martedì 14 ottobre 2014

Massimo Bossetti: per la pubblica opinione è colpevole a prescindere. Colpa delle favole mediatiche, delle (in)verosomiglianze, dei sillogismi induttivi e dell'effetto pigmalione...

Di Gilberto Migliorini


Nella favola di Barbablù, quella trascritta da Perrault, c’è quel senso dell’orrore e del sangue che fa parte delle fantasie ancestrali, dei retroscena torbidi, degli incubi inconfessati della nostra infanzia e che nella storia del sanguinario marito si materializzano in forma narrativa, affiorano nel conflitto tra es e super-ego, un po’ come per l’auriga platonico che deve governare due cavalli antagonisti. Le favole consentono ai bambini, ma anche agli adulti, di attingere al materiale profondo dell’inconscio con tutti i suoi fantasmi e di riappropriarsi in forma metaforica degli aspetti in conflitto. I meccanismi proiettivi sono quelli di un transfert carico di significati simbolici: come le macchie di sangue sulla piccola chiave che Barbablù aveva proibito di usare alla consorte. È l’occasione per dare sfogo a quelle fantasie a lungo represse, rievocare traumi infantili, materiale subliminale e contenuti rimossi in una proiezione fantasmatica con carattere liberatorio. La sublimazione comporta una proiezione e un investimento su un oggetto che rappresenta la nostra parte negativa, una controfigura da guardare senza timore. Il nostro inconscio necessita di un alter-ego, altrimenti verremmo impietriti dal volto di Medusa.

Il caso Bossetti ha tutti gli ingredienti per dare un volto a quell'inconscio infantile e per rappresentare un oggetto sul quale poter proiettare le nostre fantasie. Intanto c’è il tema del sangue e della vittima innocente, non solo la povera Yara e la sua famiglia che attendono giustizia, ma anche la nostra infanzia perduta che vuole finalmente riparazione. Poi c'è il Dna, che evoca la sostanza nefasta che nella morfologia della favola simboleggia un delitto (talvolta un patto o un incantesimo). Nell'immaginario collettivo ormai il Dna ha assunto una valenza simbolica che ricorda le sostanze venefiche delle streghe, gli unguenti degli untori e i sortilegi dei maghi, attraverso la mediazione del touch untuoso e malefico che svela la natura perversa del colpevole. Al Dna l’opinione pubblica attribuisce un valore indiscutibile di prova, non si tratta soltanto di un reperto biologico che di per sé, al di fuori di un preciso sistema di indizi, non significa ancora nulla di preciso. Si tratta di un fluido magico, di una malia che la strumentazione scientifica rileva infallibilmente come l’impronta del carnefice, del pedofilo e del violentatore. È il tema dell’orco e della strega che lasciano una firma indelebile e il loro marchio efferato. 

L’intreccio del sangue, (o comunque di una sostanza biologica) con quello di una sua attribuzione, viene vissuto in una dimensione fantasmatica, mobilitando angosce e paure che possono avere un effetto deformante, prefigurando aspettative e amplificando anche fatti per lo più insignificanti. Si costruiscono collegamenti e teoremi in forza di un immaginario che si nutre di quei contenuti inconsci con i loro nessi simbolici.

Può accadere che un innocente venga trasformato in un mostro, in un orco sotto l’azione delle fantasie e della grancassa mediatica che ne amplifica la forza e ne deforma il senso? Può accadere che fatti insignificanti acquistino la valenza di indizio, che le cose altrimenti normali assumano una luce sinistra, che perfino la quotidianità sia considerata rivelatrice di oscuri retroscena?

Nel caso Bossetti c’è un solo elemento a suo sfavore per quanto ci è dato sapere, il Dna. In quelle condizioni (all'aperto sotto le intemperie) avrebbe potuto ‘sopravvivere’ più di pochi giorni? Esiste il dubbio che si tratti di sostanza degradata (un po’ lo dicono anche i Ris?)? Oppure potrebbe essere un deposito biologico non coevo al delitto? Una contaminazione? Tutto il resto, un sistema indiziario evanescente, ha il peso delle illazioni rispetto a una persona che vive e lavora in quel circondario, di celle telefoniche che si intrecciano nell'etere tra casa e lavoro, tra luoghi distanti a un tiro di schioppo, di furgonati che transitano attorno al centro nevralgico di un comprensorio dove tanti lavoratori si muovono giornalmente, lungo le arterie principali e dove esistono servizi e attività economiche (come a Brembate attaccato al paese di Mapello).

