mercoledì 25 giugno 2014

La nazionale di calcio è lo specchio del Paese ed è stata eliminata dai mondiali... quindi?

Matteo Renzi non crede all'eliminazione...
La nazionale italiana è lo specchio di una Italia senza idee e senza carattere, un paese che non sa più lottare e che ormai ripete gli stessi stereotipi tattici, le medesime meline inconcludenti e che pensa di riuscire a sopravvivere e andare avanti con espedienti e moduli di gioco che dietro all’apparenza del rinnovamento costituiscono tutti i cliché e le pochezze che ci hanno portato fin qui. I calciatori non possono che respirare, così come il resto di tutta la società in tutte le sue manifestazioni e i suoi protagonisti, questo clima del Paese per il quale si vive di promesse e di speranze affidandoci più che altro all’improvvisazione, con imbonitori che da tanto tempo ce la cantano e ce la suonano.

L’eliminazione della Nazionale italiana non è un fatto inaspettato o casuale nel contesto di un paese che crede di poter uscir fuori da una crisi che non è tattica, di modulo, di formazione, ma che è il risultato di una mentalità e di una filosofia fallimentari che ormai fanno parte integrante, geneticamente, dello spirito di un popolo nell’ultimo ventennio. La debacle della spedizione azzurra costituisce un evento in linea coerente con quanto il paese è diventato, ne è la più puntuale e precisa sponsorizzazione, rappresenta simbolicamente tutta intera l’illusione con la quale il popolo italiano continua ad offrire fiducia a schemi di gioco fumosi e senza idee. Una nazionale di calcio non è solo i suoi giocatori e il suo allenatore, è fatta di tutto quello che fermenta in una cultura e in una economia. Essa rappresenta le passioni con le quali l’animo di un popolo cerca, anche attraverso l’entusiasmo e il tifo, di offrire un pungolo ai suoi sogni, di materializzare tutte le sue energie creative identificandosi con una squadra che non è solo di giocatori, ma è anche e soprattutto di idee, proiezione di tutto quello che vorremmo realizzare nel nostro futuro. 

In un certo senso gli attori sul campo hanno impresso del loro paese la mancanza di carattere e di forza (ormai solo un ricordo) che si manifesta in un’anima rassegnata e sconfitta. Guardando la nostra Nazionale sul campo, viene immediata l’immagine di un gruppo alla deriva, senza coraggio e senza convinzione che annaspa, proprio come tutto il paese, nell’eterno dilemma "essere o non essere", "attaccare o difendersi", "rischiare o fare catenaccio", "tentare un’altra strada o sperare ancora nei soliti incantesimi e giochi di prestigio?". La squadra di calcio, come quella di governo, non è un risultato casuale, è lo specchio di quello che siamo diventati inseguendo le chimere di chi ci ha sistematicamente ingannato e continua a farlo. No, non basta l’entusiasmo dei supporters per dare concretezza di gioco alla squadra, non basta la fede cieca e disinformata perché la fiducia si trasformi in un progetto. 

I tifosi (non si sta più parlando della Nazionale) sembrano credere ciecamente a quanto si continua a fare, alzano le bandiere, si dipingono il viso, si accalorano per poco o niente (gli ottanta denari), danno ancora fiducia a una squadra che è soltanto un collettivo di dilettanti con un allenatore che rappresenta l’inconsistenza, il vuoto e pernicioso attivismo, di una guida (e di una filosofia politica) che rischia di portare il Bel Paese a una sconfitta ben più drammatica e rovinosa.








