulino Vecchio.

Quanto alla sagoma: se c'è un bambino che rientra nel condominio e non è Loris, hanno finalmente appurato chi può essere? I condomini mica sono infiniti! Non ci saranno tante opzioni (doveva comunque trattarsi di un bambino).

La sindrome da "ipse dixit" di Villardita, però, non mi piace. Parla sempre di professoroni (per dar peso alle perzie di parte), quando sappiamo bene che i docenti universitari giungono al loro posto il più delle volte non per i meriti, ma per la loro "forza politica"... Come non mi piace il suo distinguere la casta dei legulei (che dice "di sua sponte") da quella del lattaio! Spero comunque che Villardita faccia un buon lavoro! Se Veronica è davvero innocente, credo che nulla potrà risarcirle l'ingiustizia subita (non conosco persone che si siano riprese da simili traumi)!

A.

emax/massimo prati ha detto...

X A

Il discorso va fatto in base al corpo. Un cadavere che pesa quanto pesava Loris in condizioni di temperatura di 18° dopo otto ore deve essere rigido e presentare le ipostasi cadaveriche sul dorso, se trovato in posizione supina, o comunque sulla parte bassa (sul fianco se steso di fianco e così via. Questo a livello scientifico è provato. Invece il patologo di Ragusa nella relazione preliminare dopo averlo visionato alle 21.30 parla di inizio delle ipostasi.

La cianosi sul viso si presenta in caso di strangolamento, se non si presenta la morte non è dovuta a strangolamento ma ad altro che deve rivelare l'autopsia se fatta nel migliore dei modi. Ma magari la cianosi non è stata inserita nella relazione preliminare e figurerà in perizia.

Ciao, Massimo

Dudu' ha detto...

O meglio sapevo che il patologo inizia periziare alle 21.30,pero' pensavo che aveva già iniziato osservarlo alle 17,beata ingenuità...

Se fosse avvenuto un arresto celebrale e poi in un secondo tempo arresto cardiocircolatorio?
Ci dovrebbero essere lo stesso le macchie cianotiche?
ciaoDudu'

Mimosa ha detto...

Massimo, grazieee di questo prezioso documento!

Se un patologo è arrivato alle h 17 con il 118 (in 5 minuti dalla scoperta del corpicino, e da dove? hanno un 118 con ambulanze a Santa Croce Camerina?, Alessandra tu lo sai?), di sicuro non era il dott. Iuvara, che era al suo studio di Ragusa.
Inoltre, l’anatomopatologo che interviene sull’autopsia, deve prima ricevere e accettare, e giurare, l’incarico dal Giudice, e ci vuole qualche ora, pur nell’urgenza. Dunque sarà stato un altro medico, di turno al prontosoccorso.

Massimo, io non credo che il corpicino sia rimasto nel canalone fino alle 21.30, perché ho sentito con le mie orecchie l’avv. Scròfani, legale di Davide, in una trasmissione, dire che il dott. Iuvara, “portato il corpo in camera autoptica, riscontrò intorno alle 21-21:30 una rigidità totale”.


Le mie elucubrazioni cominciate ieri sera e continuate oggi pomeriggio con notevole impiego di ricerche (prima di venir a saper di questa video-intervista) sul “rigor mortis” (che vi risparmio), continuava anche sul “livor mortis”.
Sono riuscita a trovare un bel documento ufficialissimo, la Circolare del Ministero della Sanità del 1993, esplicativa del Regolamento di polizia mortuaria, cosicché non si dica che anch'io copio e incollo da Wikipedia,
https://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pagineAree_3067_listaFile_itemName_15_file.pdf

Vi è scritto:
«In condizioni ordinarie il livor mortis (ipostasi) diviene visibile dopo circa 2-3 ore, generalmente in corrispondenza delle regioni dorsali del soma data l’alta frequenza con cui il decesso si realizza a soggetto in decubito supino. Già nella prima mezz’ora, tuttavia, le ipostasi possono visualizzarsi in corrispondenza dei lobi auricolari, della nuca e del collo (specialmente se il capo non è sollevato rispetto al tronco), del dorso e delle regioni glutea e sacrale. Le ipostasi, successivamente, si estendono e si intensificano fin verso la 12a ora, risparmiando le sedi anatomiche che, per il peso del corpo, gravano sul piano d’appoggio poiché in dette ragioni la compressione dei corrispondenti vasi sanguigni impedisce l’accumularsi del sangue. Parimenti se ne rileva l’assenza in quelle zone che risultano compresse da eventuali mezzi costrittori (soprattutto parti di indumenti)».

Loris, infatti, era completamente vestito e non supino. E non ci sono parametri univoci per stabilire il grado/ora di intensificazione delle ipostasi, troppe sono le variabili.
Comunque, alle 21:30, dice Villardita, le ipostasi non erano complete.
Pertanto, non erano nemmeno trascorse 12 ore.
Quindi non si può affermare con tanta precisione che il bambino sia deceduto 12 ore prima, ossia alle 9-9.30 della mattina.

Diversa, inoltre, come ha evidenziato l’avv. Villardita, è la formazione cianotica, ma non solo (ci dovrebbero essere altri segni), esito da soffocamento.
Villardita dice che nelle solite 5 paginette, di famigerata memoria, della relazione autoptica preliminare, non è descritto il quadro ecchimotico del viso.

Ma la definitiva e completa relazione non è stata ancora depositata. E Caso Melania docet!

Per tutte queste ragioni, io a occhio mio personale, con i miei calcoli e ragionamenti, direi che Loris è stato ucciso intorno a Mezzogiorno.

Mimosa

Mimosa ha detto...

e.c. doveroso
in parentesi doppia il mio commento:

Villardita dice che ((nelle solite 5 paginette, di famigerata memoria, della relazione autoptica preliminare)) non è descritto il quadro ecchimotico del viso.

Mimosa ha detto...

@ A.
Il tempo di raggiungimento della rigidità totale convenzionalmente è fissata tra le 10-12 ore per un corpo adulto ‘medio’ ((chi è l’adulto medio?)) deceduto in ‘normali’ condizioni ambientali (20-25 °C),
ma sussistono variabili dovute ‘anche’ alla temperatura corporea e allo stato di salute del soggetto al momento del decesso e persino al tipo di morte, variabili che possono portare allo stadio di rigidità finale in tempi minori.

La Circolare del Ministero della Sanità che ho citato sopra, in merito scrive tanto, e conclude:
«Volendo sintetizzare l’andamento del rigor, può ammettersi che: - la rigidità si diffonde completamente tra la 7^ e la 12^ ora; - la massima intensità viene raggiunta verso la 36^-48^ ora; - la risoluzione inizia lentamente a sparire dalla 48a ora, completandosi entro la 72^».

Ciao, Mimosa

Mimosa ha detto...


Mi piacerebbe sapere che ne pensa il dott. Ricci dei segni sui polsi attribuiti a fascette legate ai polsi prima o dopo la morte, come da diverse versioni diffuse.

emax/massimo prati ha detto...

Io invece, Mimosa, non mi stupisco di una prima ispezione cadaverica fatta alle 21.30 al canalone. Ho assistito a qualche ritrovamento e ti garantisco che quattro ore non bastano proprio prima di portare il corpo di chi è morto di morte violenta all'obitorio.

Per conferma, comunque, hai il caso di Melania Rea, dove a fronte della telefonata anonima delle 14.30 - di un arrivo dei carabinieri alle 14.45 - della patologa alle 17.00 (che l'ispezione la fece alle 18.30) il fratello è andato a Ripe per il riconoscimento sulle 17.30 (prima aveva lanciato un appello in televisione) assieme a Raffaele Paciolla, e dovette attendere, se ricordo bene, un paio d'ore prima di poter andare a vedere la sorella e tornare dopo le 20 a Folignano.

Per cui coi tempi ci siamo. Scoperta cadavere Loris ore 16.50, arrivo carabinieri e ambulanza (con patologo incorporato) con medico che attesta la morte, stesa nastro per delimitare la zona in attesa del procuratore di turno e di chi deve fare i rilievi (sono andati quelli di Palermo), arrivo pompieri per illuminare la zona ecc...

Credimi, quattro ore sono una bazzecola e passano in fretta.

Ciao, Massimo

PINO ha detto...

Ottima l'idea della pubblicazione del video.
Altrettanto positiva e convincente l'esposizione dell'avvocato Villardita.
Per chi aveva ancora qualche dubbio sull'innocenza di Veronica, il dialogo fra i due professionisti, dovrebbe essere stato più che esaustivo per eliminarli definitivamente.
Per quando concerne le indicazioni tanatologiche circa l'ora della morte del piccolo Loris, ritengo sarebbe superfluo riportarle: lo ha già fatto diligentemente Mimosa.
Un più accurato calcolo cronologico delle varie fasi chimiche e morfologiche verificatesi sul cadavere del bambino, potrebbero spostare anche di alcune ore l'ora del decesso, escludendo tassativamente il responso degli accusatori.
Pino

Anonimo ha detto...

Per Massimo e Mimosa,
grazie mille per le delucidazioni!
A.

TommyS. ha detto...

Riporto qui un'intervista rilasciata dal giornalista Paolo Crecchi del Secolo XIX, l'autore della famosa intervista alla vigilessa. E' riportata sulla pagina FB di Francesco Luna.

INTERVISTA A PAOLO CRECCHI, AUTORE DELLO SCOOP SU VERONICA PANARELLO
Non è stato facile trovare un giornalista fuori dal coro, fra quelli che si sono catapultati in questi giorni a Santa Croce Camerina per seguire il caso dell’omicidio del piccolo Loris Stival e dell’arresto di sua madre, Veronica Panarello. Eppure un giornalista c’era. Il suo nome è Paolo Crecchi, 55 anni, inviato del Secolo XIX, storico quotidiano di Genova. Mentre decine di inviati d’assalto partecipavano alla lapidazione mediatica di Veronica Panarello e ripetevano senza il minimo sforzo critico le tesi dell’accusa, Crecchi ha cercato di scavare, di capire, di verificare. Come tutti gli altri aveva letto gli atti e aveva letto di quella vigilessa che aveva dapprima confermato la versione dei fatti di Veronica Panarello e poi aveva ritrattato.
Ma Crecchi non si è accontentato degli atti ufficiali e, unico giornalista, è andato a cercare la vigilessa. Ne è uscita un’intervista esplosiva, pubblicata il 13 dicembre scorso e destinata a lasciare un segno in questa storia. La vigilessa davanti a Crecchi ha negato di aver mai avuto dubbi, ha confermato di aver visto Veronica davanti alla scuola il 29 novembre e, fatto ancor più grave, ha detto che quanto risultava nel verbale della sua seconda deposizione non corrispondeva a quanto lei aveva detto. Una bomba, che però gli altri mass media hanno semplicemente ignorato. Perché? Ho pensato di chiederlo direttamente a Crecchi, che nel frattempo è rientrato a Genova.
- Paolo, perché la tua intervista è passata quasi sotto silenzio?
“Per pigrizia, credo. Non c’è cattiveria da parte dei colleghi. E' che ormai hanno tutti deciso che la signora è colpevole e un’intervista del genere non va in quella direzione”.
- Eppure la notizia era clamorosa. Secondo la tua intervista, Veronica diceva la verità su quella mattina.
“E’ vero, quantomeno quando diceva di aver accompagnato a scuola il figlio, anche se la vigilessa vede l’automobile di Veronica con a bordo il figlio piccolo, non dice di aver visto anche Loris. Ma insomma, quella è la scuola di Loris e gli orari coincidono con quello che dice Veronica”.
- Come ti è parsa la vigilessa, che tipo è?
“Una persona seria. Mi ha chiesto di non pubblicare il suo nome e io non l’ho fatto (il nome è comunque agli atti, ndr.). Ma non aveva il minimo dubbio quando diceva di aver visto l’auto di Veronica Panarello la mattina del 29 novembre vicino alla scuola”.


continua

TommyS. ha detto...

continua
- Che idea ti sei fatto della vicenda?
“Non so se la signora Veronica sia colpevole, ma il fatto che sia stata già condannata dai media è odioso. Sono state vergognose le urla mentre l’arrestavano, verognoso aver lasciato fuori dalla chiesa i suoi fiori. Questo è un dramma terribile anche per lei. Le hanno impedito di seppellire suo figlio e se non è colpevole nessuno le restituirà tutto questo. Purtroppo fa comodo così”.
- Fa comodo a chi?
“A tutti. A poliziotti e investigatori, che possono dire di aver risolto il caso, ai giornalisti che hanno una storia drammatica da scrivere con la mamma mostro che uccide il bambino, all’opinione pubblica che si tranquillizza e ha un bersaglio su cui scagliare i propri insulti. E’ un grande coro”.
- Tu però hai fatto il controcanto.
“Io non lavoro in pool, non mi è mai piaciuto. Sono arrivato a Santa Croce Camerina alcuni giorni dopo il delitto, ho visto i capannelli di cronisti. Era chiaro che l’unica fonte di informazione per loro erano gli investigatori e la procura. L’avvocato di Veronica faceva il possibile, ma le carte le avevano in mano i poliziotti”.
- Si abbeveravano tutti alla stessa fonte?
“Certo, è ovvio, fanno sempre così. Intendiamoci, i colleghi sono tutti bravissimi, ci mancherebbe. Ma come dicevo prima sono pigri. A me interessa di più andare a sentire le altre campane, mettermi nei panni del più debole, dello sconfitto, e scavare”.
- Perché sei già tornato a Genova?
“Il Secolo XIX è un giornale regionale, non può seguire per più di tanto vicende così lontane, costerebbe troppo. Ma continuo a seguire il caso, anche per telefono. Magari fra qualche tempo tornerò lì. Spero di trovare altre notizie e se le troverò, in qualunque senso vadano, stai pur certo che verranno pubblicate”.

TommyS. ha detto...

Il commento precedente anche in risposta all'ultimo articolo de La Repubblica (edizione locale di Palermo)

http://palermo.repubblica.it/cronaca/2015/02/01/news/loris_c_una_nuova_testimone_quegli_strani_dubbi_di_veronica-106306411/

dove l'inviato Alessandra Ziniti dimostra di essere venuta a conoscenza (da parte di chi?) di una testimonianza da parte di un genitore della stessa classe di Loris nella quale si afferma che la Panarello, ancor prima dell'uscita delle classi aveva espresso la preoccupazione che Loris non si trovasse a scuola e, senza chiedere prima alle maestre, si fosse rivolta subito ai vigili.

A parte il fatto che esistono altre testimonianze che affermano completamente il contrario (tranquillità da parte della donna e ricorso ai vigili dopo aver verificato con le maestre anche dentro la scuola), è singolare come questo testimone si faccia vivo a due mesi di distanza.

Come è singolare che si continui a parlare delle prove certe che emergerebbero dagli account facebook della Panarello anche se non sono ancora disponibili i dati richiesti con rogatoria internazionale.

Eppure sembra che Facebook collabori molto prontamente con le autorità italiane inviando i dati non appena ricevute le richieste. Ed adesso siamo a ben due mesi di distanza dal delitto ed ancora si favoleggia di attività facebook e di account segreti a dimostrare l'utilizzo del social in quei frangenti per chiedere aiuto o nell'omicidio o su come sbarazzarsi del cadavere.

Si instilla inoltre la pulce nell'orecchio dei lettori che la Panarello davanti al marito abbia per la prima volta manifestato incertezza nel suo racconto di quella giornata (né Davide Stival né il suo avvocato, serio e garantista, ne avevano mai parlato sebbene siano passati molti giorni dal colloquio in carcere).

Non so proprio che dire.

TommyS. ha detto...

Breaking News

Le motivazioni del Riesame

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/catania/cronaca/15_febbraio_02/loris-riesame-veronica-ha-agito-lucidissima-assassina-8aac4234-aadf-11e4-b5b4-1d0c1d6a415d.shtml

In sintesi: siccome non ha confessato nonostante tutte le pressioni, lecite e non lecite, esercitate su di lei, deve essere per forza una spietata assassina. Ed il rischio che il reato venga reiterato deriva, come al solito, dalla efferatezza del reato stesso in barba a tutte le pronunce della Cassazione.

Ecco a cosa serve che le indagini vengano a tutti gli effetti avocate dal Procuratore Capo.

TommyS. ha detto...