Facile imbastire nessi che all'apparenza sembrano possedere il peso di un indizio ma che da una analisi più attenta si rivelano circostanze che possono trovare spiegazioni del tutto naturali (comperare figurine, fare lampade solari, mangiare in trattoria, navigare in internet, andare dal fratello e dal commercialista, comprare sabbia e attrezzi professionali… ecc. ecc., e dove perfino i silenzi del telefonino, la discrezione e la riservatezza, eventuali e fisiologici litigi di coppia, divengono elementi sospetti, indizi di anomalie comportamentali). 

Si parla del furgone di Bossetti (transitato un’ora prima? E non è detto che sia il suo…) quando neppure si sa se la povera Yara è stata sequestrata su un furgone scoperto, su un cabinato, su un furgone chiuso, su un’auto, su una moto. Si parla di coltelli (cutter professionali, semplici oggetti di consumo per un carpentiere), senza sapere quale arma abbia prodotto le ferite. Si disquisisce di problemi di coppia sulla base di illazioni riguardo a cellulari che non registrano sms e telefonate tra coniugi che vivono sotto lo stesso tetto (e nel caso, per quanti giorni esatti la moglie debba dichiarare di non averlo fatto quando ha partorito e se magari qualche volta è accaduto che il marito dormisse dalla suocera). In quanti milioni di coppie esistono fatti che denotano solo la normale vita coniugale con i suoi eventuali alti e bassi, solo circostanze dovute a fatti contingenti e di forza maggiore? 

In un continuo stillicidio giornaliero i media costruiscono indizi improbabili e capziosi, formulano collegamenti tra i fatti usando la premessa di colpevolezza del Bossetti, cosa tutta da dimostrare, che consente di interpretare qualunque evento banale, irrilevante, accidentale e inconsistente, come corollario di un teorema. La vita privata viene scandagliata alla ricerca di un qualsiasi accidente, di una qualsivoglia quisquiglia da embricare come le tegole di un tetto in un fantasioso, suggestivo e arbitrario, collage criminologico. Una fallacia composizionis per la quale qualunque cosa Bossetti abbia fatto e detto gli si ritorce contro e lo incastra a viva forza nel delitto. Senza il preconcetto di colpevolezza, in base a quei nanogrammi di sostanza biologica (ancora da ‘pesare’ in un contraddittorio), una serie di circostanze sarebbero solo fatti insignificanti e stupide banalità giornaliere, cose senza rilievo e spessore. 

Per la procura Bossetti non parla del delitto dopo la scomparsa di Yara, e questo è la dimostrazione di un suo coinvolgimento. Scusate, ma se invece ne avesse parlato? Cosa avrebbero scritto i procuratori, che il suo interessarsi al caso era sinonimo di innocenza? Ma non c'è solo questo, perché anche se qualcuno dice di averlo visto al cimitero c'è chi parla di un grave indizio. E se l’avessero visto a far spesa al nuovo centro commerciale? In poche parole, se capovolgessimo tutti i segni più in segni meno il teorema non perderebbe comunque di credibilità agli occhi dei colpevolisti senza se e senza ma che continuerebbero a trovare riscontri, assiomi, postulati, corollari, lemmi; dimostrazioni costruttive, per assurdo, per induzione. Sillogismi sempre validi perché qualunque fatto alla luce di un indizio ancora da valutare in sede di contraddittorio (il Dna), risulta sempre a conferma. Se domani si venisse a sapere, per dire, che Bossetti una settimana prima del delitto ha mangiato lumache, qualcuno azzarderà che le ha raccolte proprio nel campo di Chignolo dove era andato in avanscoperta prima del delitto? Uno stillicidio di supposizioni criminologiche surreali e inverosimili che ricordano certi quadri di Magritte o di Salvator Dalì, un trompe l’oeil con uno spiccato illusionismo onirico. 