Leggi gli altri articoli e i Saggi di Gilberto Migliorini
A proposito del DNA di Massimo Bossetti. Chi cerca trova...
Yara Gambirasio. Il caso Bossetti e le prove immaginarie...
I partiti politici sono consorterie col vizio privato della pubblica tangente...
Vieni al cinema Italia insieme a me, c’è l’attore che piace a te…
La nuova destra italiana? Il Pd e il mancinismo corretto...
Vi spiego perché i cacciatori di farfalle (di elettori) ci considerino cavie da inserire...
I nuovi politici hanno toccato le corde della suggestione e incantato l'italiano...
Post elezioni... chi ha sbagliato cosa?
Elezioni europee 2014. Siamo passati dal Berlusca al Berluschino...
Caso Scazzi. La pubblica opinione è la "Cavia" di chi ha il potere
La generazione del XXI° secolo - esseri con poche idee che vivono fra un incerto futuro...
Paura di cambiare e retorica del mutamento: la difesa di una fortezza (quasi) vuota...
Il Rottamaio rottamato? Tanto va la gatta al lardo...
Senza dignità l'italiano si accuccia e invece di chiedere lavoro accetta l'elemosina...
S'i’ fosse foco... (a 'la demagogia de li politici mi c'appiccherei)
I nostri nuovi politici ci regalano bei sogni e presto ci sveglieremo nel campo dei miracoli
Il Gatto e la Volpe della nostra politica credono nella induttività...
I nostri nuovi politici rottamano la Repubblica e rispolverano la "Carte octroyée"...
Lettera al caro signor rottamatore che dice di rischiare l'osso del collo, suo o degli italiani?
La nuova politica dei demolitori specializzati a rigirar frittate...
Lettera ai pinocchi italiani che ancora credono ai politicanti millantatori
Spending review: ovvero la miopia del ragioniere e gli interessi occulti
L'affaire Ucraina e la crisi del modello americano
Pinocchio Gran Ciambellano del tavolo Rotondo (Discorso ai Borogavi) - Seconda puntata
L'Italia dell'armata Brancaleone affonda e l'orchestra suona il solito ritornello...
Pinocchio Gran Ciambellano del Tavolo Rotondo (Pinocchio in Parlamento)
Politica italiana = furbizia e trasformismo.
Effetto Pigmalione e ‘nuovo’ Governo: novanta giorni è il massimo di vita a cui può...
Il festival di Sanremo? La ninna nanna del pinocchietto italiano che vive...
Italia ultimo atto... prima del "de profundis"
Il grande inganno: Il Mondo è una macchina senza chiavi che solo in apparenza...
C’era una volta il bel paese…
Un radioso futuro per l'umanità? Difficile se la scienza e la tecnologia...
Adolescenza - Sognare la Vita ad occhi aperti
L'Italia cambia verso: ora agli italiani piacciono i boy scout...
La politica italiana: una situation comedy tra fiction, reality e soap opera...
L'italiano? Uno zombi che si aggira nel supermercato di una classe dirigente in svendita
Dal Don Rodrigo del Manzoni ai tanti Don Rodrigo della nostra politica
Ho fatto un sogno: il re era nudo e il mondo diverso
Effetto farfalla, ovvero il Politico come specialista del niente
Quel fluido mortale: TV e web
Transumanesimo e social network
Il Blog, ovvero uno psicoanalista virtuale...
Lo scenario nazionale come caricatura e metafora del futuro globale
Retoriche del consenso: Pinocchio... Pinocchio...
Il finto oppositore
L'utopia tecnologica tra fiducia nel futuro e catastrofismo...
L'attualità nella Storia della Colonna Infame - del Manzoni. Il passato non ha tempo...
Siamo link e ipertesti che si aggirano in un labirinto senza uscita...
2013 - Quale futuro?
Cold Case. Morfologia dell'assassino
Effetto Cold Case – Al di là dell'evidenza... noi, trattati come cavie...

Caso Scazzi – Bugie o false memorie?
Sarah Scazzi. Guardando oltre il giardino (e se Michele Misseri soffrisse di PTSD)
Caso Scazzi... ovvero: la commedia degli equivoci
Caso Scazzi: un'ipotesi basata sui potenziali falsificatori
Caso Scazzi. La vita è sogno...
Caso Scazzi – Logica e suggestione – Il tacchino di Russell
Caso Scazzi. Il sistema paese affetto da sindrome post traumatica?
Caso Scazzi. Un esperimento mentale
Caso Scazzi – Dialogo Socratico e Sarchiapone
Caso Scazzi - Il gatto di Schrödinger ed altri paradossi...
Caso Scazzi - Chi ha ucciso Sarah?
Caso Scazzi - Un nuovo format: dissoluzione dello spazio scenico. Mnemotecnica e...