Nei giorni scorsi ho letto la notizia che dopo ben sei anni erano stati ritrovati i resti del cadavere di Stefano Cerri, per l'omicidio del quale erano stati condannati in giudicato all'ergastolo Stefano Savasta e quattro complici domenicani. Il ritrovamento è avvenuto grazie alla collaborazione di uno dei complici condannati il quale si era sentito libero di parlare dopo la morte del principale imputato cioé di Savasta. Ma è la morte di quest'ultimo che lascia sgomenti. In quanto è avvenuta per arresto cardiaco durante la fuga dagli ARRESTI DOMICIILIARI concessigli per presunti motivi di salute (anche se gli inquirenti sospettano che avesse ingerito ingenti dosi di medicinali pur di farsi concedere i domiciliari e che sia morto forse a causa di questi eccessi). Per cui ad un conclamato spietato assassino, anziché ricoverarlo in ospedale sotto sorveglianza, il tribunale concede gli arresti domiciliari e non predispone un'adeguata sorveglianza da parte della polizia, mentre a due indagati solo sulla base di indizi come Bossetti e Panarello, senza precedenti penali alcuni, si giustifica la custodia cautelare con il rischio di reiterazione del reato.
Che la Giustizia raramente si trovi nelle aule di tribunale è sospetto o certezza di molti, ma che il Diritto sia in molti casi totalmente assente ne abbiamo conferma giorno dopo giorno. E questo purtroppo a svantaggio e disonore di tutta una classe di magistrati e giudici che tra le sue fila annovera sicuramente persone corrette e scrupolose nonché fedeli servitori dello stato democratico.

Anonimo ha detto...

Alla Vita in diretta hanno appena recitato il "de profundis" di Veronica. Non ci sono parole.

ENRICO ha detto...

@ Anonimo

"Alla Vita in diretta hanno appena recitato il "de profundis" di Veronica. Non ci sono parole"

...in modo particolare per l' inascoltabile diagnosi para- pseudo-psico-analitica dell’ inqualificabile Crepet di cui compatisco quei pazienti che malauguratamente dovessero aver deciso di affidarsi alle sue “cure”

Massimo M ha detto...

Per quanto riguarda l'orario della morte non posso pronunciarmi nel senso che non sono un Medico Legale e non ho nessuna conoscenza tecnica e oltretutto non conosco la relazione.
Però da "analista" appassionato debbo dire che nutro dei dubbi su quanto affermato dall'Avvocato Villardita.
Innanzitutto sono andato a consultare parecchi scritti in materia di medicina legale e non sono riuscito a trovare nessun riferimento sulle "macchie ipostatiche che in 8 ore devono essere assolutamente complete".........bensì ho riferimenti che attestano all'unanimità un range di 10-12 ore con fissazione completa dopo le 15 ore.
Anche sul termine "scarse ipostasi", indicate alle ore 21:30 dal medico legale, ho dei dubbi. La definizione Scarsa Ipostasi, infatti, a mio avviso, non sarebbe un termine rivolto solo ad un processo di formazione e al suo grado. Un cadavere che si trovasse in posizione di lato (cioè con il lato del braccio e di una gamba a contatto con il suolo) anche dopo le 15 ore con fissazione completa, presenterebbe una scarsa ipostasi proprio perché concentrata solo su piccole porzioni del corpo, quelle che toccano terra (braccio e gamba laterale).
Fra le altre cose, il cadavere e' stato sicuramente toccato e forse quindi mosso (lo dice Fidone che con gli altri Carabinieri lo toccano per constatare se fosse morto) se il Medico arriva alle 17 e vede il corpo solo alle 21:30 (in questo frangente il cadavere e' rimasto dentro il canale?)..........facendo 2 conti........21:30 di sera - 9/10 di mattina fanno ore 12,5/11,5.........e quindi quando il medico vede il corpo le macchie ipostatiche, se fosse giusto l'orario di morte tra le 9/10, possono non essere ancora complete.
Fra le altre cose andrebbe osservato che nel misurare il tempo di morte elemento importante e' la rigidità cadaverica, che lo stesso Medico Legale indica, alle ore 21:30, una rigidità Cadaverica Totale. Siccome la rigidità cadaverica e' totale sicuramente NON prima delle 12 ore..........i tempi tornano perfettamente.
L'Avvocato di Davide Stival indica 21:21:30 la prima vista del Medico Legale.
Nutro quindi molti dubbi su quanto riferito nella prima parte del video. Ma non sono un tecnico!

Anonimo ha detto...

Ma come? Non è stato lei a dire che il piccolo pesava 22 kg scarsi? Con quel peso e magro com'era otto ore sono esatte se l'ambiente esterno era a 18°. Se la temperatura era più alta otto ore sono troppe per un bimbo di quel peso senza grasso sottocute.


PINO ha detto...

A "pomeriggio5" si è cercato di dare credito alla testimonianza di una persona non palesata, che avrebbe asserito lo stato di evidente preoccupazione ("molto sospetto")di VP, davanti alla scuola, prima che fosse stata accertata l'assenza di Loris nell'Istituto, nonostante 4 (dico quattro) mamme, anche loro in attesa dei rispettivi figli, e vicini a Veronica, in quegli istanti, avessero decisamente affermato la normale tranquillità della donna.
Lo stato di preoccupazione avrebbe avuto inizio solo dopo aver contattato le maestre di Loris, ed essere venuta a conoscenza che il bambino non era mai entrato in classe.
Si è cercato, insomma, in ogni modo, da parte dei "salottieri", di negligere l'affermazione di quelle 4 mamme, per dare spazio all'unica testimonianza che si allineava e proseguiva nello stesso senso di marcia scelto dal programma, che, ormai, moltissima parte dell'opinione pubblica conosce.
Una ineluttabile forca che, giorno dopo giorno costruisce il suo palco patibolare.
Pino

magica ha detto...

se questo non è maschilismo bieco e volgare cosa sarebbe altrimenti?
nemmeno quei tizi che uccisero le prostitute ebbero un trattamento del genere .
vi ricordate di quel magistrato che facendo l'arringa su un caso di stupro .. disse :la ragazza si prese nelle fauci il fallo . ma che lui lo stupratore ebbe coraggio ( forse pensava il magistrato che lo stupratore si fosse immolato )per far piacere alla ragazza stuprata'? questo avvenimento è rimasto nell'archivio dei maschilisti generosi .. ecco come sono fatti certi magi...

Anonimo ha detto...

"Io non ho nessun dubbio, mi potrò anche sbagliare, ma io non ho dubbi" è bellissima...
A.

Mimosa ha detto...

Massimo M.
non fissarti sui tempi delle trasformazioni tanatologiche come fossero dati di statica che nella tua professione devono essere assolutamente certi, altrimenti rischi la galera.

La frase del documento ufficiale che ho postato stanotte ”Le ipostasi, successivamente, si estendono e si intensificano fin verso la 12a ora” danno semplicemente l’indicazione “massima”, ma come avevo specificato ci sono molte variabili.

E appunto per questo, come ha evidenziato Vallardita, e come ha detto più volte la dott. Rannalletta, è assolutamente impensabile fissare un range così ristretto per il tempo di morte.
Come avrai notato nelle tue ricerche in tutti i range applicabili (algor, rigor, livor), la forbice è più ampia, al minimo abbraccia due ore di approssimazione.

Ti offro in lettura anche questo:

http://www.infermieriforensitrento.it/x%20euge/documenti/didattica/pres%201%20CRONOLOGIA%20[modalit%C3%A0%20compatibilit%C3%A0].pdf

LIVOR MORTIS - 1a fase: migrazione totale, nelle prime 4-6 ore - 2a fase: migrazione parziale, tra le 6-12 ore - 3a fase: fissità assoluta, dopo 12-15 ore.

Quindi, la frase dell’avv. Villardita
Il cadavere dopo 8 ore dalla morte deve presentare macchie ipostatiche che devono essere assolutamente complete , invece alle 21:30 le ipostasi non erano complete”
significa questo: se le macchie ipostatiche non avevano raggiunto la massima intensificazione alle ore 21-21:30 vuol dire che le 12 ore non erano trascorse, non ti pare?

Secondo me, invece, “i tempi tornano perfettamente” piuttosto con un orario di morte verso Mezzogiorno.

Mimosa

Mimosa ha detto...

PS:
la "migrazione parziale", anche detta “intermedia”, tiene conto dello spostamento del cadavere, che come ben sai altera in parte le originarie ipostasi e ne forma eventualmente altre, se non è trascorso il tempo in cui si "fissano" in modo assoluto, irreversibile, al di là delle 48-72 ore dal decesso.

Per questo nei casi di morte sospetta si attendono anche 3-4 giorni prima di procedere alla sezione autoptica (quella chirurgica, dopo il periodo di ‘osservazione’ del cadavere a temperatura ambiente, senza metterlo in cella frigorifera).

Ah, se non hai stomaco forte, non guardare le foto che sono alla fine del pdf.

Anonimo ha detto...

'[...] quindici giorni fa, è andato a trovarla per la prima volta il marito Davide Stival. Un incontro difficile e burrascoso nel corso del quale - si apprende ora - davanti alle ripetute e insistenti domande sul perché quel maledetto sabato non avesse accompagnato Loris a scuola, per la prima volta la donna avrebbe leggermente cambiato la sua ostinata versione dei fatti (smentita dalle telecamere del paese) dicendo un "non mi ricordo se l'ho accompagnato... ". Una risposta che avrebbe fatto ancor di più' infuriare Davide che, dopo aver rivisto giovedì per l'ennesima volta quel filmato di 35 minuti agli atti dell'inchiesta, non ha alcun dubbio sul fatto che il bambino ripreso davanti la porta di casa sia suo figlio Loris (del quale ha riconosciuto anche le movenze) e che dunque Veronica continui a mentire affermando di averlo regolarmente lasciato a scuola.'

http://palermo.repubblica.it/cronaca/2015/02/01/news/loris_c_una_nuova_testimone_quegli_strani_dubbi_di_veronica-106306411/

Anonimo ha detto...


Bah, rivelazioni ad usum Procura, ovvio

Dudu' ha detto...

Vi trascrivo un pezzo dal libro "Indagini scientifiche sulla scena del crimine.(per gli addetti ai lavori)
Strangolamento mediante legatura.
Nei casi di omicidio le vittime sono persone incapaci di difendersi da un assalitore più forte di loro.Gli omicidi che hanno maschio come vittima sono in genere ricollocabili ad attività omosessuali.MECCANICA DELLA MORTE
La rilevanza del solco intorno al collo è direttamente collegata alla larghezza e alla flessibilità dell'oggetto usato per lo strangolamento.Ecchimosi ed abrasioni lineari (che nel caso di Lorys non possono esserci causa mani legate)sul collo sono conseguenze degli sforzi compiuti dalla persona per allontanare l'oggetto nel corso della lotta.Il volto è in genere congestionato perché spesso l'oggetto viene avvolto intorno al collo almeno una volta.L'evento terminale,con tutta probabilità si verifica con la vittima finita sul pavimento in posizione orizzontale,che contribuisce all'afflusso del sangue verso il viso e il collo.Il sangue rimane intrappolato in questa zona a causa dell'oggetto usato per strangolare(nel testo vengono riportate alcune foto di morti ad esempio) conseguenza possono osservarsi piccole emorragie sul volto e sul collo e intorno agli occhi del deceduto.La morte viene causata principalmente dall'interruzione dell'afflusso di sangue al cervello,un'altro fattore è rappresentato dall'occlusione delle vie aeree superiori.I segni tendono a trovarsi più o meno tutti allo stesso livello del collo,senza allungarsi verso l'alto come avviene per l'impiccagione.Siate consapevoli della possibilità di interpretare erroneamente come segni di legature quelli più comuni che in certi casi appaiono sul collo nei corpi di persone morte con la testa appoggiata su un cuscino sopratutto se anziane potrebbero evidenziarsi sul collo segni che sembrano causati la legature(nel testo vengono riportate foto ad esempio)in realtà sono semplici grinze provocate dalla posizione.Nei corpi in decomposizione il rigonfiamento che interessa la pelle del collo potrebbe portare quest'ultima a contatto con indumenti (colletti) o gioielli che si imprimono su di essa provocando segni che potrebbero sembrare causati da legature.SOFFOCAMENTO Nelle morti per soffocamento l'asfissia è provocata dall'ostruzione delle vie respiratorie

Dal libro"Squadra Omicidi"
Dudu'

Dudu' ha detto...

E giusto per renderci consapevoli della difficoltà di quali e quante sono le variabili per una diagnosi di epoca della morte segnalo un link da leggere molto attentamente e che penso, non avendo dati reali su cui ragionare puo'essere solo indicativo.

www.auletta99.net/uploads/Diagnosi_di_epoca_della_morte.pdf

Aggiungerei,valutando secondo scienza e coscienza.

Vedremo prima o poi scritte le risultanze scritte dalla procura di Ragusa?ciaoDudu'

Anonimo ha detto...

Dudù
Continui a rifriggere?
Dovresti esserti resa conto che gli interlocutori di questo blog non sono dei "marlocchi".
Il loro evidente livello intellettuale non ha bisogno di puerili ed elementari "copia-incolla" da libercoli di cultura popolare.
Chiaro?
Senza offesa eh!

Massimo M ha detto...

A Mimosa
LIVOR MORTIS - 1a fase: migrazione totale, nelle prime 4-6 ore - 2a fase: migrazione parziale, tra le 6-12 ore - 3a fase: fissità assoluta, dopo 12-15 ore.

Quindi, la frase dell’avv. Villardita
“Il cadavere dopo 8 ore dalla morte deve presentare macchie ipostatiche che devono essere assolutamente complete , invece alle 21:30 le ipostasi non erano complete”
significa questo: se le macchie ipostatiche non avevano raggiunto la massima intensificazione alle ore 21-21:30 vuol dire che le 12 ore non erano trascorse, non ti pare?


Io nutrivo dubbi sulla frase dell’avv. Villardita
“Il cadavere dopo 8 ore dalla morte deve presentare macchie ipostatiche che devono essere assolutamente complete". Tu stessa mi confermi che la fissità assoluta avviene nella terza fase, 12/15 ore.
Ora tu stessa hai scritto di non fissarsi sui tempi come fossero dati di statistica...........ma comunque le 21/21:30 sono esattamente 12/11,5 ore dopo l'orario stabilito di morte...............proprio perché non c'è' da fissarsi sui numeri e proprio perché la fissità va da 12 a 15 ore risulterebbe che alle 21/21:30 potrebbe non esserci fissità. Ma le 8 ore dell'Avvocato?
Che alle 21/21:30 le macchie ipostatiche non avessero raggiunto massima intensificazione chi lo dice? Da dove lo deduci? L'avvocato parla di "scarsa ipostasi"........bisognerebbe capire più a fondo cosa significa. Come dicevo ieri.............un cadavere posto di fianco dopo 15 ore potrebbe avere macchie completamente fissate ma scarse.

Ad ogni modo, ripeto, non entro nel merito. Non entro nella discussione del range di morte esatto o meno. Volevo solo rilevare che le 8 ore di cui parla Villardita, non mi sembrano elemento probante di niente.

Massimo M ha detto...

L'idea che mi sono fatto in questi giorni è rafforzativa di quella che già avevo. Questo è il mio punto di vista sulla base di MOLTE informazioni in più che ho adesso rispetto ad una 15ina di giorni fa. Ma rimane un mio punto di vista, senza pregiudizio e pronto a farmi convincere del contrario.

Telecamera della SAGOMA:
Finalmente il filmato è noto. E finalmente conosciamo le vere direzioni. Cioè i 3 escono dal portone e vanno dritto per dritto dove sulla strada è parcheggiata l'auto (che non si vede davanti al furgonato bianco). All'andata Loris (che è l'ultimo) ha un andamento normale. La sagoma che dopo 50 secondi ricompare sembra correre. Per quanto concerne la cromaticità io la vedo compatibile. Per quanto concerne la perizia della difesa sulle altezze diverse, riconfermo che a mio avviso non può provare nulla perchè si dovrebbe partire dal presupposto (non provabile) che le due sagome camminano nello stessissimo punto per misurare le altezze diverse............proprio per una questione di prospettiva deformante di cui ho già discusso. Fra le altre cose, evenienza già da me evidenziata e sottolineata anche dall'Avv. di Davide Stival, una differenza di centimetri potrebbe essere dovuta anche al diverso modo di camminare (postura). All'andata la sagoma sembra camminare, al ritorno correre infatti.
Ma ciò che a mio avviso rilevante è che mentre la sagoma al ritorno attraversa la strada per rientrare nel portone, la macchina della VP con VP, Diego e Loris stesso (se quella sagoma non è Loris) dovrebbero essere ancora lì e dunque vedere perfettamente questo soggetto X che rientra davanti ai loro occhi nella loro casa. Non può, infatti, in 45 e rotti secondi, aprire la porta, alzare il sedile, far salire Diego dietro nella macchina, allacciargli le cinture, abbassare il sedile, accertarsi che Loris sia entrato e si sia attaccato le cinture, inserire le chiavi, accendere, accertarsi che da Via Roma non sta venendo nessuno e partire proprio nel punto in cui una sagoma, davanti ai suoi occhi starebbe rientrando a casa. Questo per una questione di logicità. Se poi io dovessi giudicare le immagini a caldo e mettermi nei panni di Davide Stival, Bhè, dopo averle viste quelle immagini avrei veramente pochi dubbi. Ma questo non c'entra niente.