Come il famoso quadro dove le scarpe si tramutano nelle dita di un piede, nel nostro caso attrezzi da lavoro si trasformano in arma del delitto e diventano indizi i telefonini silenziosi che parlano della vita di coppia, i furgonati scoperti che trasportano metri cubi di sabbia, di certo per occultare cadaveri, e chi più ne ha ne metta. Una metamorfosi della realtà in rappresentazione, una mantica con accostamenti suggestivi per i quali si può configurare ed accostare qualunque cosa ad arbitrio.

Il Manzoni ha scritto un’opera (“La storia della Colonna infame”) che parla proprio di una situazione in cui la normalità in forza del sospetto e dello stress collettivo, la peste a Milano nel 1630, viene interpretata come ricerca di un capro espiatorio (si tratta del processo a Gian Giacomo Mora e Guglielmo Piazza). Pietro Verri lo aveva anticipato in quelle "Osservazioni sulla tortura", opera che aveva per oggetto appunto il processo agli untori, cioè coloro che la fantasia popolare e il pregiudizio, nato dalla suggestione collettiva, si riteneva propagassero la peste e altre pestilenze mediante unzioni.

Anche l’Italia di oggi è un paese sotto stress, un paese in una crisi che dura da troppo tempo e della quale non si riesce a vedere il fondo. Ed è proprio in situazioni di stress collettivo che affiorano i vissuti traumatici e si cerca di scaricare le tensioni con dei meccanismi di compensazione. Nei momenti di sconforto e di difficoltà l’idea di trovare un colpevole ci riconcilia, almeno in parte, con le quotidiane ingiustizie che dobbiamo subire. L’incipit del testo manzoniano ci porta in quella dimensione dove l’indizio è circonfuso di interpretazione e di sospetto nella situazione della peste portata dai lanzichenecchi:

La mattina del 21 di giugno 1630, verso le quattro e mezzo, una donnicciola chiamata Caterina Rosa, trovandosi, per disgrazia, a una finestra d'un cavalcavia (…) vide venire un uomo con una cappa nera, e il cappello sugli occhi, e una carta in mano, sopra la quale, dice costei nella sua deposizione, metteua su le mani, che pareua che scrivesse. Le diede nell'occhio che, entrando nella strada, si fece appresso alla muraglia delle case, che è subito dopo voltato il cantone, e che a luogo a luogo tiraua con le mani dietro al muro. All'hora, soggiunge, mi viene in pensiero se a caso fosse un poco uno de quelli che, a' giorni passati, andauano ongendo le muraglie. (Alessandro Manzoni, Storia della Colonna Infame - capitolo I)

Qui abbiamo uno degli elementi che generalmente vengono chiamati indiziari. Di fatto, in un contesto particolare, eventi che altrimenti potrebbero risultare insignificanti suscitano il sospetto, diventano elementi di rilievo. L’azione di andar rasente a un muro e di scrivere su un pezzo di carta innesca una serie di illazioni che portano rapidamente a immaginare scenari criminosi. Qualsiasi azione, anche la più innocente, è suscettibile di una interpretazione sospetta, per non dire di prova di un delitto, quando il contesto la rende in qualche modo integrabile in una conclusione a cui si è giunti preventivamente. La convinzione di colpevolezza farà alla fine precipitare una serie di fatti irrilevanti come una cascata di elementi di prova alla luce di un teorema. L’elemento suggestivo in un contesto di stress (la peste) dove il testimone è anche parte lesa e dove l’influenza collettiva (le voci che corrono) rappresenta la pressione sociale sull'individuo.

La percezione di qualcosa è sempre pregna di interpretazioni. Gli stessi organi di senso sono impregnati di ‘teoria’, non siamo recettori passivi. Semmai è proprio la neutralità un processo di decantazione per il quale si riduce un fatto ai suoi elementi essenziali svincolati da qualsivoglia tentativo di darne un significato che ne travalica il senso. Non solo dissonanze cognitive per le quali, ad esempio, un testimone finisce per integrare i fatti all'interno di un contesto conoscitivo ed affettivo dove entrano in gioco valori e credenze, ma anche suggestioni e pulsioni che nell’immediato condizionano e indirizzano emotivamente. In certi casi il confine tra la realtà e l’immaginazione diviene labile e qualunque elemento, anche il più fantasioso e arzigogolato, funge da verifica di un sospetto.