8 commenti:

filippo ha detto...

condivido

maria rosanna ternullo ha detto...

Innanzitutto ti ringrazio per l'attenzione prestatami e per le belle parole che mi hai dedicato. Mi sento onorato di avere colloquiato con una persona che usa il cervello e non i luoghi comuni e, credimi, non è facile al giorno d'oggi. Nel mio piccolo, ti assicuro che nel mio mestiere ho cercato di seguire proprio i tuoi metodi, ma ho dovuto scalare una montagna e non solo con la becera magistratura ma purtroppo con l'intero sistema. Adesso, ho appena compiuto sessant'anni, faccio un bilancio della mia vita (mi sono dimesso dal servizio) e non riesco ancora a capire se il mio cocciuto operato sia servito a qualcosa. Quando cerchi di fare pulizia, spesso muovi un meccanismo che ti si ritorce contro, lotti ma poi ti accorgi che dopo tutto ritorna come prima. E allora? Valeva la pena far fare tanti sacrifici alla propria famiglia (ho moglie e tre splendidi figli), valeva la pena fare dieci traslochi, valeva la pena mettersi sempre dalla parte del più debole per poi essere arrestato in quanto risultava illogico avere tanti incarichi, senza guadagnarci qualcosa? (sic). Per tornare alle cose futili sono d'accordo sul tuo articolo, ma immagino che, in caso di pareggio, tutti sarebbero saliti sul carro dei vincitori, definendo eroica la resistenza in dieci uomini. Ma come insegna Woody Allen (match point), una pallina che supera la rete prendendo il nastro può determinare a volte il destino umano! Un forte abbraccio, domenico

PINO ha detto...

@ GILBERTO

Non sono portato a facili entusiasmi. E poche volte ho commentato i tuoi articoli, di ottimo livello letterario ma, spesso, molto polemici.
Beh, questo tuo ultimo scritto descrive, con evidente onestà intellettuale, lo stato di prostrazione generale, in cui il popolo italiano (non già quello "italiota") è stato trascinato, suo malgrado da 50 anni di politica impostata al pressappochismo e ad interessi alieni a quelli dello Stato.
Saluti cordiali, Pino

Gilberto ha detto...

Grazie Pino
In ogni caso qualche volta polemizzare serve se non altro per smuovere le coscienze.
Ciao
Gilberto

Anonimo ha detto...

Ciao Massimo. Ti seguo spesso e condivido molto di quello che scrivi. Questo articolo per niente. Cadi secondo me nel classico difetto di generalizzazione che non serve al nostro paese, meno che mai adesso. I problemi (e le partite :-)vanno affrontati nel merito come fai benissimo nei casi di cronaca. Saluti Stefano

emax/massimo prati ha detto...

Stefano, grazie per i complimenti sugli altri articoli. Per quanto riguarda questo in particolare, se leggi in alto c'è scritto articolo di Gilberto Migliorini. Quindi non è un mio articolo e le tue critiche le passo a Gilberto...

Ciao, Massimo

Gilberto ha detto...

A Stefano
Sì, essendo un mio articolo non c’è contraddizione, probabilmente non condividi mai quello che scrivo per cui il problema della coerenza non si pone, sono in perfetta linea di continuità. Comunque la nazionale di calcio a differenza di una normale squadra di campionato non è solo espressione tecnica, è anche passione e identità, in grado dunque di mobilitare energie, forza d’animo e tenacia. La passione sportiva dove c’è idealità e senso di appartenenza a una nazione o a una etnia mobilita nei giocatori un surplus di volontà di lottare, una capacità di soffrire superiore a quella del mercenario in una squadra di campionato. Un paese nelle sue manifestazioni è molto più unitario e interconnesso di quanto ad uno sguardo superficiale si possa ritenere…

Anonimo ha detto...

Ehm, scusate...giro il commento a Gilberto, che ringrazio per la risposta

Saluti Stefano