Telecamere Via Matteotti:
il dato nuovo è che sono state mostrate delle riprese in cui, il giorno precedente, Loris al 100% lui con la Polo al 100% quella della VP che si fermano su Via Matteotti davanti al panicifio Sacro Cuore. Sono 2 le telecamere da direzioni diverse che le riprendono. Questo significa che finalmente siamo in grado di rilevare che su Via Matteotti, sicuramente 2 telecamere erano in grado di riprendere il passaggio della POLO, anche se non si fosse fermata quella mattina. Lei continua sempre a confermare di essere passata per Via Matteotti. Ma la POLO il giorno della scomparsa non viene ripresa da queste telecamere.
Fra le altre cose qui bisogna aggiungere il fatto che quella mattina lei dice di non aver lasciato Loris davanti al panificio perchè gli aveva preparato le merendine. Ma poi prima di entrare ad accompagnare Diego alla ludoteca, entra con Diego dentro al supermarket. Aveva preparato la merendina solo a Loris? Mah!
segue

Massimo M ha detto...

segue
Telecamera semaforo Via Roma:
Lei continua a dichiarare e confermare che è passata due volte per quel semaforo e che quella ripresa riguarda il suo secondo passaggio. Ma quella mattina la telecamera la riprende una sola volta. Quindi o la prima volta è passata da un'altra parte o non ci è passata di lì. Perchè continua a dire che ci è passata?

Telecamere ERG e Agnello:
Qui finalmente abbiamo potuto vedere i filmati delle due telecamere una messo di fianco all'altro. C'è una macchina scura che precede nella rotatoria quella della VP, le due macchine vengono riprese dalla ERG che riprende anche una macchina bianca che le precede e una rossa (mi sembra) che le segue. La ERG le inquadra perfettamente fino alla fine della curva e subito dopo c'è l'incrocio per il Vecchio Mulino.
Innanzitutto ci siamo tolti un peso: la telecamera di Agnello riprende perfettamente la strada principale, l'incrocio e la strada stessa su cui è ubicata. Quindi abbiamo una macchina bianca, poi una scura, quella della VP e una rossa che procedono nella stessa direzione quando sono riprese alla fine della curca della ERG. La telecamera Agnello riprende nell'ordine, macchina bianca che va dritto, macchina scura che va dritto, macchina scura che gira e macchina rossa che va dritto. Ora, seguendo questo ordine, la macchina che gira, secondo l'ordine, è quella della VP. La telecamera non può IDENTIFICARE la macchina, questo lo abbiamo detto più volte................ma la macchina che gira verso il mulino può essere l'altra scura e non quella della VP solo se la VP la supera in piena curva o se l'altra macchina si ferma in curva e la VP gli passa davanti.
Quindi il campo d'indagine è veramente molto ristretto.........e la difesa dovrà dimostrare che la VP ha superato in curva quella macchina.

Ripeto ancora una volta che ciò non prova nessun omicidio, ma rafforza il quadro indiziario anche tenendo conto che in due elementi (ripresa Via Roma e Via Matteotti) c'è la prova che la VP stia mentendo. Mentire non è una indizio di colpevolezza, sia chiaro............

Anonimo ha detto...

Tanto prenderà l'ergastolo in barba a voi e alle innocentiste psicopatiche di facebook, ignoranti come capre,che estromettono dalla pagina chiunque osi esprimere un dubbio!!!!Lo sapete anche voi che è stata lei,ma siccome dovete denigrare il lavoro delle procure e dei giudici SEMPRE e COMUNQUE,vi arrampicate sugli specchi con ipotesi a dir poco ridicole!!!!

emax/massimo prati ha detto...

Cara anonima, che anonima non sei, vedo che eri presente al delitto e che hai visto tutto. Quindi non avrai nulla in contrario se fornisco il tuo IP alla procura. Certo che sarebbe stato meglio fossi andata subito a testimoniare per raccontare come si son svolti i fatti. Vai ora e vedrai che domani in tivù farai una bella figura...

Anonimo ha detto...

Per anonimo 11:54
Certo che la vita deve essere grigia quando ci si ferma alle proprie convinzioni e l'unica arma di difesa delle proprie idee (se proprie sono) resta l'insulto!
Tutte le persone che esprimono le loro idee qui stanno cercando di capire una vicenda che così trasparente non è. C'è chi la crede colpevole, chi la crede innocente, chi non sa etc. Cogitant ergo sunt (loro!).
A.

Dudu' ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Avevo capito che le chiavi date a L fossero quelle ufficiali, ed invece leggendo vecchi articoli scopro che la madre aveva le chiavi della macchina attaccate al mazzo di quelle di casa (mazzo ufficiale), e che quindi darebbe a L il secondo mazzo di scorta, quello nel cruscotto secondo Davide (quello che V dice di aver perso?). Possibile che le chiavi del garage di cui sarebbe sprovvista V al suo rientro, siano nel mazzo di scorta e non in quello ufficiale? Sembra curioso che le chiavi di un garage siano dentro la macchina, ma che le chiavi della macchina siano in un mazzo a parte....C'è qualcosa che non torna, ma come al solito (vedi chiavi della Ragusa o della Ceste) non abbiamo tutte le informazioni per poter trarre conclusioni.
Sugli slip ritrvati circolano notizie poco certe...li avrebbe lasciati un giornalista (fonti ufficiali?), li avrebbero trovati alcune mamme che li spostano dal marciapiede, in tutto questo non si capisce se i tempi coincidono con la notizia (non data da subito) della mancanza di slip di Loris.
Si hanno notizie invece ul fatto se il piccolo la mattina si è vestito o meno da solo?
Kiba

Dudu' ha detto...

Il loro evidente livello intellettuale non ha bisogno di puerili ed elementari "copia-incolla" da libercoli di cultura popolare.

Curioso come tanta tua cultura non ti faccia riconoscere un testo scientifico di Luis N.Eliopulos .
E trascritto,non copia incolla come fa piacere credere a te.Cosa avrei rifritto? Nessuno ha postato niente sull'argomento.
Magari a te non interessa,ma a qualcun altro si. E per favore quando ti rivolgi a me firmati,troppo comodo restare in anonimato.Non te l'hanno insegnato a scuola??Dudu'

Dudu' ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Ecco le prime considerazioni di Villardita sulle motivazioni del Riesame.

http://www.panorama.it/news/cronaca/loris-veronica-motivazioni-illogiche/

Sarahkey

Anonimo ha detto...

Ma chi avrebbe rivelato cotanta verità? Quando mai è stato detto che quella mattina nacque una discussione tra madre e figlio perché lei impiegava troppo a truccarsi? Queste non sono ricostruzioni ma telenovele!

http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-italia/andrea-loris-stival-a-veronica-panarello-mamma-ti-trucchi-troppo-poi-2091372/

Sarahkey

magica ha detto...

Telecamera della SAGOMA:
Finalmente il filmato è noto. E finalmente conosciamo le vere direzioni. Cioè i 3 escono dal portone e vanno dritto per dritto dove sulla strada è parcheggiata l'auto (che non si vede davanti al furgonato bianco). All'andata Loris (che è l'ultimo) ha un andamento normale. La sagoma che dopo 50 secondi ricompare sembra correre. Per quanto concerne la cromaticità io la vedo compatibile.-))-------------------
hanno appurato senza il minimo dubbio che la sagoma sia di loris?
allora chiudiamo baracca e burattini e gettiamo la chiave . perchè è questo particolare che colpevolizza la V P.. non ci si domanda pero' chi fosse quel bambino che una signora vide quel mattino . fino aquando non si sapra' di sicuro., sarebbe un un elemento di innocenza . perchè di questoi particolari nessuno ne parla? perchè è troppo facile., buona la prima e la seconda lasciamo stare .

anna ha detto...

L orario della morte non è' certo è' solo inventato
Potrebbe essere le 9 come potrebbe essere le 11 o le 12 intanto fidone dalle 9 alle 10 e 45 non ha alibi lui dice che se si trovano le sue impronte sul corpo e' perché lo ha toccato
Lui è stato a buttarlo nel canalone
Abbiamo visto che il canalone e' alto più di2 metri lui non può essere sceso e risalito da solo

Fidone e' l anello di congiunzione con l assassino

Anonimo ha detto...

La penso come Anna. In più mi domando come abbiano potuto ricostruire cosa Loris e sua madre si siano detti quella mattina. A meno che ad insaputa di tutti abbia confessato... Ma non è così, sono tutte illazioni. L'unica cosa certa è che una persona a colpo sicuro l'ha ritrovato quando avrebbe potuto restar li per mesi... Non so continuo a restare perplessa anche sulla velocità dell'indagine. Troppo presto un colpevole perfetto: la madre!!! Gerta

Anonimo ha detto...

Ragazzi, la cosa che mi fa preoccupare è che alla data attuale VP pesa 38 kg!!! Ma vogliono farla morire da anoressia per vincere questo caso "in gloria"?????!!!!
E poi il verdetto scritto dal tribunale di riesame...non ha ne testa ne i piedi...una cosa veramente soggettiva di un giudice che prova certe cose sulla propria pelle...e giudice, guarda caso, è donna...mmmm donna....direi di sesso femminile!!! Prima volta leggo tali deduzioni basati su nulla...oppure hanno qualcosa che nessuno ci ha mai svelato. 109 pagine per infangare completamente una persona! Buuuu... Scusate lo sfogo!
Natasha

Mimosa ha detto...

Massimo M.
per la precisione Loris e Diego, e pure Veronica, non allacciano le cinture di sicurezza in macchina,
pensa che io avevo persino nominato un seggiolino (di sicurezza obbligatorio per i bambini al di sotto di 6 anni),
solo dopo aver visto attentamente le immagini mandate in questi giorni del piccolo che scende alla ludoteca e di Loris che va a prendere il panino e risale in auto, mi sono accorta che non esistono le cinture in quella macchina ... è solo un'usanza di noi risiedenti al mezzo centro e in tutto il nord dello Stato Italiano ;-)

Loris si siede davanti persino con lo zaino sulle spalle,
e immagina in che condizione di pericolosità … Con ciò non voglio dire che VP era una cattiva madre che mette a rischio le sue creature, solo una “normale” indisciplinata cittadina automobilista,
ma forse ti può aiutare a togliere qualche minuto dalla tua considerazione inserita a proposito della Sagoma nel post delle 9:27
Roba da poco, ma mi premeva divulgare la mia scoperta.

Ciao, Mimosa

Mimosa ha detto...

Giustamente l’avv. V. parla di “vizio di illogicità” nelle deduzioni che il Gip ha messo nero su bianco nelle 109 pagine delle Motivazioni. Io calcherei in termini di logica sulle incongruenze paranoiche dei signori del Tribunale per il Riesame.

Come si fa a credere che una madre, prima obblighi il figlio recalcitrante a vestirsi, prepararsi di tutto punto, arrivare in strada per condurlo a scuola, e poi nel giro di pochi secondi acconsentire, cedendo ai capricci, che ritorni a casa, dandogli le chiavi? Chiunque di noi provi a immedesimarsi nella situazione.
Con un impegno irrinunciabile come il corso di cucina, per il quale hai pagato soldi, a quel punto o ti porti il bambino dietro, mettendolo in un angolo a fare i compiti (io mi sono portata spesso mia figlia di 4-5-6-7 anni a conferenze e persino a convegni dotata dei quadernetti da disegnare e colorare) , o lo infili in macchina e lo porti a scuola, basta qualche urlo o qualche allettante promessa. Ma assolutamente non lo fai rientrare in casa. Ad ogni modo, lo fai rientrare per poi assentarti per 3 ore? Beh, perché no? Anche se non so quanta gente sappia che i minori “per legge” non devono stare in casa da soli. Se succede qualcosa, sono guai giudiziari per “abbandono di minore” e “mancata custodia”.

Come si fa a concepire che una mamma, a fronte al “fallimento” di autorità genitoriale, premediti di punire in modo esemplare la ribellione (chissà perché questa volta e non altre), mentre sta accompagnando l’altro figlio all’asilo, già elaborando una soppressione fisica, e pensi ad un luogo dove gettare la “presenza ingombrante”?!
Altroché “lucidissima assassina” con “agghiacciante indifferenza”, «il giudizio di elevatissima capacità criminale» a lei attribuito è degno di criminali mafiosi e la magistratura siciliana, per bene, ne sa qualcosa.

Come fa il Gip a inserire un appuntamento galante, stante tutti gli impegni della mattinata, dalle faccende di casa e le telefonate al marito al tempo di raggiungere Donnafugata? Una roba molto ‘svelta’, di neanche 10 minuti?

Avrei altro da confutare, ma mi fermo.
Mimosa

Anonimo ha detto...

Dove si può vedere il filmato della sagoma che rientra?
Grazie
A.

Dudu' ha detto...

Dalla pagina di Veronica è innocente,una signora che abita immagino nelle vicinanze di Santa Croce Camerina pone tre acute domande,le riporto,purtroppo non ho tempo di commentare.

BUONASERA...... LO SO CHE SONO RIPETITIVA, MA LO DIRO' FINO ALL'ESASPERAZIONE.....SPERO CHE VENGA ACCOLTO QUESTO MIO APPELLO A CHI DI DOVERE--------SONO 3 LE DOMANDE CHE MI PONGO CHE SECONDO ME SONO IMPORTANTI......
1) SE IL BIMBO FOSSE STATO STRANGOLATO IN CASA,A MORIRE SAREBBERO BASTATI 3-4 MINUTI ALLORA NN CAPISCO; COME MAI IL PICCOLO E' ARRIVATO AL CANALONE ANCORA IN VITA???
2) I CANI MOLECOLARI HANNO ANNUSATO IL BIMBO FINO A 50 METRI DALLA SCUOLA, E LI' SI PERDONO LE TRACCE.....SI DIRA' CHE MAGARI ERANO LE TRACCE DEL GIORNO PRIMA.... INVECE NO PERCHE SE FOSSERO STATE DEL GIORNO PRIMA I CANI SAREBBERO ARRIVATI FINO DENTRO ALLA SCUOLA.... I CANI MOLECOLARI NN SBAGLIANO.......
3) SENTITO CON LE MIE ORECCHIE L'INTERVISTA AL PROPRIETARIO DEL MULINO IL QUALE DICE CHE IL GIORNO 29 NOVEMBRE E' STATO LI' DALLE 9 ALLE 11 E DALLE 14.30 ALLE 16 E DI NN AVERE VISTO NULLA....... QUESTO MI FA CAPIRE CHE IL BIMBO E' STATO PORTATO DOPO LE 11 E QUESTO DIMOSTREREBBE IL PERCHE' ERA AGONIZZANTE.......
ALTRO NN DICO,NN VOGLIO FARE NE INSINUAZIONI , NE ACCUSE.... CHIEDO SOLO:::::: COME MAI NN SI PRENDONO IN CONSIDERAZIONE QUESTI ELEMENTI????

Bruno ha detto...

Per Mimosa, sono d'accordo con quanto scrivi. Comunque anche se di poco interesse, da quanto so ti dico che il corso che organizzano per il robot bimby è gratuito.Non so a cosa può essere utile quanto ho scritto, ma andrebbe a favore di Veronica.

magica ha detto...

beh se il giudice è donna non c'è da meravigliarsi di tanta ..... vorrei dire ma ..
basta sentire le opinioniste alla tv , come parlano delle donne che sono finite in disgrazia . soppesano ogni minimo particolare per denigrare come loro fossero delle santarelline ( vorrei veder i loro scheletri nell'armadio . quante corna salterebbero fuori, possibile che siano cattive solo in queste circostanze .??. lo sono di suo .

magica ha detto...

hanno perfino ipotizzato che la madre strattoni i figlio quando rientra in macchina dopo aver comprato il panino
vedono movimento in auto . roba da matti , sicuramente loris doveva mettere il panino in cartella e ha fatto ei movimenti bruschi , ma anche da quello hanno ipotizzato che la madre lo strattonasse
un bambino di 8 anni che si appresta ad andare a scuola e la madre lo percuote .
lo hanno detto in diretta tv (una ipotesi )perchè fanno questa congetture in tv , dove ci stanno spettatori che si ingrassano .?