Il concetto di verosimiglianza è uno dei più usati nelle formulazioni del diritto ed è un passe-partout universale, una forma pseudologica dove all'occorrenza si può dire tutto e tutto il contrario. Verosimile o simile al vero è probabilmente di derivazione sofistica e intrattiene rapporti molto stretti con quel principio di induzione che è alla base di molti paralogismi e di quel principio di verificazione messo alla berlina da Popper (e sostituito con il criterio di falsificazione). La base del principio di verosimiglianza è una sorta di luogo comune o di valore implicito, o ancora di un supposto buon senso che fa riferimento al senso comune. Sul piano logico una cosa o è vera o è falsa (ad eccezione di una logica fuzzy con valori intermedi tra 0 e 1), il verosimile (o simile al vero) è semplicemente un escamotage con il quale un asserto non viene messo in discussione in quanto indecidibile, ma viene bollato con una sorta di marchio di garanzia (verosimile) o con un marchio di contraffazione (inverosimile). L’inverosimiglianza è un valore indefinito che senza esporsi alla falsificazione logica può invalidare l’asserto di un testimone o di un imputato mediante una formula che suscita il sospetto e adombra la menzogna... senza avere però l’onere di dimostrarlo.

Il termine verosimiglianza è anche sinonimo di probabilità (likelihood) e l’esempio classico viene dal famoso "testa o croce": “se lancio una moneta ed esce di seguito cento volte testa, qual è la verosimiglianza che quella moneta sia truccata?”. Direi nessuna, altrimenti la distribuzione statistica seguirebbe delle mere regolarità. La prova che quella moneta sia truccata (non una moneta ipotetica e astratta) è data soltanto da una analisi non statistica ma reale sulla moneta in oggetto. Insomma, prima di dire che è truccata ci vuole un collegio peritale che la analizzi. Se dovessimo basare i processi sulla statistica potremmo tranquillamente fare a meno delle prove, basterebbe fidarsi del calcolo delle probabilità con un margine di errore statisticamente nella norma.

Quella che poi viene definita bugia (non la menzogna), riguarda o l’equivoco concetto di verosimiglianza o la mera opinione di buon senso. Chiunque può avere qualche motivo per mentire su cose insignificanti e senza nessun interesse, sempre ammesso che si tratti davvero di bugie e non soltanto di errori della memoria (e dopo tre o quattro anni sfido chiunque a ricordare senza errori e contraddizioni quello che ha fatto il tal giorno alla tal ora). Si può mentire per pudore, per paura, per pigrizia, o semplicemente si può non dire il vero perché il fatto è senza interesse, senza rilievo, e non ci si rende neppure conto di dire qualcosa di sbagliato.

Quello che sappiamo è tutto lì, in pochi nanogrammi di materiale biologico (degradato? non coevo?). I test del  DNA di tipo “touch” possono risultare inaffidabili e fallibili, inclini a promuovere equivoci e a creare le premesse per incriminare innocenti? Innumerevoli articoli in varie lingue mettono in guardia dal mito dell’infallibilità del Dna, soprattutto se utilizzato come prova regina. Nel nostro paese anche sull'onda dei mass-media, sempre alla ricerca dello scoop, non sembra emergere nel pubblico mediatico la consapevolezza che il Dna è sì uno strumento di indagine, ma che va sempre inquadrato come dato da interpretare da parte dell’investigatore.

Il Dna, ancorché effettivamente in ottimo stato (cosa da verificare con controprova e da dimostrare in un contraddittorio), può trovare diverse spiegazioni se non suffragato da altri riscontri.  Non bisogna dimenticare che la sua attribuzione è di tipo probabilistico e non deterministico. Nessuno può condannare una persona per il solo rilievo del DNA sulla scena del delitto, anche con prove e controprove di laboratorio, soprattutto quando si tratta di tracce deteriorate e comunque suscettibili di interpretazioni difformi in merito alla loro presenza in loco. Da tempo lo slogan prova scientifica è diventato un mantra acritico. Alcuni sembrano affidarsi ciecamente a dei meri dati numerici che in quanto tali sono elementi neutrali (ancorché da verificare), cioè variamente interpretabili solo alla luce di un sistema indiziario consistente che permetta di inquadrare l’analisi genetica all'interno di una configurazione di inferenze e di consequenzialità non ricavate a posteriori come conferma del dato, ma in una premessa investigativa che inquadri l’analisi genetica in un contesto di indizi e di prove già ben formulato a priori con elementi concordanti e coerenti tra loro.