Anonimo ha detto...

Vari elementi mi lasciano ahimè perplessa:
1. la telecamera di via Matteotti di cui parla Massimo M. che non la registra il giorno della morte di Loris
2. che il padre Davide riconosca nella sagoma dalle movenze Loris
3. che Veronica cancelli il traffico WhatsApp sul proprio cellulare
4. che l'1 dicembre apra una pagina Fb; nulla a che fare con l'omicidio, lo so, ma mi fa pensare a una certa dose di insensibilità che mi infastidisce (un po' come il sacchetto sul ciglio della strada, la storia dei rumeni e da ultimo il non uso delle cinture di sicurezza in macchina, con il bambino davanti).
5. che Veronica dica nel colloquio col marito "non mi ricordo se l'ho accompagnato... " (se la fonte è veritiera)
6. che vicino alla scuola, dove passano un sacco di mamme a portare i propri bimbi, nessuna abbia visto Veronica portare Loris
7. che nella lettera scritta dal carcere avverto un qualcosa di strano, non so definirlo, come se fosse stata dettata, come se fosse fatta per i media, come se mancasse di una partecipazione sincera al dolore.
Spero che mi sto sbagliando...
A.

Mimosa ha detto...

@ A.
nulla di quanto hai letto è “verosimile”, sono montature dei media asserviti, credimi!
Statti in pace! Dormi tranquilla,
un abbraccio
Mimosa!

Anonimo ha detto...

Grazie Mimosa ;-)
Notte anche a te
A.

Mimosa ha detto...

infatti Magica
anche secondo me è evidente che la madre infilava il sacchetto del panino nello zaino, come tutte le madri premurose

chi vede quei movimenti come una "strattonatura" (detto per eufemismo) ha solo grande malizia ... o una cattiveria di fondo

'Notte anche a te, Mimosa

Massimo M ha detto...

A Mimosa.
Non avrà attaccato le cinture come dici. Bene.
Ammettiamo che in 45 e rotti secondi, entrano Diego e Loris in macchina, la VP abbassa il sedile si siede mette le chiavi guarda lo specchietto e parte. Per me e' impossibile che con 2 bambini e anche un sacco della spazzatura possa avvenire in 45 secondi. Ma e' un mio punto di vista. Ma ammettiamo che ciò sia possibile.
Ma la sagoma che rientra cammina nella stessa direzione in cui cammina Loris. Se la VP, come tu dici, era già partita.............non cambia. Avrebbe dovuto vedere il soggetto X della seconda sagoma, o quantomeno incrociarlo perché se questa seconda sagoma spunta fuori dopo 45 secondi dal nulla...........significa che se non e' Loris e' qualcuno che stava o fermo vicino alla macchina mentre i tre entravano in macchina o qualcuno che stava camminando su quel lato di strada verso dove stava parcheggiata l' auto. Parliamo di una strada a senso unico stretta.
Quindi o la VP avrebbe dovuto vedere un soggettoX mentre rientra nel portone di casa sua, se ancora non era partita con la macchina...........o avrebbe dovuto vedere un soggettoX fermo vicino la sua auto che dopo che lei parte entra in casa o avrebbe dovuto incrociare un soggettoX che cammina proprio verso la sua auto parcheggiata e come parte lo incrocia.

Prima del filmato visibile, io almeno credevo che le sagome percorressero la strada verso lo spiazzo davanti al garage.............e li tutto cambiava perché la sagoma poteva essere una qualsiasi persona non visibile alla VP.
Li' davanti, invece cambia tutto.
C'è' la VP che esce seguita da Diego. Loris e' staccato e ha un'andatura normale. Dopo 45 secondi si vede una sagoma che fa indietro lo stesso percorso ma correndo.
Davide Stival avrà i suoi motivi per farsi due conti.

PINO ha detto...

Veronica non può aver eseguito l'azione omicidiaria, in casa e nei tempi stabiliti dagli inquirenti: gli elementi del quesito stesso non sarebbero idonei a sostenerlo, come già scrissi in altra occasione.
Le tre domande poste dalla sconosciuta signora, riportate opportunamente da Dudù, nel suo post delle 22,36 di ieri sera, restano ancora valide, anche se andrebbero dettagliate su alcuni punti.
Resta cruciale il problema dell'ora della morte del piccolo Loris e del momento di deposito del suo corpo, nella località del ritrovamento che, dopo i molteplici calcoli scientifici, eseguiti da più parti, indicherebbero di molto posteriore a quella ritenuta dalla versione "ufficiale".
A supportare tale variante, ci sarebbe, fra le altre, la dichiarazione, piuttosto decisa, del proprietario del vecchio mulino, con la quale testimonia che, trovandosi sul posto, tra le ore 9,30 circa, alle 11,30 della mattina della scomparsa di Loris, nulla avrebbe veduto, nè udito, di particolare che, come ex componente la "benemerita", esercitato all'arte investigativa, l'avesse allertato.
Ritengo, quindi, molto appropriate le controdeduzioni dell'avvocato Villardita, in merito alla possibile estraneità, sia pure relativa, della sua assistita.
Pino

Massimo M ha detto...

A Mimosa
.........dimenticavo
Tieni conto che la Perizia della Difesa in sostanza individuando la seconda sagoma come più alta di qualche centimetro "certifica" che quella seconda sagoma è o un bambino/a o un nano/a.
Cioè un bambino/a o nano/a che rientra in quel portone e che per farlo deve avere le chiavi visto che tutti i condomini non hanno testimoniato che aprirono a qualcuno al citofono quella mattina.
In sostanza quella seconda sagoma, se non è Loris, è un bambino/a o un nano/a che stava fermo vicino alla macchina della VP è ha aspettato che la VP partisse per rientrare o che stava camminando verso l'auto della VP e che una volta incrociata ha attraversato ed è entrata nel portone.
Io onestamente vi dico che non ci credo che anche voi non possiate avere dei seri dubbi. Che quella sagoma non potrà mai essere dimostrato fosse Loris è certo.......................però qui c'è un incastro di troppi elementi in ogni istante.
E la sagoma che rientra è un bambino/a ma non è Loris, 2 telecamere di Via Matteotti non riprendono il passaggio dell'auto quella mattina e lei conferma sempre di essere passata di lì, al semaforo di Via Roma viene ripresa una sola volta e lei conferma sempre di essere passata due volte, c'è una stessa sequenza di auto riprese alla ERG e da Agnello: bianca, scura, scura (certamente VP) e rossa che percorrono in sequenza la ERG fino a fine curva. Da fine curva all'incrocio per il vecchio mulino sono 60 metri. La telecamera Agnello riprende la stessa auto bianca andare dritto, poi una scura andare dritto, poi una scura girare al Mulino e una rossa andare dritto. Ora la Agnello non permette di identificare l'auto.............ma per la sequenza la scura è l'auto della VP. Per non essere quella della VP ma l'altra scura che la precedeva, occorre che quest'ultima si fosse fermata in piena curva e che la VP l'avesse superata e subito dopo la scura altra sarebbe ripartita...........perchè mantengono anche dalla Agnello la stessa distanza.
Certo che la scura che gira al Mulino non può essere identificata come quella della VP..........ma ci sono 2 elementi: è scura e segue la sequenza dei passaggi.
Qui non c'entrano più sincronismi orari tra le due telecamere, qui parlano immagini in sequenza della stessa telecamera.
Certo, rimane la possibilità che la scura si sia fermata che la VP abbia sorpassato e che è l'altra macchina ad aver girato.
Ma questa VP sarebbe allora la donna più sfigata del mondo: gli entra nel portone un bambino altro non identificato proprio nel momento in cui è partita o sta partendo con la macchina. Per un evento sovrannaturale le telecamere di Via Matteotti non riprendono il passaggio della sua auto, su Via Roma per un evento sovrannaturale viene ripresa solo una volta e non due e una macchina scura si ferma in piena curva rischiando un incidente e la VP la sorpassa in piena curva.
Mimosa, questi sono INDIZI colossali. Non prove!

PINO ha detto...

Massimo/M
Ammesso, ma non concesso, che la sagoma del "bambino-nano" fosse Loris, chi ci dice che, una volta entrato, non abbia incontrato proprio in quella occasione, per le scale o in casa il suo assassino?
Ti ha mai sfiorato tale possibilità?
E che Veronica, abbia veramente fatto il percorso testimoniato dalle telecamere, sapendo di non avere Loris con se, ma sostenendo il contrario, per un senso di colpa causato dall'aver lasciato il figlio solo?
Ma queste sono solo alcune delle considerazioni che possono essere formulate che, per se stesse rendono assurde e pretestuose le motivazioni che hanno determinato la l'incarcerazione cautelare di VP.
Guarda il tutto anche da questo diverso punto prospettico, oltre l'altro che ho suggerito nel precedente post.
Pino

Massimo M ha detto...

A Pino
Qui la vediamo diversamente.
Non può aver eseguito l'azione omicidiaria, in casa e nei tempi stabiliti dagli inquirenti
Su quali basi?
Caro PINO, io contesto molto anche le ricostruzioni televisive. Il rumore di una aspirapolvere, per quale motivo deve sottindere un uso di pulizia? Cioè per quale motivo siccome la vicina sente l'aspirapolvere e la vede stendere i panni, il marito la chiama alle 9:03.............dunque l'omicidio, se è stato commesso, è stato commesso dalle 9:03 alle 9:23 circa?
Se la VP fosse colpevole, non può tra le 8:47 e le 9:03 aver commesso l'omicidio, lavato a mano alcuni panni che andavano lavati e passato l'aspirapolvere, per esempio, per togliere le tracce di fibre delle fascette tagliate e degli slip eventualmente tagliati? Oppure aver semplicemente acceso l'aspirapolvere per coprire i rumori?
Dal mio punto di vista l'omicidio, se è stato commesso, ha una tempistica che va dalle 8:47 alle 9:23. Se poi ti devo dare il mio punto di vista, se la VP è colpevole io credo, invece, che l'omicidio è stato commesso prima delle 9:03. Il marito (e non solo) la chiama 3 volte dalle 9:01. Le prime 2 il telefono o non prende o è spento o è in modalità aereo. Alle 9:03 poi prende. La VP dice al marito che è tutto ok, ha portato i figli a scuola, ha fatto pulizie etc. etc.
Un bambino di 8 anni in casa, che non è una reggia, avrebbe sentito che la Mamma stava dicendo bugie al Papà (sempre in ottica omicidiaria)...........è una telefonata "strana" quella.
Personalmente sposto l'orario dalle 8:47 alle 9:03 e l'aspirapolvere non significa niente come non significano niente i panni stesi: potrebbe essere tranquillamente un depistaggio.
Per quanto concerne le domande di Dudù..........io credo che siano assolutamente "superficiali":
1)Dove sta scritto che Loris è stato gettato quando era ancora vivo? Queste sono le parole di Carmelo Petrania: "Morte avvenuta in un momento immediatamente successivo allo strangolamento, può rientrare tra le cause della morte o essere un fatto immediatamente successivo"
2) I cani molecolari non sbagliano. E chi lo dice? Cioè le telecamere sbaglierebbero e i cani no? Ma per favore dai. Oltretutto di quei cani non sappiamo nulla del percorso che hanno fatto da dove sono partiti e dove si sono fermati. Ci vuole il materiale per interpretare certe cose, non l'assunto che i cani non sbagliano.
3) Avrò altre orecchie ma questo tema era stato già chiuso. C'è una intervista PUNTO. Il proprietario del Mulino alla prima intervista dice solo che ogni giorno va al cimitero e poi va lì...........dice TESTUALI 9:30/10...............poi incalzato dal giornalista dice 9, 9:30, 10. Quindi la sua testimonianza è inutile perchè egli stesso indica la possibilità che nel momento in cui secondo la procura il bambino è stato gettato nel canale, EGLI POTEVA NON ESSERE LI'.

Massimo M ha detto...

A Pino
Ammesso, ma non concesso, che la sagoma del "bambino-nano" fosse Loris, chi ci dice che, una volta entrato, non abbia incontrato proprio in quella occasione, per le scale o in casa il suo assassino?
Ti ha mai sfiorato tale possibilità?


Mi è sfiorata mille volte per la testa...........ma poi sono giunto alla conclusione che ciò non sia verosimile per un semplice fatto:
- per il fatto semplice che la VP si reca a riprendere Loris a scuola...........e non vedendolo va nel panico e chiama immediatamente le forze dell'ordine e avvisa i parenti coinvolgendo subito un intero paese. Se Loris lo avesse lasciato a casa, è una dinamica priva di verosimilità..........perchè se Loris è appunto a casa.........a casa deve essere nella mente di VP, dunque Loris sarebbe stato ritrovato a CASA e che avrebbe detto? Che la Mamma non lo aveva portato a scuola, semplice!

A meno che la VP è una veggente e sapeva che qualcuno aveva rapito Loris sulle scale.
Pino, non regge!

Massimo M ha detto...

Lo scrissi tempo fa, proprio perchè non ho pregiudizi e voglio vedere le cose da angolazioni diverse.
La VP è innocente solo se ha lasciato LORIS subito dopo che ha girato in Via Amedeo. Sono 500 metri dalla scuola, distanza compatibile rispetto a quello che lei dichiarò nel primissimo interrogatorio. Il bambino scende e si perde, la Signora Emmolo lo vede in Via Marsala e poi questo bambino viene rapito e ucciso da qualcuno. Altre strade non possono, a mio avviso, essere prese in considerazione. Questa è l'unica possibilità di una innocenza della VP.
Ma se lei continua con decisione a sostenere, sia negli interrogatori con il marito che proprio questo gli chiede con insistenza, sia nei numerosi interrogatori in procura, che è passata su Via Matteotti e 2 volte sul semaforo di Via Roma...........ebbene questa possibilità viene in sostanza esclusa dalla VP stessa.
Il marito gli è andato a rendere conto di questa cosa, proprio perchè è l'unica variante possibile. Ma lei, non sposta di una virgola il suo percorso. E quindi?

Anonimo ha detto...

Già Massimo M. la vedo come te con una variante. VP la mattina del 29 era in forte ritardo per cui ha lasciato il piccolo a 500 mt. da scuola e, per il fatto che dopo l'accaduto si senta in colpa, continua nella sua versione che purtroppo non potrà mai provare e che anzi la inchioda.
________________________
Interessante questo filmato, l'avete visto?
https://www.youtube.com/watch?v=RU27Xch47KQ&feature=youtu.be
Marilia

TommyS. ha detto...

Massimo M

Personalmente mi sono perso il video originale della telecamera Vanity&House che tu dici di aver visto.

In quale trasmissione su quale sito è disponibile? Saresti così gentile da indicarmi un link?

Così possiamo parlare delle stesse cose.

Grazie

PINO ha detto...

Massimo/M

Io ho suggerito solo possibilità diverse dallo scenario standard codificato dagli inquirenti e da te accettato incondizionatamente.
A contrastare sia la cronologia che la collocazione in essa dei vari episodi da te elencati, vi sono altrettanti punti a favore di interpretazione opposta che è inutile ripeta noiosamente.
Anche la ironica battuta sulla "chiarovegenza" della VP, avevo previsto, prevenendola con la frase conclusiva del mio penultimo post: " Ritengo, quindi, molto appropriate le controdeduzioni dell'avvocato Villardita, in merito alla possibile estraneità, sia pure relativa, della sua assistita.
La "relatività" consisterebbe in una eventuale consapevolezza di quanto già avvenuto al bambino, già espressa nelle mie precedenti ipotesi, circa l'impossibilità della donna, (pur consapevole) di impedire una tragedia di tale portata.
Tutto il conseguente modo d'agire, potrebbe essere stato ineluttabile.
La prevegenza, quindi, è fuori gioco anche come battuta ironica.
Ciao e buon appetito a tutti.
Pino






TommyS. ha detto...

Stanno saltando fuori troppi strani testimoni dell'ultima ora.

Prima la mamma che afferma che la Panarello aveva espresso presentimenti sull'assenza del figlio prima dell'ora di uscita da scuola (smentita da altre testimonianze a quanto sembra).

Adesso un vicino, un certo Vincenzo Dandoni intervistato da Repubblica (anche se online non vi è alcun articolo relativo), che afferma di aver chiaramente udito violenti litigi nei pomeriggi in cui restava a casa dal lavoro, per di più litigi continui dalle 15 sino alle 20, nonché la Panarello apostrofare i figli con parole pesanti (testimonianza sembra smentita dagli altri vicini che semmai hanno parlato di normali sgridate ed anzi, per la mattina del 29 di nessun rumore).

Gli appelli a "parlare" rivolti da Petralia ai cittadini di questa bella parte di Sicilia, stanno sortendo i loro risultati a quanto pare.

Solo che quelli che già in precedenza e quindi in tempi non sospetti avevano parlato (e continuano a farlo) ma in modo non molto gradito alla Procura continuano ad essere definiti non attendibili. Chissà perché?

Sembra poi che un'informativa dei CC, portata dalla Procura al Riesame, riporti il peso di Loris misurato dal pediatra a soli 19 giorni di distanza con una differenza di ben 4 kg in meno! Neanche una dieta a zona o Duncan avrebbe saputo far meglio. E questo senza apparenti meraviglie da parte di chi ce l'aveva in classe tutti i giorni e nonostante i panini comprati in panetteria quasi tutti i giorni (ammesso però che non venissero presi a Loris da parte di qualche altro bambino o ragazzino).

magica ha detto...

ah ecco . loris sente la mamma che dice bugie al papaà:per telefono .
la mamma a questo punto acchiappa il figlio perchè sente qualcosa che non doveva sentire , alla fine lo ammazza .
bravi gli inquirenti stanno ammazzando a loro volta una persona di 38 kg che si trova gia' in carcere , aiutati dai viicni di casa della donna -
che la sentivano gridare : una vicina dice che non volevano mangiare. infatti acquista un utensile per far dei manicaretti piu' appettitosi .il bambino era magro e non è possibile che lo fosse di natura? il pdre è magro la madre pure . il bambino anche.. ho una nipote che non voleva mai mangiare , la madre me la appioppava anche durante la vacanze per vedere se mangiava di piu' .. durante le feste le ho invitate al pranzo di natale .. roba da matti ,mi cadevano la braccia a vederla mangiare .. ha una figlioletta di 5 anni ,a epifania siamo andati al ristorante la sua bimba non ha mangiato nulla! eppure è una bimba vispa e intelligente ma è sotto peso . sono fatte cosi' - penso che pure nella famiglia stival non fossero dei mangioni , basta vederli . ma non vuole dire che sia ammalati . anzi.

Anonimo ha detto...

TommyS
Quando ho sentito dire che la pediatra avrebbe parlato di un calo ponderale di 4 Kg in poco tempo, ho subito pensato a possibili atti di bullismo subiti da Loris a scuola o in palestra. Ricordo infatti che si disse che Loris ultimamente non volesse più andare a scuola e questo, per un bambino che ha un buon andamento scolastico, è spesso indicativo di disagi circoscritti a quell'ambito. Purtroppo il bullismo non è proprio solo dei ragazzi più grandi ma sempre più spesso se ne trovano gravi esempi anche alle scuole elementari. E questo potrebbe ben spiegare sia l'inappetenza del bambino, sia le sgridate da parte della madre (e ogni madre di un bimbo inappetente sa quante volte si perde la la pazienza vedendoli cincischiare nel piatto). Del resto la dirimpettaia disse che a volte poteva capitare che V sgridasse Loris perché non mangiava, dando a ciò una valenza del tutto normale, come di cosa che capita in tutte le famiglie.
Non capisco perché pensare a stranezze in famiglia! Certo, le testimonianze dell'ultima ora mi sembrano fortemente condizionate dalle ricostruzioni romanzate.
Sarahkey

Dudu' ha detto...

http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-italia/andrea-loris-stival-perse-4-chili-un-mese-prima-di-morire-2092365/
I giudici, come riporta Nino Cirillo del Messaggero, citano anche una nota del 12 dicembre dei Carabinieri di Santa Croce da cui risulta che “secondo le indicazioni della pediatra, in base alle visite effettuate, il peso di Loris era di 17,3 kg il 24 settembre e di 13,3 kg il 13 ottobre”.

Non è possibile. Qui si prefigurano anche delle responsabilita'paterne. 13/14 kg è il peso di un bambino di 3/4 anni. E anche del medico,era sotto di 9-10 kg dalla media corporea della sua eta'

Dudu' ha detto...

È verissimo quanto dice Magica,ma se è vero che pesava meno di 14 kg per un bimbo di 8 anni (la media è 1.24 por 24 kg) siamo in zona allarme. Da qui ne traggo un dato che tutta la famiglia,non solo VP, erano a conoscenza che il bimbo stava vivendo un periodo particolare,e come ben dite e come sottolineava la sua mamma c'erano problemi con i compagni e gli amici. Ti credo che sta mamma arrivava anche ad arrabbiarsi pur di farlo mangiare,cio' però dimostra quanto ci teneva alla salute del figlio.ciao Dudu'

Dudu' ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Dudu' ha detto...

Se il dato è veritiero e si ragiona sui tempi del rigor mortis,sotto peso,poco sangue,alle ore17 del 29 nov il corpicino non era ancora rigido al tocco e alle 21.30 la rigidità è avvenuta..anche meno di 8 ne bastano.

12 ore per un rigor mortis sono calcolate su un peso medio di 70 kg

E Lorys ne pesava forse 13,5

come han fatto 2 anatomopatologhi concludere la morte alle 9-10 del mattino,quale protocollo hanno adottato?

Dudu' ha detto...

I video di Lorys che rientra pubblicati Lun verso le 13 alla notizia che il riesame aveva depositato gli atti non riesco più trovarli. Posso segnalare il video di QG nella loro pagina Fb,sicuramente visionato da alcuni di voi.ciao Dudù

TommyS. ha detto...

Grazie Dudu'

Ho visto il servizio di QG ed in effetti finalmente si vedono le famose tre sagome in movimento potendo così capire esattamente il breve tragitto delle stesse inquadrato dalla telecamera. Sull'interpretazione delle sagome ammetto di non poter dire nulla se non che in effetti la prima sagoma è decisamente più grande e quindi con tutta probabilità un adulto. Sulle altre invece è davvero difficile esprimersi.

Chiaramente dalle due sequenze di immagini come proposte anche nella trasmissione uno è facilmente tentato ad individuare nella sagoma che rientra una delle tre che prima erano uscite ed in particolare con la terza di queste. E quindi posso facilmente capire Davide Stival quando afferma che l'ultima sagoma è compatibile con quella di suo figlio Loris sebbene su sua ammissione le immagini non siano chiare nemmeno a lui.

C'è però qualcosa che mi disturba nel video e nella sequenza temporale. E' a livello di sensazioni più che di percezioni e quindi è altamente soggettivo. Cercherò di rielaborarle meglio prima di scrivere.

Ho apprezzato la seconda parte (oltre anche alla parte relativa alle telecamere ed ai video non nella disponibilità delle parti che mi fa sollevare qualche sopracciglio) del servizio che con molta razionalità solleva molti dubbi sulla possibilità che la Panarello abbia ucciso il proprio figlio in quell'arco temporale.

Dudu' ha detto...

Infatti,Tutti riportano quanto detto dalla procura: VP viene ripresa una volta in via Roma.
Guardando il video
http://www.video.mediaset.it/video/quarto_grado/clip/437703/intervista-a-raffaele-sollecito.html?$p=autoplay$i=1$n=1$ck=YXV0b3N3aXRjaCwxLDAsMTAsMjAwLDUxMTA1OSxxdWFydG9fZ3JhZG8sLA__

ricostruzione di Quarto Grado ,sembra abbiano trovato una possibile risposta,2 telecamere che potrebbero averla ripresa non sono agli atti e chiedono perché giustamente.
Ma la procura non lo dice ,da'a tutti per scontato che non è mai andata alla scuola,eppure il video dimostra e conferma che ci sono dei "vuoti" nel percorso fatto e confermato da lei che ad oggi sembrano incolmabili.
Il bambino che apparentemente rientra correndo potrebbe anche essere un bimbo che suona il campanello per scherzo,VP impegnata a far salire i bimbi e partire,con tutte le cose che aveva in mente di fare non è così matematico l'abbia notato.Poteva esser passato dietro un auto parcheggiata ad esempio.Gli indizi dipendono da che parte si guarda il bicchiere,parte piena o parte vuota? Ci si può sbizzarrire, ma la procura oltre gli indizi deve fornire prove che al momento non son state trovate al canalone, nel corpicino,in casa,ne sugli oggetti prelevati,ne' nel comportamento di madre.
Dove ci son bambini ci sono grida,sedie che cadono,palle che tonfano,sgrida ecc,2 maschietti in giro per casa solo una mamma sa'quante ne combinano ed è nell'ordine delle cose.Puntare il dito in questa direzione non ha alcun senso.Solo riempire bocche e vendere giornali.
Cercando di comprendere lo stato d'animo dei paesani è comprensibile che pur non venga puntato il dito alla scuola si limitino a portar chiacchiericcio,allontanando da loro stesse possibili binocoli.
Buona serata Dudù

Anonimo ha detto...

Se non è stata lei. E io ritengo inverosimile che lo sia stata... Io sono una madre amorevole ma sposto sedie ... E quando m'incazzo posso fare delle urlare tremende ma questo non fa di me una potenziale assassina... Però nello stesso tempo i miei vicini potrebbero dire di avermi sentita urlare o fare rumori strani ...ma sono sicura che ogni madre scuota la testa davanti a questi... Indizi! Però se non è stata lei sarebbe interessante vedere chi c'era nella vita di Loris. Ho un bambini molto ma davvero molto magro ma in confronto a Loris mi sembra grasso. Se è vero il calo di peso e non una bufala come le migliaia scritte questo sarebbe un dato da approfondire. Grazie per gli interessanti spunti che riportate Gerta

Anonimo ha detto...

Dudu,
hai ragione! Il mio stato perplesso sta in questi momenti (di accusa!):
1) Come dici tu, se il bambino che "rientra" sta solo suonando il campanello, ma dal video è entra dentro palazzo...e nessuno dei condomini non ha confessato di aver aperto la porta al bambino,
2) in verbale VP dice di passare la strada di via Roma 2 volte...prima accompagnando Loris e seconda, svoltando a sinistra per portare Diego a ludoteca.... Ma le camere la riprendono una volta sola...come mai?!
3) Quella seguenza di macchine scure e chiare che fanno giro uno dopo altra dalla ripresa di ERG alla ripresa alla svolta al canalone e che quella che si svolge è la sua, seguendo i passaggi.
In difesa dico che o è pazza completa con la mente oltre che isis e serial killer, ma qualcosa di oltre terreste per poter svolgere ed organizzare tutto cio' in così pochissimo tempo, senza farsi sentire da nessuno, senza farsi vedere da nessuno, con una forza enorme, perche' anche se bimbo era sotto peso, ma anche lei pesava meno di 50 kg, ricordiamolo, e sopratutto senza lasciare nessuna traccia in macchina, ne in cofano, ne, forse, sul lato di guida, che doveva almeno avere la traccia di erba o terra se è sceso in canalone, ne sua ne di Loris. Questa è un enigma completa per me! NON E' POSSIBILE!!! Nemmeno un serial killer riuscirebbe!!! Forse hanno in mano qualche informazione importante che non sappiamo?!La cosa "bellissima" che il tribunale di riesame ha depositato finalmente la motivazione (ed abbiamo letto tutti quale sia...anche se sarei curiosa di leggere tutti i 109 pagine) dopo l'intervista fatta a Villardita il 30 gennaio. E' stranissimo anche questo!
Poi con la uscita di oggi altri testimoni già verbalizzati a dicembre, tipo il sig.D. che un giorno essendo a casa la sente gridare 5 ore.... Sapete che vi dico?! Le mie vicine che entrambi hanno 3 bambini, le sento gridare 24 ore su 24....e a quale conclusione devo arrivare allora?! Assurdo!
Natasha

Anonimo ha detto...

l'avvocato di veronica a pomeriggio cinque ha escluso categoricamente il calo di peso..ha detto che c'è stato un errore di trascrizione e a loris è stato attribuito il peso del fratellino...era così fermamete convinto che a barbara d'urso non è restato che fare marcia indietro

magda

Mimosa ha detto...

Gerta e Natasha
e prima anche TommyS
avete ben descritto come una mamma reagisce di fronte ad un figlio che non apprezza il piatto preparato, e potrei aggiungere anche la mia esperienza (sic!)
c'è una spiegazione molto psicologica alle reazioni di sconforto materno, che vi riassumo in soldoni: il cibo è nutrimento e viene dalla mamma, se il figlio rifiuta il cibo rifiuterebbe (inconsciamente) la genitrice. Da ciò le sgridate e le imposizioni di tutte le madri.
Ma che c’entra questo con le motivazioni dell’omicidio?



Dudu' ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Dudu' ha detto...

Grazie Magda,l'avevo trovato inverosimile e mi stavo arrendendo...questi giornalisti la fan da birichini!!!Notte Dudù

Anonimo ha detto...

Ragazzi, ma alle mie domande qualcuno di voi potrebbe fare qualche feedback? ! Grazie anticipate! Natasha.

Anonimo ha detto...

Ma tu ragazza
segui questo blog a caso senza leggere i commenti precedenti?
che feedback vuoi?

Dudu' ha detto...

Natascha
1) Come dici tu, se il bambino che "rientra" sta solo suonando il campanello, ma dal video è entra dentro palazzo.

A oggi son riuscita vedere due video,in entrambi con fermo immagine sulla sagoma sopra i gradini e quindi? È entrato? Cosa accade nei secondi a seguire?
notte Dudu'

Hugo ha detto...

Non capisco per quale motivo è stato abbandonato vicino ad alcune abitazioni e in una zona agricola, quindi frequentata in pieno giorno, quando invece ad est del paese c'è praticamente il deserto.
Infatti, che le telecamere riprendano la macchina di VP fuori dal paese preceduta e seguita da altre macchine, sta a significare che la zona è transitata e non proprio adatta all'occultamento di cadaveri.
E non ho capito nemmeno cosa ha spinto il cacciatore a cercare proprio li, quando ancora non si sapeva l'epilogo.

Dudu' ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Dudu' ha detto...

http://parma.repubblica.it/dettaglio/garofano-indagato-per-truffa-lascia-il-comando-del-ris/1779210

Dudu' ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Massimo M ha detto...

A Hugo
Sono 4 le macchine. In sequenza una bianca, una scura, una scura della VP (certa) e una celeste (no rossa). Tutte proseguono dritto sulla strada principale trafficata, tranne la terza che gira verso il mulino. Per la sequenza e' quella della VP e la strada verso il Mulino non e' trafficata (infatti solo una macchina ci gira).

A Mimosa
CLV mostra tutti i video. Alcuni sembrano in full hd, altro che sgranati. Dato nuovo sempre sulla dinamica fino ad ora solo dal sottoscritto rilevata. Dalla seconda sagoma che entra dentro il portone alla macchina della VP visibile su Via Roma verso la Despar sempre ripresa dalla medesima telecamera, passa 1 minuto. Questo significa che quando la seconda sagoma rientra in casa la VP deve essere ancora ferma proprio li davanti al portone con la sua macchina.
Loris in uscita ha lo zaino e si vede benissimo. La seconda sagoma non ha lo zaino. Ciò spiegherebbe anche una altezza di qualche cm. In più visto che nelle riprese in Via Matteotti si vede bene come Loris, con lo zaino pesante alle spalle, cammini con una postura della testa in avanti...........spinta dal peso.

A Tommy
Quando la VP rientra alle 8:47 ci sono 2 telecamere da angolazioni diverse, con video messi uno sovrapposto all'altro, che evidenziano che c'era posto sullo spiazzo dei garage per parcheggiare (c'è' solo una macchina posteggiata nello spiazzo) e la VP compie una doppia manovra strana di retro, ferma l'auto, entra dal portone principale e rientra la macchina da dentro. La mia idea e' ha dentro l'auto lo zaino e che lo lascia li e sale a casa per andare a prendere Loris e convincerlo e portarlo a scuola comunque con le buone o con le cattive. Parcheggia in garage per non dare nell'occhio, per non farsi vedere che sarebbe uscita così tardi (quasi le 9) con suo figlio.

Su via Matteotti ci sono due telecamere. Una quasi full hd. La VP viene ripresa nei due giorni precedenti passare li. Quella mattina la Polo non ci passa. La VP insiste a dire che e' passata di li.

Mostrato il video davanti il Market sulla ludoteca. Immagini perfette. La VP scend con Diego, chiude a chiave, entra a comprare una merendina/panino per Diego, poi esce accompagna Diego alla ludoteca, poi apre la macchina e riparte e va a casa. Non si ferma su Via Matteotti quella mattina perché aveva preparato il panino solo a Loris?

In ultimo dichiarazione del marito della Emmolo che chiede chiarezza. Dire tratti somatici simili a Loris significa dire simili, non che fosse Loris visto che lei non e' stata mai in grado di riconoscerlo in foto. Parla di dato neutro.