Il termine scientifico rischia di diventare l'orpello messo lì più che altro per impressionare quella vasta palude mediatica ingenua e sprovveduta, impressionabile per i soliti slogan e format divulgativi che parlano di scienza come se si trattasse di una bacchetta magica e non già di un sistema che pone proprio l’errore al centro della sua metodologia, soprattutto quando si tratta della realtà con tutte le sue contaminazioni e i suoi ingredienti sconosciuti ed indecidibili. Realtà che non sempre è rappresentabile nella situazione controllata del laboratorio. In aggiunta, occorre dire che più grande è il numero di prelievi e maggiore diventa non solo l’accuratezza predittiva, ma anche la possibile percentuale di errore umano. Compreso il ben noto meccanismo della profezia che si auto-adempie (o effetto Pigmalione: il peso delle aspettative in qualsiasi procedimento interpretativo e predittivo) per le influenze psicologiche e fisiologiche che finiscono col far credere di aver trovato quello che si cerca, soprattutto quando si viene criticati per anni e anni a causa di un’indagine costata molte risorse di tempo e troppo denaro.








Novità: Presto potrai ordinare e leggere "Outrage of Law", la versione americana de "La legge del Disprezzo".









Leggi gli altri articoli e i Saggi di Gilberto Migliorini 
Prestigiatori, ventriloqui e moralisti: ecco il target della meravigliosa macchina dell’informazione...
Siamo tutti dei "Massimo Bossetti": ignari protagonisti (nostro malgrado) e futuri attori di un sicuro successo mediatico...
A proposito di Massimo Bossetti... :-( Amore mio non ti sento da colazione. Non una chiamata, non un sms... non mi ami più? Hai la batteria scarica? #
Italy for sale...
Alla Festa de L'Unità gli uomini del PD fanno i "selfie" col nuovo messia...
Il gatto e la volpe (della politica nostrana) e la favola bella...
Siamo in recessione, il Pil arretra, non c'è ripresa, aumentano vertiginosamente le tasse...
Yara Gambirasio. La visita dei genitori, il quinto interrogatorio e la mancanza di riscontri...
Il mass-media pubblicizzano un marketing politico che mentre avanza calpesta il...
Massimo Bossetti: la scienza a cui si dà ragione senza alcuna precauzione ci mette in...
Yara Gambirasio. L'orwelliano Bel Paese: l'addestramento al pregiudizio e alle voci che...
A proposito del DNA di Massimo Bossetti. Chi cerca trova...
Yara Gambirasio. Il caso Bossetti e le prove immaginarie...
I partiti politici sono consorterie col vizio privato della pubblica tangente...
Vieni al cinema Italia insieme a me, c’è l’attore che piace a te…
La nuova destra italiana? Il Pd e il mancinismo corretto...
Vi spiego perché i cacciatori di farfalle (di elettori) ci considerino cavie da inserire...
I nuovi politici hanno toccato le corde della suggestione e incantato l'italiano...
Post elezioni... chi ha sbagliato cosa?
Elezioni europee 2014. Siamo passati dal Berlusca al Berluschino...
Caso Scazzi. La pubblica opinione è la "Cavia" di chi ha il potere
La generazione del XXI° secolo - esseri con poche idee che vivono fra un incerto futuro...
Paura di cambiare e retorica del mutamento: la difesa di una fortezza (quasi) vuota...
Il Rottamaio rottamato? Tanto va la gatta al lardo...
Senza dignità l'italiano si accuccia e invece di chiedere lavoro accetta l'elemosina...
S'i’ fosse foco... (a 'la demagogia de li politici mi c'appiccherei)
I nostri nuovi politici ci regalano bei sogni e presto ci sveglieremo nel campo dei miracoli
Il Gatto e la Volpe della nostra politica credono nella induttività...
I nostri nuovi politici rottamano la Repubblica e rispolverano la "Carte octroyée"...
Lettera al caro signor rottamatore che dice di rischiare l'osso del collo, suo o degli italiani?