Guardati tutti i video (CLV) ieri sera abbassa il volume senza condizionamenti del giornalista. Per quanto riguarda il video ERG Agnello devi guardarti la puntata scorsa di QG dove le immagini sono molto più chiare di quelle di CLV.

Anonimo ha detto...

@ Dudu , quella cosa di Garofano che hai postato , per completezza d`informazione,e` poi finita cosi:

http://www.gazzettadiparma.it/news/parma/85221/Ris-e-consulenze--archiviate-le.html

Anonimo ha detto...

Qui si vede come era composta la palazzina e i condomini vicini della Panarello (cfr. disegno).

http://www.santacroceweb.com/giornale1/index.php/2015/02/04/il-vicino-di-veronica-insultava-sempre-tutti-e-quella-sagoma-esclusiva/

I due figli degli albanesi e i due figli di Dandone erano a scuola. Altri bambini dunque non c'erano. Inoltre il problema è che se quella sagoma è entrata, poi non è mai più uscita...
A.

Anonimo ha detto...

Domanda informatica: se si riescono a recuperare i dati del traffico Internet e WhatsApp, si recuperano gli interi messaggi o solo li destinatari a cui i messaggi sono stati inviati?
A.

TommyS. ha detto...

MassimoM

Prima di cercare di risponderti ho bisogno del tuo aiuto.

Ricordi quando eri stato tu a rimanere stupito esaminando una fotografia che apparentemente riprendeva la Polo uscire dall'area antistante il garage ed anziché sembrare dirigersi verso sud (Despar) dava l'impressione di accingersi a svoltare a sinistra verso il centro paese?
Non sono più riuscito a ritrovare quell'immagine e mi sono venuti alcuni dubbi in quanto nei filmati non riesco proprio a vedere quella posizione della Polo che invece chiaramente svolta a destra portandosi nel centro incrocio.
Se riesci a dirmi dove trovarla mi fai un piacere. Grazie

TommyS. ha detto...

MassimoM

Prima di tutto la questione del parcheggio all'interno del garage.

I filmati che ho visto sono quelli mandati in onda da PaP ieri sera dove sulle immagini della telecamere Vanity&House erano sovrimpresse in basso a destra quelle dell'altra telecamera privata che inquadra in lontananza la piccola area davanti ai portoni.

Per prima cosa non è vero che non vi fosse nessuno parcheggiato in quell'area, anzi si vede chiaramente un'auto parcheggiata a sinistra, auto che vi è ancora quando la Polo esce nuovamente.

Anche nelle foto di streeview si vede una macchina parcheggiata (piuttosto male) e mi domando se con una seconda auto in sosta in quell'area avrebbe permesso sia l'uscita dal garage condominiale sia la manovra dell'auto che era già posteggiata (davanti al box in lamiera che credo appartenga a qualcuno della casa di sinistra) e forse anche posteggiata non bene.
Inoltre noi non possiamo sapere, anche perché se fosse così tutti badano bene a non farcelo sapere, se vi fossero già state liti condominiali per auto parcheggiate in quell'area e di ingombro alle manovre di entrata ed uscita dal garage.

Per cui, anche se adesso questo elemento viene portato dalla Procura e dai media come indizio a carico della Panarello, prenderei lo stesso con le pinze ed al massimo lo considererei nullo non potendo provare che sulla via Garibaldi vi fosse un parcheggio più facile.

Ma sempre da quel video, e qui devi considerare che lo esamino ponendomi su posizioni a te contrapposte, e sempre dalla seconda telecamera, ammesso le immagini siano state montate sincrone, stranamente io non vedo arrivare da via Roma la Polo della Panarello negli stessi istanti in cui la vedo nel video principale. La si scorge bene solamente quando fa la manovra. E di nuovo stranamente nel video che ho visto io vi è una dissolvenza di immagini non giustificata dalla piccola manciata di secondi tra le prime e le seconde. Perché? Era proprio necessaria la dissolvenza? Significherà forse nulla ma a me non è garbata.

Anonimo ha detto...

Stanno cercando di tirar fuori un rapporto madre-figlio complicato,perchè come dico da tempo non si può spiegare un tale omicidio senza prendere in considerazione le relazioni umane. E fino ad ora ci hanno descritto un rapporto madre-figlio idilliaco, addirittura la sorella ha difeso più volte V sul suo ruolo di madre. È per questo, a parer mio, che per molto tempo si è ciarlato di una V bambina o adolescente con tutti i "problemi" annessi. Era chiaro fin da allora che su V madre non si potesse dire nulla di che. Ora saltano fuori urla e parole pesanti e mi viene in mente quel programma, "sos tata", e chissà quante ne avrebbero da dire certi vicini....
E questa mamma che prima ci dicono volesse fare quel corso per preparare manicaretti con suo figlio, lo malnutriva con il bimby e i panini? E quelle grida in casa, che tanto hanno allarmato un vicino a scoppio ritardato, influivano a tal punto da allarmare anche parenti, insegnanti, pediatra, e chiunque conoscesse Loris? Pare di no, ma bene fanno a cercare, perchè dal rapprto madre-figlio non si scappa. Ci sono ben 8 lunghi anni di un rapporto che non vogliono spiegare, o meglio, tentano di limitarlo a due grida e un forse-strattone.
Ora entro in modalità Csi anche io e mi chiedo perchè non sono state analizzate le suole delle scarpe di V per cercare tracce di quel luogo. Questa lucidissima madre inoltre avrebbe fatto sparire zaino, arma del delitto, un mazzo di chiavi ed un telo/borsone(stile Parolisi)per trasportare il corpo, visto che non ci sono tracce nel portabagagli. Ma se per portare giù per le scale e poi caricare in macchina L serviva un telo/borsone, perchè per gettarlo nel canale verrebbe trascinato?
Qualcuno gentilmente potrebbe mettere i link dei video? Ho trovato solo la puntata di clv ma non da la possibilità di andare avanti e si può solo vederla per intero.
Grazie
Kiba
P.s. non metto in dubbio che le immagini siano importanti ma non si possono scavalcare le dinamiche umane. Amanti o capricci sono banalità sconcertanti che servono solo a non affrontare dei passaggi più che fondamentali. Non dovrebbero però bastare, almeno ad un pubblico pensante ed umano...

TommyS. ha detto...

MassimoM

Ma questa è la domanda principale e per me, al momento, più importante che rivolgo a te ad a tutti quanti.

Come era realmente vestita la Panarello quella mattina del 29/11/2014?

E che c'entra questo vi domanderete voi.

Per me c'entra eccome. Perché nell'unico video ravvicinato che riprende la Panarello, e cioé quello del market vicino alla ludoteca (quello della ludoteca non ce l'hanno ancora mostrato), quello con l'orario sballato di almeno 10 ore, la si vede, sia con il piccolo sia dopo quanto torna nell'auto, vestita con jeans blu scuro, stivali neri sotto il ginocchio e giubbotto nero attillato.

Consideriamo allora che se tutto collima come ci stanno raccontando, dal momento in cui risale in auto al momento in cui arriva a casa parcheggiando in garage, la Panarello dovrebbe essere vestita nello stesso identico modo.

Allora provate a vedere le immagini nelle quali si vede, secondo gli inquirenti, la donna uscire dal garage per entrare nel condominio dal portoncino principale (e questo è stato interpretato come la mancanza delle chiavi della porta interna in quanto il mazzo che le conteneva era stato dato in precedenza a Loris).
Non so voi, ma io vedo (e l'ho visto ieri sera stupendomi e non capendo il perché) una ragazza della stessa corporatura della Panarello ma con stivaletti bassi neri e forse con una gonna corta, sempre nera nonché capo spalla apparentemente marroncino.
Ma sono soprattutto gli stivaletti bassi che mi hanno colpito di più mentre dalla visione in televisione il fatto che sembri indossare una gonna corta mi era sembrato più evidente. Tanto che mi ero subito domandato, già preso dal sonno (e dalla nausea datami dal gruppetto assetato di sangue e perversione in sala), ma come? si era già messa in ghingheri per andare al castello ancor prima di uscire la prima volta da casa?

Stamattina però a mente più fresca ho voluto farmi nuovamente male andando su rai replay per rivedere quest'ultimo video ed ho ricevuto conferma, anche con qualità video minore, di quanto osservato questa notte.

Ed allora ho capito cosa era che mi disturbava ieri nel video con le tre sagome che escono alle 8.30 "circa".
Era il fatto che la sagoma adulta non mi sembrava, e non mi sembra tuttora, vestita nello stesso modo dei filmati del market vicino alla ludoteca.

Anzi, adesso, soprattutto per la calzatura nera per me bassa, la sagoma adulta mi sembra vestita nello stesso modo della giovane donna che fa il giro (?) dal garage fino al portoncino.

Ed allora mi domando: siamo sicuri siano la stessa persona come ci dicono gli inquirenti?

Ma io lavoro con immagini a bassa definizione mentre loro, e spero anche la difesa, con i video originali per cui avranno sicuramente ragione.

A me il dubbio rimane però.

TommyS. ha detto...

MassimoM

Per chiudere.

Ho visto anche i filmati ERG che riprenderebbero la Panarello nel primo giro di perlustrazione.
All'andata onestamente non sono riuscito a vedere nulla se non una sagoma scura. Ma al presunto ritorno la macchina nera si vede bene solo che a me dagli ultimi frame non pare proprio una Polo bensì una berlina scura (cioé con bagagliaio posteriore sporgente).

Anche qui sono convinto che gli inquirenti abbiano fatto il lavoro certosino e indiscutibile di cui parla la Matone (ma perché parla? come anche Biavardi, perché dobbiamo pagarlo noi?).

Ma se divulgano questi video per alimentare il pregiudizio non possono evitare che qualcuno cerchi di analizzarli in modo critico (come ha fatto la difesa sebbene inascoltata).

Massimo M ha detto...

A Tommy
Si ricordo perfettamente. Ma il dubbio è tolto in maniera completa perchè sempre nelle riprese video di ieri sera c'è il filmato, bello ed evidente, in cui la POLO della VP, appena uscita dal Garage, prende verso il DESPAR sembra ombra di dubbio alcuno: va verso il DESPAR.
E ti dico pure da quale immagine è stato preso quel fotogramma che dici tu e di cui anch'io avevo dei dubbi. Praticamente, quando la VP rientra dalla ludoteca (ci sono 2 telecamere diverse che la riprendono) va sullo spiazzale davanti il garage e ci entra di muso........siccome c'è una macchina parcheggiata che non gli consente di, lì nello spiazzo, di mettere la macchina con il "culo" davanti al garage cosa fa? Esce dallo spiazzo in retromarcia......con il culo dell'auto va verso Via garibaldi (verso il portone).....attenzione sta facendo manovra......poi con il muso va in direzione verso la Via Roma (lì nell'incrocio) perchè c'è una macchina parcheggiata male su Via Garibaldi: è di questo momento quel fotogramma di cui parli, quando cioè la POLO è col muso verso Via Roma a 90° con la Via Roma stessa. Ma da qui fa retromarcia, lo si vede nel video perchè da quel punto riesce, in retro, a piazzare il culo della macchina davanti al garage (prima non ci riusciva). Comunque nel video è chiarissimo: quando riparte va verso il DESPAR. Come è anche chirissimo che 1 minuto dopo che la seconda sagoma rientra nel portone, la POLO della VP arriva da Via ROMA verso la telecamera stessa Vanity (cioè verso il despar) perchè appena è partita da davanti casa con l'Auto arriva al primo incrocio di Via Garibaldi, gira a dx e subito a dx su Via Roma verso il despar.
Ti allego una ricostruzione in base ai video.

A
https://imageshack.com/i/pbMZll4fj
B
https://imageshack.com/i/hjhsDmVuj

emax/massimo prati ha detto...

X TommyS

Cercavi queste immagini?

livesicilia.it/2015/01/02/loris-i-filmati-dellauto-di-veronica-panarello_582525/

Ciao... Massimo

TommyS. ha detto...

Grazie Massimo

Ma l'immagine che cercavo (che era accompagnata da dei commenti e faceva parte dell'allegato al fermo) non si trova tra quelle, che peraltro avevo già rivisto.

Anonimo ha detto...

Alea iacta est.
Credo proprio che non ci siano molte alternative.
A.

Massimo M ha detto...

Ho appena terminato di analizzare con estrema esattezza i video contemporanei della ERG e Agnello. Metto alla vostra attenzione i dettagli per il solo scopo di rendere trasparente la realtà dei fatti. Poi ognuno farà le giuste interpretazioni che crede. Personalmente, dopo aver avuto in mano tutti i video, li ho analizzati senza volume, senza interferenze di giudizio dei media e mi limito a constatare che l'Avv. Villardita dovrà, a mio avviso, compiere un vero e proprio miracolo.
Allora, sincronizzazione tra le due telecamere sostanzialmente banale e incontestabile perchè fortuna (per gli investigatori) ha voluto che nell'ultimo fotogramma disponibile dal cono visivo ERG (fine curva prima dell'incrocio al Mulino) passano: Camion furgonato bianco alle 10:26:54 (firmware ERG), Auto Chiara 10:27:10, Auto scura (10:27:17), auto scura (10:27:20), auto non scura (pare grigia) (10:27:23).
La Agnello, le riprende esattamente con la stessa sequenza e con gli stessi secondi di differenza (firmware Agnello) tra il passaggio dell'una e l'altra. Ora, tra la fine curva e l'incrocio al Mulino, sono 3 secondi di percorrenza. Capite bene che le due telecamere, al passaggio degli stessi mezzi, sono poste a 3 secondi. Cioè se a fine ERG io passo alle ore 10:00:00 (firmware ERG), e quando mi riprende la Agnello con il suo firmware sono le 12:00:00 (per esempio) significa che l'orario Agnello va avanti di 2 - 3 secondi. E la sincronizzazione è bella che fatta con la verifica eseguita su 5 mezzi in questo caso, ravvicinati tra loro. A voler essere pignoli, si potrebbe individuare un margine di errore al centesimo di secondo.........proprio perchè gli angolo di visuale utili delle due telecamere sono distanti solo 60 metri.

segue

Massimo M ha detto...

segue

La stessa operazione hanno fatto per sincronizzare la telecamera della rotonda despar con quella della ERG. E' tornato utile il primo Camion Bianco. Anche qui parliamo di due siti distanti 50 metri (ERG e rotonda), dunque una sincronizzazione quasi perfetta.
Vediamo ora la dinamica.
Per l'accusa, la macchina della VP è il quarto mezzo in sequenza. Cioè camion, macchina bianca, macchina scura, macchina scura di VP e ultima macchina grigia. L'accusa lo deduce dall'identificazione sulla erg del tettino sverniciato della 4a macchina scura, ma lo conferma dalla telecamera Despar dove proprio una macchina scura precede sulla rotonda la POLO di VP perfettamente identificabile.
Dunque: Passa il Cammion Bianco su ERG e viene ripreso anche dalla Agnello andare dritto, passa una macchina bianca dalla ERG dopo 16 secondi e viene ripresa andare dritto dalla Agnello. Poi passa dopo 7 secondi la macchina scura e 3 secondi dopo la Polo di VP e 3 secondi dopo l'ultima macchina grigia.
La Agnello riprende la terza macchina (quella scura) andare dritto, la quarta girare al MULINO (per la sequenza è quella della VP) e la quinta macchina grigia dopo altri 3 secondi andare dritto.
Dicevo già ieri, che la Agnello non permette di identificare le auto, ma solo la cromaticità. Non può provare, quindi, che la macchina che gira è quella della VP.
Infatti, ci potrebbe essere la possibilità che la macchina scura che precede di 3 secondi quella della VP, a fine curva (ERG) decelleri e accosti e la VP la sorpassi. Dopodichè immediatamente la macchina scura ci ripensi e prima che si faccia superare dall'ultima grigia si rimette in carreggiata e poi giri a dx nel Mulino. In questo ultimo caso, può la POLO della VP essere ripresa dalla Agnello come macchina che va dritto e non gira.

In buona sostanza, la macchina che gira al MULINO non si può dire che deve essere per forza la macchina della VP.
Forse sto fornendo materiale di analisi per la difesa.
Questo è quanto.
Il mio giudizio interpretativo, però, è che verosimilmente sia la VP che ha girato verso il Mulino per il semplice fatto che se la terza macchina si fosse fermata o avesse decellerato con la VP che la sorpassa...........dalla Agnello avremmo dovuto vedere il passaggio di una quarta macchina scura e dell'ultima grigia ad essa ravvicinatissima (distante cioè meno di 3 secondi). Invece la Agnello riprende le ultime due auto (scura e grigia) alla stessa distanza circa ripresa dalla ERG. Ma quest'ultima è una mia interpretazione che non è misurabile e nemmeno dimostrabile. Solo un punto di vista.

Dudu' ha detto...

Grazie ad anonimo 10.55
ciao Dudu'

Massimo sai se è sicuro che nessuno abitava l'appartamento vuoto? Che non ci fosse qualcuno "irregolare"?
Non ho notizie,è stato controllato?Grazie Dudu'

emax/massimo prati ha detto...

Dudù, non ne ho idea. Ma suppongo che ci fosse stato qualche irregolare i vicini ne avrebbero parlato... ciao, Massimo

Anonimo ha detto...

X Tommy
In merito a come era vestita VP, non sono d'accordo con te. Premesso che i colori non distinguo nei filmati, se non colori scuri, cioe' grigio scuro, nero, blu scuro etc.. Ho guardato e riguardato immagine dei filmati marea di volte e posso dire che, se vedi immagine quando porta il bimbo a ludoteca da lontano, appena scesi dalla macchina, sembra che abbia i stivali, pero' se fermi l'immagine di fronte alla sig.ra "azzurra" di fronte supermercato, con la differenza dei colori, si vede che abbia jeans attillati o leggings e poi stivaletti o come si definisce "boots", giubbotto attillato ma che si allarga dopo la gira vite fino a coprire la metà di fondo schiena.
Dal video di garage, che è ripresa da V.Fair e che è lontano con risoluzione scarsa, hanno aggiunto sicuramente tanto contrasto e lo puoi notare dai vetri delle macchine, aggiungendo il contrasto, sicuramente i boots che sono neri, ti spiccano di più nell'immagine, ma il giubbotto ha la stessa forma di VP.
In ogni caso, la domanda che mi pongo, IL PERCHE' non ci fanno mai vedere la sagoma di bambino che entra nel palazzo (come ha notato Dudu'), ma si soffermano sulla sagoma che cerca di entrare???!
Ed un altra domanda...come mai, Loris, che vediamo anche nei giorni precedenti, non toglie mai lo zaino e giusto-giusto quel giorno ha lo ha tolto in pocchissimi secondi, perche' dalla sagoma che rientra non si vede benché minimo "ombra-gobbo" dello zaino?!
Natasha

Dudu' ha detto...

Son disposta a rotellare il coltello nella mia ferita e credo che qualcuno di voi ne condividerà il dolore.
Dal 12 Dic a fine Gennaio tramite i media son stat divulgati tre fermi immagine,su questi moltissime persone si son arrovvellate,al tre Febbraio scopriamo che la prima e la seconda non sono riferite al video che mostra mamma e figli che escono per salire l'auto....con il contagocce vengono divulgati video e info che accreditato alla madre l'omicidio ,e come Massimo Prati nel l'articolo di oggi ben argomenta non si capisca perche' il materiale video sia pubblico.
Oltre al resto dell'articolo che condivido appieno. Se c'è da cercare il colpevole prima di tutto dev'essere tolto qualsiasi dubbio sull'orario di morte del piccolo,e da lì partire alla ricerca del colpevole,se non lo si fa,e mi rivolgo agli inquirenti,non certo a noi,tutto il resto è un romanzo del crimine mal riuscito.Permettetemi di condividere questa amarezza.Buona serata Dudù

TommyS. ha detto...

Natasha

Dalle immagini non si riesce a capire se i pantaloni siano jeans blu di tipo skinny stretch o siano leggings sempre di colore blu tipo jeans come dici tu.

Ma gli stivali sono sicuramente fascianti neri alti sino a sotto il ginocchio (scamosciati o di pelle non si può sicuramente dire) e non tipo Ugg Boots bassi come invece potrebbe essere per la donna inquadrata nelle altre immagini vicino a casa.

Oggi prima di scrivere ho voluto sincerarmi bene di quello che avevo visto ieri sera ed allora ho fatto numerosi fermo immagine che ho analizzato meglio facendo ingrandimenti.

Inoltre, dalle immagini televisive che erano più definite di quelle a PC avevo avuto quasi la sensazione che la donna indossasse una minigonna nera (o comunque corta) con delle calze o leggings chiari ma sicuramente non blu. Dirlo adesso mi è più difficile ma in ogni caso gli stivaletti sono bassi e neri e all'altezza della vita vi è una striscia scura che contrasta con le gambe e con il busto.

Per di più il giubbotto nero che Veronica indossava nelle immagini vicino alla ludoteca è lo stesso che indossava la mattina del 30 quando l'hanno portata al Mulino Vecchio con il marito per vedere il luogo del ritrovamento. Cosa in effetti molto comprensibile per una mamma che solamente la sera prima aveva ricevuto una così drammatica notizia (per non parlare poi della visita all'obitorio della sera) e che quindi sicuramente non aveva in testa l'idea di cambiarsi.

I leggings scuri similpelle con i boots bassi neri li indossava invece la sera del 30 quando si era recata in questura per la testimonianza (vedendosi già Villardita nelle immagini non credo siano relative alla sera del 29).

Anonimo ha detto...

Tommy, concordo pienamente, ma la mia osservazione era proprio riferita al giorno di omicidio...il suo veste quando accompagnava alla ludoteca il Diego e quella che compare dopo aver accostato la macchina vicino al garage per poi rientrare ad aprirlo da dentro. Ho fermato e soffermato su questi immagini marea di volta e ti ho dato la mia opinione.
Come se per dire di più, l'immagine della macchina, appena svoltata a sinistra, e ripresa in via Amedeo, sono d'accordo con te...non e' Polo, a mio avviso sembra un bmw berlina, ma quella subito dopo nella via caucaso sembra lei, vedendo altri immagini delle macchine completamente schiacciate ed allungate di misura!
E poi, altra cosa che vorrei sapere, che sono pessima in matematica.... e cercavo di fare i calcoli da sola, ma mi sono persa...per fare 18 km in 8 min che velocità media dovrebbe avere la macchina?! Grazie e buona serata a tutti!. Natasha

Anonimo ha detto...

@Natasha
Ma a cosa ti riferisci? Per fare 18 km in 8 minuti bisogna andare ad una velocita' media di 135 Km. ora. (Da ritiro di patente).
Alex.

Mimosa ha detto...

Punto primo: mi fa piacere che anche qualcuno di voi ha finalmente notato che la sagoma che si vede accostarsi al portoncino di casa NON abbia alcunché sulle spalle. Se è Loris, perché si è tolto lo zaino, dal momento che il filmato del giorno prima lo mostra con lo zaino addosso quando si reca in bottega per prendere il panino? Che senso avrebbe lasciarlo in auto? Ah sì, ecco la risposta: pur recalcitrante sale in macchina e mentre la mamma mette in moto, lui apre la portiera per scendere, la mamma lo può afferrare solo per le bretelle dello zaino, il quale si sfila dalle spalle e il bimbo guadagna la strada di casa. Ma allora, le chiavi chi glieli da? Le ruba lui stesso dal cruscotto?

Secondo punto: l’abbigliamento “elegante” con cui si “è agghindata” Veronica è stato descritto, mi pare ieri, dall’avv.Villardita: ha detto pantaloni e una casacca, sotto il giubbino.
Quindi la “minigonna” vista da TommyS potrebbe essere la camiciona, lunga oltre i fianchi, e così mi appare nel filmato davanti alla ludoteca.
Sugli stivali: ho solo notato che in questa occasione i tacchi erano alti, e mi pareva anche le suole (nel senso che li ho notati 'pesanti'), alle altre immagini non ho fatto troppa attenzione.

Complimenti per le vostre assidue e certosine riflessioni.
Mimosa

TommyS. ha detto...

Mimosa

Non sono proprio riuscito a sentire tutto l'audio della puntata. Ma sei sicura che Villardita si riferisse all'abbigliamento di Veronica indossato per portare i figli a scuola (perlomeno il più piccolo)? Perché aveva comunque intenzione di rassettare la casa e mi sembrerebbe strano che lo abbia fatto (perché lo ha sicuramente fatto dalle testimonianze) già con gli abiti con i quali voleva andare al castello.

Io comunque nel video del market vicino alla ludoteca continuo a vedere jeans (o simili) ed un giubbotto nero attillato e forse un po' sciancrato. Del camicione non mi è parso proprio.

E nelle immagini di lei al ritorno dalla ludoteca (quindi prima di uscire definitivamente da casa secondo gli investigatori) vedo una gonna scura ma il busto è più chiaro (per me marroncino).

Forse sarò un po' classico in fatto di vestiti ma un camicione così mi sembra un po' strano.

Non ho poi capito un'altra cosa. Ma a Veronica secondo gli inquirenti mancavano le chiavi della porta interna o quelle del garage? Perché dal video la macchina si vede entrare subito.

Dudu' ha detto...

Parlavano della chiave del garage,non attaccata al mazzo usato per viaggiare. Anche il marito confermava,le chiavi del garage erano nel mazzo del cruscotto,lo stesso che VP sosteneva esser stato perso mesi prima

Mimosa ha detto...

TommyS
Villardita ha descritto l'abbigliamento "elegante" per recarsi al corso di cucina, ironizzando sul fatto che fosse elegante una mise costituita da pantaloni e "casacca" (lui ha nominato un casacca, che vuol dire camicia lunga oltre i fianchi).

Ciao
Mimosa

Anonimo ha detto...

Per ALEX,
Grazie mille per la tua risposta. CHIEDO SEMPRE SCUSA A TUTTI PER ITALIANO ED ERRORI CHE FACCIO, MA SONO STRANIERA.
Riferivo al punto verbalizzato, che VP ha impiegato 8 minuti per arrivare da casa, uscendo per la terza volta, a Donna Fugata. Il tragitto che copre 18 km di distanza (sempre dalle telecamere riprese ed Allineate, come dicono, ma forse non in tutto).

Anonimo ha detto...

Che lavoro incredibile state facendo! Io mi pongo da sempre un quesito: se Loris è stato nel bagagliaio come mai non c'è traccia? Dove lo ha trovato un sacco in cui sta un bambino? E i cani Molecolari non sono in grado di fiutare se lei è scesa al canalone?! Sicuramente questa ( se ci fosse) sarebbe una prova seria. Tutto il resto anche pensandoci è ripensando e sono 2 mesi che ci arrovelliamo... Non mi sembra ancora serio! Continuano a dire che manca poco per il complice e il complice non c'è che cercano l'amante e l'amante non so trova... Ora mi sembra che sperano e davvero mi sembra la parola giusta.... In un qualche indizio dal traffico internet sul cellulare. E se non si trova nulla che faranno???? Gerta

Anonimo ha detto...

Natasha
non so se sono esatti i 18 km per arrivare a Donna Fugata quello che e' certo e' che non si possono percorrere in 8 minuti.
Alex

Massimo M ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Massimo M ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Alex,
ieri a PaP Villardita "aggrappandosi" ai tempi dalla telecamera (ora non mi ricordo il nome, ma non è aniello ed erg, ma sempre una che si trova in questo strato di strada) e su quale hanno appoggiato le accuse di riesame, dopo tutte le allineamenti fatti, ha detto: "come mai VP, dal riesame, percorre 4 km in 11 min e invece 18 km in 8 min soli)?!
Non so se sono veramente 18 km...ora vado a verificare in google, ma anche se fossero 16 o 15...sarebbe impossibile che poteva percorre questa distanza con un velocità così elevata, anche se fosse 100 km orari, non ti pare?!
Natasha

Massimo M ha detto...

A Mimosa:
gli interrogativi, però, vanno posti nella completezza. Se sostieni che "Se è Loris, perché si è tolto lo zaino, dal momento che il filmato del giorno prima lo mostra con lo zaino addosso quando si reca in bottega per prendere il panino?
significa che per te è rilevante il confronto con il filmato con il giorno prima.
Allora io ti pongo la domanda:
perchè nei due giorni prima la VP passa, come tutti i giorni, su Via Matteotti, lascia Loris davanti al panificio a prendere il panino e in quel giorno non solo non si ferma, ma non ci passa proprio.
Il panino glielo ha preparato a casa? Ma come, prepara il panino o merendina solo a Loris e a Diego glielo compra davanti la ludoteca?

Di ogni situazione, io credo, si devono porre degli interrogativi.

Piuttosto, come mai il giorno precedente Loris ha evidentemente in mano una busta e la VP ha in braccio Diego mentre nel giorno in oggetto i tre camminano separati e Loris non sembra avere nessuna busta in mano?
La VP dichiara che teneva in braccio Diego e aveva detto a Loris di prendere due sacchetti di immondizia ma lui ne prende uno solo. Non è che ha raccontato quello che è successo il giorno precedente?

Loris esce per ultimo.......staccato. Chi lo ha detto che non abbia chiuso egli stesso la porta di casa e che aveva le chiavi?

Anonimo ha detto...

le porte dei condomini sono fornite di molla e si chiudono autonomamente, non serve chiuderle a chiave.

Anonimo ha detto...

Alex,
ieri a PaP Villardita "aggrappandosi" ai tempi dalla telecamera (ora non mi ricordo il nome, ma non è aniello ed erg, ma sempre una che si trova in questo strato di strada) e su quale hanno appoggiato le accuse di riesame, dopo tutte le allineamenti fatti, ha detto: "come mai VP, dal riesame, percorre 4 km in 11 min e invece 18 km in 8 min soli)?!
Non so se sono veramente 18 km...ora vado a verificare in google, ma anche se fossero 16 o 15...sarebbe impossibile che poteva percorre questa distanza con un velocità così elevata, anche se fosse 100 km orari, non ti pare?!
Natasha

Bruno ha detto...

Per Tommy che ha scritto: E di nuovo stranamente nel video che ho visto io vi è una dissolvenza di immagini non giustificata dalla piccola manciata di secondi tra le prime e le seconde. Perché? Era proprio necessaria la dissolvenza? Significherà forse nulla ma a me non è garbata. Rispondo per quanto ne so come operatore video - post montaggio editing: la dissolvenza si usa in molti frangenti, per esempio quanto si vogliono unire due scene diverse (due tracce diverse) o due clips diverse, oppure anche tagliare una traccia, togliere quanto non è utile e quindi riattacare, ovviamente se si riattacca in certe maniere lo stacco è troppo evidente quindi si usa la dissolvenza, diciamo , per addolcire la sequenza, oppure se si vuole cancellare qualche fotogramma che non deve essere visto. Consiera che in ogni secondo ci sono 25 fotogrammi, nel video americano invece sono 30.
Inoltre ci sono tanti altri modi utili per utilizzare la dissolvenza. per lo sfogo di Natascia, gli dico non preoccuparti, (vedi come ho scritto il tuo nome) l'importante è il concetto dell'analisi che ogni uno, grazie a Massimo Prati, esprime in questo blog nella ricerca della verità. saluti a tutti. Bruno

sorianablu ha detto...

Salve! Ma qualcuno di voi sa dove si potrebbe leggere tutta la sentenza del riesame? ... Perchè aver letto quello che ci hanno fornito, cioè le motivazioni, sono rimasta letteralmente allibita, non capisco come una persona sana di mente possa scrivere le simili idiozie, fuorvianti e senza alcuna logica. Se la cosa non fosse così tragica si potrebbe solo ridere, ma quì in carcere c'è una ragazza che deve leggere tutto questo e non riesco ad immaginare come si sente. Ma si può sapere il nome e cognome di quella tizia (giudice?), perchè a me sembra che lei dovrebbe fare la perizia psichiatrica, e credetemi, mi esprimo usando gli eufemismi... Più mi informo e penso di questa vicenda più rimango convinta che Veronica è innocente. Probabilmente quì ci vorrebbe fare le indagini difensive, ma immagino che costano parecchio .....

Mimosa ha detto...


Scusa Massimo M. ti rispondo con un’altra domanda: non è sempre stato detto che Loris si recava ad acquistare il panino nella “chioschetto” nei pressi della scuola ‘dopo’ che la mamma lo lasciava sulla strada? E dove quel giorno non è stato visto?
Secondo te quel panificio sarebbe il “chioschetto”?

Io non ho individuato alcuna data né orario su quei filmati ricostruiti, per cui non vorrei dirlo forte ma potrei sospettare a dei bel fotomontaggi …

Mimosa ha detto...

Anche la gentile Gerta merita un riscontro,
pone 3 domande: “se Loris è stato nel bagagliaio come mai non c'è traccia? Dove lo ha trovato un sacco in cui sta un bambino? E i cani Molecolari non sono in grado di fiutare se lei è scesa al canalone?!”
Posso provare a rispondere io.