La nuova politica dei demolitori specializzati a rigirar frittate...
Lettera ai pinocchi italiani che ancora credono ai politicanti millantatori
Spending review: ovvero la miopia del ragioniere e gli interessi occulti
L'affaire Ucraina e la crisi del modello americano
Pinocchio Gran Ciambellano del tavolo Rotondo (Discorso ai Borogavi) - Seconda puntata
L'Italia dell'armata Brancaleone affonda e l'orchestra suona il solito ritornello...
Pinocchio Gran Ciambellano del Tavolo Rotondo (Pinocchio in Parlamento)
Politica italiana = furbizia e trasformismo.
Effetto Pigmalione e ‘nuovo’ Governo: novanta giorni è il massimo di vita a cui può...
Il festival di Sanremo? La ninna nanna del pinocchietto italiano che vive...
Italia ultimo atto... prima del "de profundis"
Il grande inganno: Il Mondo è una macchina senza chiavi che solo in apparenza...
C’era una volta il bel paese…
Un radioso futuro per l'umanità? Difficile se la scienza e la tecnologia...
Adolescenza - Sognare la Vita ad occhi aperti
L'Italia cambia verso: ora agli italiani piacciono i boy scout...
La politica italiana: una situation comedy tra fiction, reality e soap opera...
L'italiano? Uno zombi che si aggira nel supermercato di una classe dirigente in svendita
Dal Don Rodrigo del Manzoni ai tanti Don Rodrigo della nostra politica
Ho fatto un sogno: il re era nudo e il mondo diverso
Effetto farfalla, ovvero il Politico come specialista del niente
Quel fluido mortale: TV e web
Transumanesimo e social network
Il Blog, ovvero uno psicoanalista virtuale...
Lo scenario nazionale come caricatura e metafora del futuro globale
Retoriche del consenso: Pinocchio... Pinocchio...
Il finto oppositore
L'utopia tecnologica tra fiducia nel futuro e catastrofismo...
L'attualità nella Storia della Colonna Infame - del Manzoni. Il passato non ha tempo...
Siamo link e ipertesti che si aggirano in un labirinto senza uscita...
2013 - Quale futuro?
Cold Case. Morfologia dell'assassino
Effetto Cold Case – Al di là dell'evidenza... noi, trattati come cavie...

Caso Scazzi – Bugie o false memorie?
Sarah Scazzi. Guardando oltre il giardino (e se Michele Misseri soffrisse di PTSD)
Caso Scazzi... ovvero: la commedia degli equivoci
Caso Scazzi: un'ipotesi basata sui potenziali falsificatori
Caso Scazzi. La vita è sogno...
Caso Scazzi – Logica e suggestione – Il tacchino di Russell
Caso Scazzi. Il sistema paese affetto da sindrome post traumatica?
Caso Scazzi. Un esperimento mentale
Caso Scazzi – Dialogo Socratico e Sarchiapone
Caso Scazzi - Il gatto di Schrödinger ed altri paradossi...
Caso Scazzi - Chi ha ucciso Sarah?
Caso Scazzi - Un nuovo format: dissoluzione dello spazio scenico. Mnemotecnica e...

203 commenti:

«Meno recenti   ‹Vecchi   201 – 203 di 203
magica ha detto...

ciao ivana. in un tuo post hai scritto.
mentre in Ester non ho notato altrettanta "fede a prescindere". In pratica, Ester non ha escluso categoricamente che suo figlio possa essere colpevole e, in tal caso, per lei non sarebbe giusto che a pagare fosse solo lui.
ok ivana tutto potrebbe essere.
il d.n.a trovato su yara potrebbe essere conclusivo di una colpa certa ( dico potrebbe perchè non sono all'altezza di sapere ) ma tutto il caso dovrebbe essere supportato da indizi certi :non considerazioni fantasiose .. allora siamo capaci tutti di risolvere i casi .. basta fare delle ipotesi (senza riscontri sicuri) tutti gli indizi sono illogici .
.la madre secondo alcuni commenti letti, sarebbe al corrente che il figlio abbia avuto un complice nell'omicidio . ok e bossetti lo va dire alla madre? se fosse cosi la madre lo avrebbe messo in guardia !! presupponenedo che michele fosse figlio di quell'uomo riesumato .invece non succede nulla .. io dico : sono una manica di sprovveduti?
ciao

ann ha detto...