- Pare che il bagagliaio era talmente ingombro che non c’era spazio, ma anche se ci fosse stato spazio, quegli oggetti avrebbero potuto conservare tracce epiteliali di Loris perché essi potevano essere stati maneggiati da bambino o anche perché le avrebbe potute trasferire sua mamma. Inoltre, se il corpicino fosse stato messo in un sacco, il corpo non avrebbe potuto generare trasferimenti epiteliali.

- Dove ha trovato il sacco? Beh, un comune sacco nero della spazzatura per grandi rifiuti lo si trova in vendita, sacchi e sacchetti di colori e dimensioni differenti, quanti ne vuoi. Chissà se in casa ce n'erano altri ... Ma tu ti puoi immaginare una mamma che infila la sua creatura in un sacco nero e lo porta in spalla giù per tre piani? inoltre, 25-30 chili sulla schiena farebbero perdere l'equilibrio a chiunque non abituato.

- Cani molecolari non sono stati impiegati, il corpo è stato trovato troppo presto per farli intervenire.

Mimosa

Anonimo ha detto...

Ho visto la trasmissione di PaP (non riesco neanche a scriverlo per intero. Sono rimasta pura fino ad oggi, senza televisione, ma leggendo i vostri post ahimè non ho saputo resistere perché volevo vedere le immagini). A parte che questi talk shaw sono davvero inguardabili (a partire da tutte quelle donne che si rifanno, ossia si omologano. Infinita tristezza, donne senza stima di se stesse... Ad arrivare ad altre come la Bruzzone o come si chiama che con quell'arroganza e sfottenza sarebbe da mettere a lavorare un anno in miniera). Scusate la divagazione... Ma temo proprio che Villardita non faccia un buon lavoro (al di là del fatto che Veronica sia o meno colpevole). Quando sostiene che non vede la macchina girare a sinistra sta mentendo a se stesso. La macchina grigia che segue sterza a destra, non per superarla alla destra, ma perché Veronica rallenta e gira mentre la grigia che va dritta è più veloce e per non prenderla fa una virata e prosegue. La sagoma che rientra, poi, se non esce mai più dal condominio (avranno i video del giorno e i successivi), come fa ad essere "quella di uno zingaretto istruito da qualcuno" che va a fare un furto! Come fa a fare una ipotesi così banale e traballante! Con questi mezzi non ce la farà mai! Che se Veronica è colpevole mi va anche bene (perché deve scontare chi ha commesso una simile crudeltà), ma se lei è innocente incomincerei a pregare tutti gli dei dell'Olimpo.
Concordo con Massimo P. che si stanno facendo uscire notizie che non dovrebbero uscire. Tutto per amore dello scoop! Anche se poi sono notizie frammentarie, spesso immagini che si danno in pasto al pubblico per soddisfare la morbosa curiosità e che magari non c'entrano più di tanto. Comunque anche Villardita fa il suo e non fa che apparire in tutte le trasmissioni. Non è così che si vince una causa! L'unico che si tiene in disparte, e per questo lo ammiro notevolmente, è Davide Stival. Vive il suo lutto in silenzio e non va in piazza a sbraitare le sue ragioni.
A.

Dudu' ha detto...

Infatti,giusto ricordare il chioschetto. Poi,non sempre vogliono la stessa merenda,chi può testimoniare ? Magari aveva chiesto qualcosa di dolce.. sta scritto che tutti i giorni facevano la medesima cosa?grazie
...gia' il fatto che si servivano di più punti per comprare la merenda non è possibile trarre conclusioni.
TommyS,
cortesemente puoi postare il link dei video su cui si sta argomentando? Grazie Dudù

Dudu' ha detto...

Certo che sto marito non la racconta giusta...due famiglie che la mollano ...ma era una mamma speciale...e si comporta come fossero solo suoi i figli.In una famiglia le colpe non sono mai da una parte sola....perché la casa è in vendita,perché nessuno se lo chiede lì.Avevano debiti?
Faceva il camionista,cosa trasportava?
Lui non c'era,tutto apposto.
E fa mettere in galera la madre dei figli. Ma come ? Non era una madre speciale?
Sul "Giornale" del 5Febbraio riportano che ha portato la cintura preferita di Lorys e una forbici tagliafili da elettricista ai carabinieri,la cintura l'ha trovata riposta al suo posto e la forbici nei pressi della cucina.Il 29 Gennaio sulle stesse è stato fatto esame irripetibile,sia la stessa forbici con cui avevano attaccato il peluche al letto?
Non ho parole.
Buona Giornata Dudù

Dudu' ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Massimo M ha detto...

A Mimosa
Scusa Massimo M. ti rispondo con un’altra domanda: non è sempre stato detto che Loris si recava ad acquistare il panino nella “chioschetto” nei pressi della scuola ‘dopo’ che la mamma lo lasciava sulla strada? E dove quel giorno non è stato visto?
Secondo te quel panificio sarebbe il “chioschetto”?


Però ti contesto (in senso buono e costruttivo, si intende). Non te la puoi cavare con un "non è sempre stato detto". Che tipo di valenza può avere un "non è sempre stato detto". Detto da chi? Quando?
Vuoi mettere a confronto un "non è sempre stato detto" (da chi? quando?) con un video che riprende Loris entrare nel panificio Sacro Cuore di Via Matteotti? Questo video è importante non tanto per il panino ma per il tragitto. Anche 2 giorni prima passa di lì, non mi risulta che in quel giorno si fermi, ma ci passa. Questo significa che il panino alle volte lo poteva comprare lì, alle volte al chioschetto, alle volte glielo preparava la Mamma. Ma, panino o non panino, di lì ci passa.
Io onestamente non capisco perchè si vadano a prendere in esame elementi secondari ed interpretativi (tipo mini gonna o non minigonna) e non ci si soffermi sull'analisi di dati certi, reali, di rilevanza assoluta. Qui il problema non sono le riprese Video in quanto tali............ma sono le dichiarazioni stesse della VP che insiste senza minimo ripensamento e con decisione a sostenere che è passata 2 volte sul semaforo di via Roma e su Via Matteotti. Non ci è passata. Ciò non è interpretabile E' PROVATO! C'è la PROVA inconfutabile che la POLO della VP non passa su Via Matteotti e passa una sola volta al semaforo di Via ROMA. Per aver accompagnato Loris, per FORZA di cosa deve essere passata altrove. Ma lei non si sposta, è passata di lì punto e basta. Questo è un dato incontrovertibile: la VP non dice la verità. Non significa elemento di colpevolezza, ma INDIZIO univoco, preciso proprio perchè lei non fornisce alternative.
prima si discuteva su dei Fotogrammi sgranati, ma ora ci sono i video. Se lì non ci passa non ci passa.
Comunque vorrei porre alla tua attenzione questo studio che ho provato a fare. Ne abbiamo già parlato io e te, io avevo un'idea tu non la sposavi. Ora però ho i numeri e il risultato non è più un'idea ma una interpretazione di logicità, verosimilità e dinamica.
Cosa ne pensi?
https://imageshack.com/i/idpN0oYij

Phumzeli Puma ha detto...

So la fatta si o no ????

Massimo M ha detto...

A Tommy
Perdonami.............ma mi erano sfuggiti tutti gli ultimi tuoi post. Sei sempre perspicace e di una estrema acutezza. Apprezzo molto, anche se non sono sempre d'accordo con te.
Io ho rivisto almeno una 20ina di volte il video davanti al market zona ludoteca. Onestamente io questi stivali lunghi fino a sotto il ginocchio non li vedo proprio. C'è un punto, quando lei esce dall'auto, che potrebbe ingannare (a mio avviso) e sembrerebbero degli stivali............ma poi quando entra nel market, quando esce e corre dietro a Diego e soprattutto quando la si rivede tornare da sola (l'auto è parcheggiata nello stesso punto e c'è sempre la macchina rossa parcheggiata davanti) appare molto evidente che indossi delle scarpe tipo clark scure su jeans stretto. Indossa un specie di piumino che ha una lunghezza fino all'altezza dei glutei, le gambe sono scoperte al giubbino dai glutei in giù. Il giubbino è leggermente a campana nella parte bassa, mentre cammina, infatti, sventola.
Nel video quando invece rientra.......(piuttosto ho controllato le due telecamere, per me sincronizzazione perfetta nei movimenti delle macchine. Nello spiazzo c'era una macchina parcheggiata che gli ostruiva di entrare col culo in garage........l'hai letta spero la mia ricostruzione delle manovre che ha fatto).........le scarpe sono sempre basse, il giubbotto a me pare lo stesso ma dalle immagini, effettivamente, sembrerebbe portare dei tipo UGG...............ma le immagini qui sono molto sgranate e potrebbe essere anche una distorsione ottica dovuta all'ingrandimento dei fotogrammi del video. Mi spiego. La VP è molto magra di gambe ma ha un bel numero di piede (lo si vede nel video del market).
Sicuramente il video di quando escono le 3 sagome e una rientra e il video di quando la VP rientra in garage e a piedi rientra verso il portone è dello stesso giorno perchè ci sono le stesse macchine parcheggiate (il giorno prima non c'è quella grigia lunga dietro al furgone bianco).
Però si Tommy, hai fatto un ottimo lavoro. Dai video che abbiamo a disposizione, pur contestandoti gli stivali nel video del market (per me non sono stivali ma tipo clark su jeans stretti) da un punto di vista visivo le scarpe sembrerebbero comunque diverse. E' un peccato che non ci abbiamo mostrato le immagini senza ingrandimento (sgranate) perchè credo che chiarirebbero molto il punto..............il dubbio che ho è che se fai dei fermo immagine, le gambe quasi non si vedono e siccome la VP ha sicuramente un bel piede su gambe magre............non vorrei che ci fosse una distorsione ottica dovuta alle scarpe in movimento. Ma ripeto, da quello che abbiamo il tuo dubbio è centrato in pieno.

TommyS. ha detto...

Massimo M

E' molto difficile verificare a PC se la Panarello indossasse degli stivali al ginocchio fascianti su jeans blu di a loro volta di tipo stretch od invece delle scarpe, sempre scure, ma basse. Io continuo a vedere degli stivali e devo dire che avendo visto il filmato in TV, e quindi ad una definizione migliore (già il fatto che le immagini televisive siano di tipo interlacciato mentre il video di RAI Replay non lo sia garantisce una migliore qualità di dettagli), la mia netta sensazione era stata proprio quella.

Come sempre in televisione la sensazione che l'abbigliamento dell'"altra" donna fosse decisamente differente è stata netta.

Ma di quelle immagini ho fatto dei fermi che ho migliorato con un programma di fotoritocco. Ed il contrasto tra calzatura, decisamente bassa, e pantaloni (ma per me potrebbero essere anche calze sotto una gonna nera corta) è netto mentre con i vestiti della Panarello non sarebbe stato così.
Come anche il contrasto con il probabile giubbotto è sua volta netto essendo quest'ultimo più chiaro, mentre avrebbe dovuto essere più scuro, e di tonalità tendente al marrone.

Vedi, in un orario prossimo a quello dell'uscita di casa della Panarello con i figli (orario che a differenza di te io ritengo ancora tutto da accertare), da quel condominio escono di sicuro la ragazza albanese di 17 anni (i genitori andavano a lavorare a Ragusa alle 6.30 e quindi era la figlia maggiore ad occuparsi dei fratellini) con il compagno di Loris (che una testimone, una certa Giuseppa, definisce più alto e robusto di Loris) ed un altro fratellino, che onestamente sino ad adesso non sono riuscito ad appurare se più piccolo o più grande.

La ragazza accompagna il fratello a scuola alle 8.30 e lo vede entrare. Di cosa faccia dopo, essendo sabato non sono sicuro sia andata a scuola anche lei, non sappiamo nulla.

E se allora fosse anche lei tornata in via Garibaldi 82 e fosse lei la donna inquadrata dalla telecamera di cui stiamo parlando?

Ciao e grazie per i complimenti.

Dudu' ha detto...

Da santacroceweb:

#Apparterrebbe alla mamma di un compagnetto di classe di Loris, che sarebbe entrata in contatto con Veronica il 29 novembre, giorno della morte del figlio di 8 anni. Esattamente al suono della campanella, quando Veronica, recatasi a scuola, non ha trovato il bambino: “Ho come un presentimento. Mi sento che Loris a scuola non c’è” ha riferito la Panarello all’amica. Che, da par suo, ha testimoniato nei giorni scorsi. Come intendere questo “presentimento”? #

La mattina Loris non vuole andare a scuola,i giorni precedenti faceva capricci per andarci. Il presentimento di "una madre" non può essere reale?

Poi
# Nuovi particolari emergono sul fronte social network: la stessa Veronica avrebbe disattivato il suo profilo Facebook il 28 novembre, alla vigilia della scomparsa del figlio Loris, ma lo avrebbe riattivato l’1 dicembre, due giorni dopo la tragedia. "#

Siamo sicuri non ci siano errori?
Non potrebbe essere successo il 29/30 ?È certissimo questo dato? Conoscendo lo sciacallaggio che viene fatto nei sociale network, non potrebbe essere che han cercato di tutelare la loro privaty?
Non è che domani cambiano data da 28 a 29?

Per TommyS

http://www.santacroceweb.com/giornale1/index.php/2015/02/05/loris-e-veronica-gli-spostamenti-di-quel-sabato-mattina-fotogallery/
ciao Dudù

TommyS. ha detto...

Dudù

SantaCroceWeb ha fatto in pratica gli stessi fermo immagine che ho fatto io partendo dal video di PaP.

Nell'immagine della telecamera del market potrebbe avere sia stivali sia scarpe basse sempre scure.

E' vedendolo in televisione che secondo me risulta più evidente che indossasse degli stivali.

L'ultima immagine in basso, presa da RAI Replay risulta molto poco chiara anche se ho analizzato lo stesso frame ed a me le scarpe paiono differenti, ma in televisione l'impressione era decisamente più chiara e nitida e quella donna era vestita in modo totalmente differente.

Dudu' ha detto...

Ho notato anch'io,difficile con i mezzi che abbiamo(almeno per me) essere sicuri. Dalla seconda telecamera,rif all'articolo che stiamo argomentando,non è stata inquadrata mentre esce dalla prossimità garage per salire all'ingrasso principale che in ogni caso avrebbe immagini ancora minori per qualità,troppo lontana.

magica ha detto...

dudu' al suono della campanella quel 29 oltre alla mamma del compagno c'erano altre mamme che hanno detto diversamente . la V. era tranquilla fino a che non vide che loris non c'era a scuola e dopo aver parlato con la maestra , fate voi... io ho sentito cosi' poi se vi piace sentire solo una campana , avete la facolta' .

Dudu' ha detto...

Sì Magica,ben presente.Analizzavo solo il dato"presentimento" di cui se ne fa una colpa,e di come se ne interpreta il significato,ne abbiamo tutti ma per lei risulta essere SINONIMO di colpevolezza. GrazieMagica, Dudu'

Dudu' ha detto...

Convengo con Te Magica,senza dubbio alcuno.

Vanna ha detto...

Buongiorno a tutti!

Rileggere tutti le vostre riflessioni è illuminante.
Ieri in tv ho visto Villardita e devo dire che sono rimasta sorpresa per la passione che mette nel difendere V.

Gli avvocati degli ultimi casi non brillavano di tenacia, precisione e difesa vera, anzi.


Villardita e l'avv. della mamma di Denise, sono un'eccezione perché trasmettono ricerca di verità.

Villardita inoltre era addolorato per quello che si è costruito intorno a VP che, ricordiamolo bene, era ed è una donna sola, carina, disinvolta, libera di muoversi e che NESSUNO avrebbe potuto difendere, neanche il marito che mi sembra uno sperduto nel mondo sottopeso anche lui.

Era il bocconcino giusto da pilotare per ritrovarsi colpevole di una cosa così assurdamente allucinante.

Anche in questa storia la FAMIGLIA è dilaniata:
un bambino sacrificato,
una madre in croce,
un bambino piccolo che perde madre e fratello,
un marito che perde moglie e figlio che sta in un gioco più grande, del quale conosce solo il lavoro di trasporto.
Trasporto di che giù e su lungo lo stivale, STIVAL infatti si chiama.
Chi sono gli STIVAL?
Chi è FIDONE?
Cosa si nasconde nel MULINO VECCHIO?

Strano tutto!

Vedendo ieri sera le immagini delle macchine che andavano e venivano, ho trovato spesso macchine nere, scure grandi avanti o dietro quella della Panarelli, anche nei giorni precedenti.
Ho visto male, oppure è un normale traffico?