Saluti a tutti là fuori, il mio nome è Ann e sono qui per testimoniare della sincerità e bontà del Dr Uzoya. Un grande incantatore di incantesimi che mi ha aiutato a riportare indietro mio marito. Mio marito si è innamorato di una collega nel suo ufficio e ha lasciato me e i bambini per stare con la signora. Tutto è iniziato come uno scherzo, ma sono rimasto scioccato e depresso quando si è trasferito con la signora. Ho pianto e cercato una soluzione su come riportarlo indietro, ma tutti i miei sforzi erano infruttuosi. Ho incontrato tanti falsi dottori online che non hanno fatto nulla, ma sono andati via solo con i miei soldi. Ho pensato di suicidarmi fino a quando mio marito, la sorella maggiore, mi ha presentato al dott. Uzoya perché ha detto che non era normale e che il Dr Uzoya l'ha aiutata nel passato. Ho contattato rapidamente il Dr Uzoya alla sua email, druzoyaspiritualtemple@gmail.com. Gli raccontai tutto e lui consultò i suoi dei per me e mi disse che la signora usava un incantesimo per mio marito e che tutto quello che faceva mio marito non era nel suo giusto senso. Ho fatto tutto ciò che il Dr mi ha chiesto e in 7 giorni mio marito ha picchiato la signora e tornò a casa chiedendo perdono. L'ho perdonato e viviamo felici e contenti grazie al Dr Uzoya. Se hai problemi con tuo marito, moglie, fidanzato, fidanzata o problemi di salute come l'HIV, il diabete, l'ulcera, il cancro, la fame, la cellula malata, contatta rapidamente Dr uzoya sulla sua email, druzoyaspiritualtemple@gmail.com. Provalo e lui porterà di nuovo la felicità e il sorriso sul tuo viso

ann ha detto...

Saluti a tutti là fuori, il mio nome è Ann e sono qui per testimoniare della sincerità e bontà del Dr Uzoya. Un grande incantatore di incantesimi che mi ha aiutato a riportare indietro mio marito. Mio marito si è innamorato di una collega nel suo ufficio e ha lasciato me e i bambini per stare con la signora. Tutto è iniziato come uno scherzo, ma sono rimasto scioccato e depresso quando si è trasferito con la signora. Ho pianto e cercato una soluzione su come riportarlo indietro, ma tutti i miei sforzi erano infruttuosi. Ho incontrato tanti falsi dottori online che non hanno fatto nulla, ma sono andati via solo con i miei soldi. Ho pensato di suicidarmi fino a quando mio marito, la sorella maggiore, mi ha presentato al dott. Uzoya perché ha detto che non era normale e che il Dr Uzoya l'ha aiutata nel passato. Ho contattato rapidamente il Dr Uzoya alla sua email, druzoyaspiritualtemple@gmail.com. Gli raccontai tutto e lui consultò i suoi dei per me e mi disse che la signora usava un incantesimo per mio marito e che tutto quello che faceva mio marito non era nel suo giusto senso. Ho fatto tutto ciò che il Dr mi ha chiesto e in 7 giorni mio marito ha picchiato la signora e tornò a casa chiedendo perdono. L'ho perdonato e viviamo felici e contenti grazie al Dr Uzoya. Se hai problemi con tuo marito, moglie, fidanzato, fidanzata o problemi di salute come l'HIV, il diabete, l'ulcera, il cancro, la fame, la cellula malata, contatta rapidamente Dr uzoya sulla sua email, druzoyaspiritualtemple@gmail.com. Provalo e lui porterà di nuovo la felicità e il sorriso sul tuo viso

«Meno recenti ‹Vecchi   201 – 203 di 203   Nuovi› Più recenti»